La storia tragica di una donna di mafia nel romanzo di Rita Mattei

ninna nanna

Ninna nanna, una storia d’amore e di mafia è il romanzo di Rita Mattei pubblicato per i tipi di All Around edizioni, che prova a raccontare la ferocia della mafia attraverso la storia di Carmelina, cresciuta a pane e mafia e moglie del numero due di Cosa Nostra. Ispirato alla storia vera di Vincenzina Marchese, Ninna nanna è ambientato nel periodo stragista che insanguinò Palermo e il resto del Paese, un contesto politico e sociale di grande impatto che costringerà la protagonista a riflettere e a mettere in discussione le sue certezze. Al centro della vicenda c’è Vincenzina Marchese, alias Carmela, una donna di mafia, moglie di un boss, una moderna Antigone che vede smarriti i suoi desideri di madre e si suicida, impiccandosi. A fare da coro alla tragedia c’è la Storia di un Paese martoriato in una delle sue stagioni più feroci e opache: i primi anni Novanta, la stagione delle stragi e del primo Maxiprocesso di Palermo.

Vincenzina donna nell’ombra come richiesto dalla grammatica sociale

Ninna nanna ripercorre la storia di Vincenzina Marchese, che nel racconto di Rita Mattei viene chiamata Carmela. Proveniente da una storica famiglia mafiosa di Palermo, agli inizi degli anni Novanta Carmela sposa il boss corleonese Leoluca Bagarella, appena uscito dal carcere dell’Ucciardone. Sebbene le venga garantito un matrimonio di lusso in Rolls Royce, come nelle migliori saghe di mafia alle quali ci ha abituato il cinema, Carmela è una sposa nell’ombra, come richiesto dalla grammatica sociale della mafia. Sono gli anni dei morti ammazzati, del tritolo, delle strade che si squarciano a Capaci e in via D’Amelio, degli attentati a Firenze, Milano e Roma. I morti sono tanti, anche tra i bambini: uno per tutti, il piccolo Giuseppe Di Matteo, sequestrato per due anni e poi sciolto nell’acido, reo di essere il figlio di un pentito. E Carmela, che un bambino lo vorrebbe, non riesce ad avere figli, abortisce due volte. Forse per una punizione di dio, lei pensa, non riesce a diventare madre.

Una storia di mafia ambientata negli anni di Tangentopoli e del Maxiprocesso

Intanto la ruota della storia va avanti, sono gli anni di Tangentopoli e del Maxiprocesso, della trattativa Stato-mafia e del processo ad Andreotti. Nel tumulto di quegli anni Carmela soffre, sta male come donna ombra e come mancata madre, e si domanda  se si possa uscire dall’inferno. Esce di scena come una eroina tragica, uccidendosi con una corda al collo, per infelicità. La sua morte resta ancora un mistero. Secondo Tony Calvaruso, ex autista di Bagarella diventato in carcere collaboratore di giustizia, su richiesta del marito, dopo la morte fu prelevata in gran segreto e seppellita su una collina di Badia, vicino Palermo. Il suo corpo non è mai stato ritrovato. 

Rita Mattei racconta quegli anni torbidi, i dietro le quinte, gli orrori, la stagione delle bombe e ciò che ne conseguì

Rita Mattei è una giornalista che ha lavorato in Rai, al Tg2 e al Tg3 come inviata speciale; è stata anche capo redattore della cronaca nazionale. L’autrice, con l’empatia di chi si è sporcata le scarpe con il fango della strada, si immedesima nella vicenda umana di una donna appartenente ad un mondo chiuso eppure tanto vicino, riuscendo a restituirne un ritratto umano e tragico. Insieme a Vincenza/Carmelina, Rita Mattei racconta quegli anni torbidi: i dietro le quinte, gli orrori, la stagione delle stragi di mafia e di ciò che ne conseguì. Come se attraverso la cruna dell’ago della storia di Vincenzina avesse fatto passare il filo della Storia, quella con la esse maiuscola. Il titolo Ninna Nanna non tragga in inganno: non c’è dolcezza nella vicenda drammatica di una donna nata dalla parte sbagliata. Solo sul finale la vita di Carmela sembra concederle una sorta di tregua nella resa: “forse quando mi risveglierò sarà una bella giornata e sarò felice”.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili