Il rapporto “Xinjiang”, un’altra verità sulla regione autonoma Iugura

Il rapporto "Xinjiang" dell'Eurispes e la verità sulla questione degli uiguri in Cina. Le accuse occidentali, che galoppano sui social, potrebbero essere quasi del tutto infondate. Il rapporto fornisce un quadro chiaro e oggettivo della situazione. Intanto continuano le tensioni internazionali sulla vicenda.

Xinjiang

C’è una porzione di territorio cinese che da anni è al centro di un acceso dibattito tra Stati: si tratta dello Xinjiang, la Regione autonoma della Repubblica Popolare Cinese. La Regione è un autentico crocevia geografico, dove avverrebbero delle pesanti violazioni umanitarie, da anni al centro di una controversa questione internazionale.

Con il Rapporto “Xinjiang”, un gruppo di ricercatori dell’EurispesLaboratorio BRICS, Istituto Diplomatico Internazionale (IDI), Centro Studi Eurasia-Mediterraneo (CeSEM), ha voluto fornire un quadro quanto più “oggettivo, indipendente ed affidabile” della reale situazione nella Regione cinese. 

L’area geografica di riferimento

La complessità della questione iugura (gli Iuguri sono l’etnia turcofona di religione islamica che vive prevalentemente nella regione dello Xinjiang) è legata alla delicatissima posizione geografica.

Nel territorio cinese, la regione confina a Sud con il Tibet e a Sud-Est con le province cinesi di Qinghai e di Gansu. Lo Xinjiang confina poi con molti Stati esteri: la Mongolia, la Russia, il Kazakistan, il Kirghizistan, il Tagikistan, l’Afghanistan, il Pakistan e la parte del Kashmir controllata dall’India a Ovest. 

All’interno della regione sono presenti 14 prefetture, 99 contee e 1.005 villaggi. Le aree antropizzate, tuttavia, nell’ambito delle quali risiedono circa 25 milioni di abitanti, corrispondono soltanto al 9,7% del territorio regionale. Il restante 90,3%, spiega il Rapporto “Xinjiang”, resta di fatto incontaminato tra imponenti alture, deserti e bacini idrografici.

La questione etnica e religiosa nello Xinjiang 

La posizione geografica della regione, autonoma dal 1955, ha inciso notevolmente sulla pluralità di etnie e comunità religiose presenti nell’area. Il rapporto menziona ben 47 gruppi etnici (di cui 13 principali), con molteplici comunità religiose: islamiche, buddhiste, taoiste, cristiane ed altre di minore entità.

Questa complessa situazione geografica, etnica e religiosa, fa dello Xinjiang – come spiega il Segretario generale dell’Eurispes Marco Ricceri – la regione “culturalmente e socialmente più diversificata della Cina”. Allo stato attuale, gli Uiguri costituiscono il 51,14% della popolazione locale, in crescita rispetto al dato del 2010 (45,84%).

 

Le accuse al governo cinese e il presunto genocidio degli uiguri

Sul governo di Pechino, da anni, pendono gravissime accuse da parte dei media europei e internazionali, riguardo una serie di repressioni sulla comunità uigura, il gruppo etnico di lingua uralo-altaica (turcofona), di religione islamica. La Cina avrebbe imposto nella regione delle politiche di controllo sulle nascite, con l’intento di reprimere la comunità degli uiguri.

Secondo diverse fonti europee, gli uiguri sarebbero accusati di essere il popolo del terrorismo. La risposta anti-terrorista di Pechino, sarebbe costituita da un programma di sicurezza nazionale, che ha previsto anche la creazione dei cosiddetti campi di rieducazione. Questi “gulag etnici” costituiscono il motivo principale delle accuse di genocidio culturale degli uiguri nella regione di Xinjiang.

La controffensiva europea si è tradotta in alcuni provvedimenti da parte dei ministri degli Esteri dei Paesi membri dell’Unione europea, i quali hanno approvato sanzioni contro i funzionari cinesi ritenuti maggiormente esposti nelle politiche repressive anti-uiguri.

 

Il Rapporto “Xinjiang”: alla ricerca di chiarezza

L’intento del Rapporto “Xinjiang” è di fare chiarezza sulla vicenda. Gli esiti offrono uno scenario molto diverso dalle attese dei media europei. Il Rapporto, infatti, spiega che “giornalisti, diplomatici, esperti, studenti o professionisti stranieri che hanno avuto o
hanno tuttora modo di frequentare lo Xinjiang e le sue città e contee, giungono tesi e testimonianze completamente diverse, che smentiscono sostanzialmente le accuse occidentali”.

I “Gulag etnici”, a quanto pare, sarebbero soltanto “luoghi di reclusione e deradicalizzazione per uomini e donne affiliati a gruppi terroristici”. La questione dello Xinjiang, dunque, sarebbe molto diversa da quella dipinta da gran parte della narrativa occidentale. Molte delle suggestioni sensazionaliste presenti sui social sarebbero del tutto infondate. 

Il rischio, dunque, è che una serie di informazioni non correttamente verificate continuino ad alimentare tensioni internazionali che pregiudicano i rapporti diplomatici tra Paesi. Il rapporto è consultabile integralmente accedendo a questo link: “Rapporto “Xinjiang”.

 

Ultime notizie
ricostruzione dopo la pandemia
Società

L’Italia della ricostruzione dopo la pandemia

Un approfondimento su come dovrà essere l'Italia della ri-costruzione post-pandemia da coronavirus. Alcune importanti considerazioni.
di Massimiliano Cannata
ricostruzione dopo la pandemia
Cultura

Cosa mancherà di Battiato: “la cura” e il suo eterno significato

Ci sono brani del repertorio di Franco Battiato che resteranno: tra questi c'è "La cura", del cui successo si stupì l'autore stesso.
di Giuseppe Pulina
Europa

“I care”, l’Unione europea ha trovato il suo nuovo motto

L'Unione Europea, per anni alla ricerca di una vera "missione" alla quale ispirarsi e tenere uniti i popoli, ha forse trovato un nuovo motto che congiunge presente, passato e futuro: "I care".
di Alfonso Lo Sardo
brusca
Cosa vuol dire Mafia?

Giovanni Brusca or the victory of the State

The release of Giovanni Brusca has aroused wide reactions in the Italian public opinion: he is one of the perpetrators of the Capaci massacre, the confessed perpetrator of hundreds of murders, including the brutal killing of a 14 years' boy. Anyway, it is a victory of the State, according to the pentiti law.
di Sergio Nazzaro
brusca
ricostruire
Italia

Il momento di ri-costruire

Questo è il momento di ricostruire un Paese fermo all'eredità lasciata dagli italiani del dopoguerra. Bisogna ripartire dalle infrastrutture e dalle maglie della burocrazia che ne ostacolano l'ammodernamento per rilanciare l'economia e progettare il futuro.
di Gian Maria Fara*
ricostruire
Liberazione Giovanni Brusca, intervista esclusiva
Cosa vuol dire Mafia?

Giovanni Brusca, perché lo Stato ha vinto. L’intervista

La liberazione di Giovanni Brusca nell'intervista ad un poliziotto della "Catturandi" che ha partecipato alla sua cattura e a quella di altri pericolosi boss mafiosi come Bernardo Provenzano.
di Sergio Nazzaro
Liberazione Giovanni Brusca, intervista esclusiva
Crisi climatica globale
Briefing

Crisi climatica globale, la sfida geoeconomica e diplomatica

Nel maggio 2019, il Mauna Loa Observatory (Hawaii), ha registrato una quantità di CO2 nell’atmosfera di 415 parti per milione, la più...
di Marco Alberti*
Crisi climatica globale
La Guardia Costiera e la sicurezza del mare
Intervista

Un mare di sicurezza: la Guardia Costiera. Intervista al Comandante generale, Ammiraglio Giovanni Pettorino

Ben il 73,8% degli italiani ripone la propria fiducia nella Guardia Costiera. Un risultato importante che premia il costante lavoro svolto dal Corpo a salvaguardia del nostro territorio, sia per quanto riguarda la tutela marina e ambientale sia per gli aspetti legati alla sicurezza in mare.
di Emilio Albertario
La Guardia Costiera e la sicurezza del mare
Lo Stato moderno nelle sfide del presente
Approfondimenti

Il declino dello Stato moderno nelle sfide del presente

Lo Stato moderno e il difficile adattamento alle sfide dell'era contemporanea. La prospettiva di Massimo Russo, direttore di Esquire Italia.
di Massimiliano Cannata
Lo Stato moderno nelle sfide del presente
La Turchia di Recep Tayyip Erdoğan
Approfondimenti

La Turchia islamica di Erdoğan e il rapporto con l’Europa

Lo Stato Islamico nella Turchia di Erdoğan. Dall'ascesa del leader turco alla gestione dei rapporti con l'Unione Europea.
di Pasquale Preziosa*
La Turchia di Recep Tayyip Erdoğan