Il rapporto “Xinjiang”, un’altra verità sulla regione autonoma Iugura

Il rapporto "Xinjiang" dell'Eurispes e la verità sulla questione degli uiguri in Cina. Le accuse occidentali, che galoppano sui social, potrebbero essere quasi del tutto infondate. Il rapporto fornisce un quadro chiaro e oggettivo della situazione. Intanto continuano le tensioni internazionali sulla vicenda.

Xinjiang

C’è una porzione di territorio cinese che da anni è al centro di un acceso dibattito tra Stati: si tratta dello Xinjiang, la Regione autonoma della Repubblica Popolare Cinese. La Regione è un autentico crocevia geografico, dove avverrebbero delle pesanti violazioni umanitarie, da anni al centro di una controversa questione internazionale.

Con il Rapporto “Xinjiang”, un gruppo di ricercatori dell’EurispesLaboratorio BRICS, Istituto Diplomatico Internazionale (IDI), Centro Studi Eurasia-Mediterraneo (CeSEM), ha voluto fornire un quadro quanto più “oggettivo, indipendente ed affidabile” della reale situazione nella Regione cinese. 

L’area geografica di riferimento

La complessità della questione iugura (gli Iuguri sono l’etnia turcofona di religione islamica che vive prevalentemente nella regione dello Xinjiang) è legata alla delicatissima posizione geografica.

Nel territorio cinese, la regione confina a Sud con il Tibet e a Sud-Est con le province cinesi di Qinghai e di Gansu. Lo Xinjiang confina poi con molti Stati esteri: la Mongolia, la Russia, il Kazakistan, il Kirghizistan, il Tagikistan, l’Afghanistan, il Pakistan e la parte del Kashmir controllata dall’India a Ovest. 

All’interno della regione sono presenti 14 prefetture, 99 contee e 1.005 villaggi. Le aree antropizzate, tuttavia, nell’ambito delle quali risiedono circa 25 milioni di abitanti, corrispondono soltanto al 9,7% del territorio regionale. Il restante 90,3%, spiega il Rapporto “Xinjiang”, resta di fatto incontaminato tra imponenti alture, deserti e bacini idrografici.

La questione etnica e religiosa nello Xinjiang 

La posizione geografica della regione, autonoma dal 1955, ha inciso notevolmente sulla pluralità di etnie e comunità religiose presenti nell’area. Il rapporto menziona ben 47 gruppi etnici (di cui 13 principali), con molteplici comunità religiose: islamiche, buddhiste, taoiste, cristiane ed altre di minore entità.

Questa complessa situazione geografica, etnica e religiosa, fa dello Xinjiang – come spiega il Segretario generale dell’Eurispes Marco Ricceri – la regione “culturalmente e socialmente più diversificata della Cina”. Allo stato attuale, gli Uiguri costituiscono il 51,14% della popolazione locale, in crescita rispetto al dato del 2010 (45,84%).

 

Le accuse al governo cinese e il presunto genocidio degli uiguri

Sul governo di Pechino, da anni, pendono gravissime accuse da parte dei media europei e internazionali, riguardo una serie di repressioni sulla comunità uigura, il gruppo etnico di lingua uralo-altaica (turcofona), di religione islamica. La Cina avrebbe imposto nella regione delle politiche di controllo sulle nascite, con l’intento di reprimere la comunità degli uiguri.

Secondo diverse fonti europee, gli uiguri sarebbero accusati di essere il popolo del terrorismo. La risposta anti-terrorista di Pechino, sarebbe costituita da un programma di sicurezza nazionale, che ha previsto anche la creazione dei cosiddetti campi di rieducazione. Questi “gulag etnici” costituiscono il motivo principale delle accuse di genocidio culturale degli uiguri nella regione di Xinjiang.

La controffensiva europea si è tradotta in alcuni provvedimenti da parte dei ministri degli Esteri dei Paesi membri dell’Unione europea, i quali hanno approvato sanzioni contro i funzionari cinesi ritenuti maggiormente esposti nelle politiche repressive anti-uiguri.

 

Il Rapporto “Xinjiang”: alla ricerca di chiarezza

L’intento del Rapporto “Xinjiang” è di fare chiarezza sulla vicenda. Gli esiti offrono uno scenario molto diverso dalle attese dei media europei. Il Rapporto, infatti, spiega che “giornalisti, diplomatici, esperti, studenti o professionisti stranieri che hanno avuto o
hanno tuttora modo di frequentare lo Xinjiang e le sue città e contee, giungono tesi e testimonianze completamente diverse, che smentiscono sostanzialmente le accuse occidentali”.

I “Gulag etnici”, a quanto pare, sarebbero soltanto “luoghi di reclusione e deradicalizzazione per uomini e donne affiliati a gruppi terroristici”. La questione dello Xinjiang, dunque, sarebbe molto diversa da quella dipinta da gran parte della narrativa occidentale. Molte delle suggestioni sensazionaliste presenti sui social sarebbero del tutto infondate. 

Il rischio, dunque, è che una serie di informazioni non correttamente verificate continuino ad alimentare tensioni internazionali che pregiudicano i rapporti diplomatici tra Paesi. Il rapporto è consultabile integralmente accedendo a questo link: “Rapporto “Xinjiang”.

 

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu