La storia tragica di una donna di mafia nel romanzo di Rita Mattei

ninna nanna

Ninna nanna, una storia d’amore e di mafia è il romanzo di Rita Mattei pubblicato per i tipi di All Around edizioni, che prova a raccontare la ferocia della mafia attraverso la storia di Carmelina, cresciuta a pane e mafia e moglie del numero due di Cosa Nostra. Ispirato alla storia vera di Vincenzina Marchese, Ninna nanna è ambientato nel periodo stragista che insanguinò Palermo e il resto del Paese, un contesto politico e sociale di grande impatto che costringerà la protagonista a riflettere e a mettere in discussione le sue certezze. Al centro della vicenda c’è Vincenzina Marchese, alias Carmela, una donna di mafia, moglie di un boss, una moderna Antigone che vede smarriti i suoi desideri di madre e si suicida, impiccandosi. A fare da coro alla tragedia c’è la Storia di un Paese martoriato in una delle sue stagioni più feroci e opache: i primi anni Novanta, la stagione delle stragi e del primo Maxiprocesso di Palermo.

Vincenzina donna nell’ombra come richiesto dalla grammatica sociale

Ninna nanna ripercorre la storia di Vincenzina Marchese, che nel racconto di Rita Mattei viene chiamata Carmela. Proveniente da una storica famiglia mafiosa di Palermo, agli inizi degli anni Novanta Carmela sposa il boss corleonese Leoluca Bagarella, appena uscito dal carcere dell’Ucciardone. Sebbene le venga garantito un matrimonio di lusso in Rolls Royce, come nelle migliori saghe di mafia alle quali ci ha abituato il cinema, Carmela è una sposa nell’ombra, come richiesto dalla grammatica sociale della mafia. Sono gli anni dei morti ammazzati, del tritolo, delle strade che si squarciano a Capaci e in via D’Amelio, degli attentati a Firenze, Milano e Roma. I morti sono tanti, anche tra i bambini: uno per tutti, il piccolo Giuseppe Di Matteo, sequestrato per due anni e poi sciolto nell’acido, reo di essere il figlio di un pentito. E Carmela, che un bambino lo vorrebbe, non riesce ad avere figli, abortisce due volte. Forse per una punizione di dio, lei pensa, non riesce a diventare madre.

Una storia di mafia ambientata negli anni di Tangentopoli e del Maxiprocesso

Intanto la ruota della storia va avanti, sono gli anni di Tangentopoli e del Maxiprocesso, della trattativa Stato-mafia e del processo ad Andreotti. Nel tumulto di quegli anni Carmela soffre, sta male come donna ombra e come mancata madre, e si domanda  se si possa uscire dall’inferno. Esce di scena come una eroina tragica, uccidendosi con una corda al collo, per infelicità. La sua morte resta ancora un mistero. Secondo Tony Calvaruso, ex autista di Bagarella diventato in carcere collaboratore di giustizia, su richiesta del marito, dopo la morte fu prelevata in gran segreto e seppellita su una collina di Badia, vicino Palermo. Il suo corpo non è mai stato ritrovato. 

Rita Mattei racconta quegli anni torbidi, i dietro le quinte, gli orrori, la stagione delle bombe e ciò che ne conseguì

Rita Mattei è una giornalista che ha lavorato in Rai, al Tg2 e al Tg3 come inviata speciale; è stata anche capo redattore della cronaca nazionale. L’autrice, con l’empatia di chi si è sporcata le scarpe con il fango della strada, si immedesima nella vicenda umana di una donna appartenente ad un mondo chiuso eppure tanto vicino, riuscendo a restituirne un ritratto umano e tragico. Insieme a Vincenza/Carmelina, Rita Mattei racconta quegli anni torbidi: i dietro le quinte, gli orrori, la stagione delle stragi di mafia e di ciò che ne conseguì. Come se attraverso la cruna dell’ago della storia di Vincenzina avesse fatto passare il filo della Storia, quella con la esse maiuscola. Il titolo Ninna Nanna non tragga in inganno: non c’è dolcezza nella vicenda drammatica di una donna nata dalla parte sbagliata. Solo sul finale la vita di Carmela sembra concederle una sorta di tregua nella resa: “forse quando mi risveglierò sarà una bella giornata e sarò felice”.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang