Fertilizzanti naturali, uno sguardo al futuro dell’agricoltura

FERTILIZZANTI

La crescita del mercato dei fertilizzanti organici

A guidare il mercato globale dei fertilizzanti organici saranno, nei prossimi anni, la crescente domanda del settore agricolo e la richiesta consapevole, da parte dei consumatori, di un’agricoltura sempre più orientata verso la sostenibilità e il biologico.

Questo orientamento è corroborato dal dato relativo alle dimensioni del mercato dei fertilizzanti organici che raggiungeranno, secondo le previsioni di IndustryARC[1], un giro d’affari di circa 12,5 miliardi di dollari entro il 2027 con una crescita del 10,2% per il periodo 2022-2027.  Il Report di IndustryARC offre un’analisi completa del mercato, dei suoi principali segmenti, dei fattori di crescita, delle tendenze.

I fertilizzanti organici derivano da fonti organiche come il letame animale e gli estratti di alghe. Questa industria utilizza compost organici che devono essere derivati da fonti completamente organiche. L’uso di questi fertilizzanti non convenzionali può comportare un maggiore beneficio economico rispetto all’uso di metodi convenzionali. Una agricoltura improntata sull’uso di fertilizzanti alternativi a quelli chimici può potenzialmente offrire vantaggi in termini di tutela dell’ambiente, conservazione delle risorse non rinnovabili, miglioramento della qualità degli alimenti, riqualificazione e conversione dei modelli agricoli verso il cambiamento della domanda del mercato.

Il Report IndustryARC ha evidenziato alcuni punti fondamentali, che si snodano su tre aspetti in particolare.

Per prima cosa, il mercato dei fertilizzanti organici nel 2021 è stato dominato dall’area Asia-Pacifico[2] con una fetta di mercato pari a circa il 35%, seguita dall’Europa e dal Nord America. L’area dell’Asia-Pacifico continuerà a far registrare una crescita più rapida nel mercato globale grazie al fatto che i fertilizzanti per frutta, verdura e tè rappresentano una quota importante per quanto riguarda la richiesta della Cina.

Il secondo aspetto riguarda i fertilizzanti di origine vegetale che detengono la quota maggiore di oltre il 46% del mercato dei fertilizzanti organici nel 2021. I fertilizzanti di origine vegetale funzionano meglio in terreni biologicamente attivi, regolarmente arricchiti con compost, colture di copertura e pacciamature in decomposizione. I fertilizzanti a base vegetale migliorano il terreno nel quale vengono utilizzati. Non solo aiutano a trattenere l’acqua, ma rendono anche il terreno più leggero, in modo che le radici delle piante abbiano più aria a disposizione. Infine, l’applicazione al suolo detiene la quota maggiore di oltre il 62% nel mercato dei fertilizzanti organici nel 2021; questo metodo è ideale per un’ampia gamma di colture, tra cui cereali, semi oleosi e legumi.

La situazione in Italia

In Italia l’industria degli agrofarmaci muove quasi 1 miliardo di euro all’anno e, con questi numeri, si posiziona al sesto posto nel Mondo e al terzo in Europa, contribuendo così per una quota dell’1,7% al fatturato complessivo dell’industria chimica italiana. Il 70% di questo mercato è riferibile ai fertilizzanti minerali e il rimanente 30% a quelli a base organica.

Stando a quanto rilevato dal Rapporto 2020-2021 Federchimica Confindustria, la maggior parte dei fertilizzanti è destinato alle regioni del Nord Italia; il 15% a quelle centrali e il 20% alle regioni del Mezzogiorno.

In Europa la dimensione del mercato dei biostimolanti di nuova generazione e a basso impatto ambientale è invece di circa 800 milioni, di cui 200 milioni in Italia, con un tasso di crescita superiore al 10% annuo.[3]  Un comparto fiorente e in espansione, dunque, che potrebbe beneficiare anche dei nuovi indirizzi normativi a livello europeo che puntano ad  una riduzione di almeno il 20% dell’uso dei fertilizzanti in agricoltura.

 

[1] IndustryARC è una delle principali società di consulenza e ricerca di mercato al mondo.

[2] L’area ricomprende l’insieme delle nazioni asiatiche ed oceaniane le cui coste sono bagnate dall’Oceano Pacifico.

[3] https://www.ilsole24ore.com/art/crescono-10percento-l-anno-fertilizzanti-senza-chimica-nuova-frontiera-nell-agricoltura-ADRcwwb

Leggi anche

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità