Festa dei Nonni, un “bancomat sociale” per le emergenze

Per oltre 7 italiani su 10 contribuiscono al sostegno economico della famiglia. Nella crisi sono stati una sorta di “bancomat” per le emergenze e la loro casa un posto sicuro dove tornare. Oltre al sostegno economico non hanno fatto mancare ai nipoti la propria presenza di cura e di accudimento, sostituendosi spesso ai genitori impegnati nel lavoro. Genitori dei propri figli, e un po’ anche dei “figli dei figli”, sono i Nonni d’Italia e si festeggiano il 2 ottobre.
La famiglia costituisce un luogo di sostegno affettivo, assistenziale ed economico.
Nel tempo si è assistito ad una continua trasformazione di questo “luogo” e, in particolare, della struttura familiare come specchio dei cambiamenti che hanno investito i piani sociale, economico e politico.
Negli ultimi anni sono cresciute numericamente le famiglie unipersonali. Al fianco di questo “ridimensionamento”, la crisi economica, l’aumento del numero dei divorzi e delle separazioni, l’elevato tasso di disoccupazione giovanile e la precarizzazione sono alcuni dei fattori che hanno spinto membri di più generazioni a convivere sotto lo stesso tetto, contribuendo ad un “ritorno” delle famiglie estese.
L’ultima rilevazione condotta dall’Eurispes (gennaio 2018) ha indagato alcuni aspetti relativi alla famiglia con particolare attenzione alla figura dei nonni. È opinione diffusa che quest’ultimi nel contesto italiano hanno un ruolo fondamentale e più marcato rispetto a quanto avviene all’estero. Ciò è strettamente legato, oltre che a fattori culturali, alle politiche sociali messe in atto in tema di famiglia e ai sussidi/agevolazioni generalmente meno presenti in Italia in confronto ad altri paesi. È proprio per sopperire a questa mancanza che emerge l’importanza di una figura come quella dei nonni.

I dati del Rapporto
I dati dell’Eurispes si basano sull’esperienza, diretta o indiretta, del campione intervistato.
La convinzione che oggi i nonni contribuiscono al sostegno economico della famiglia è largamente condivisa (72,7%). Questo dato conferma il ruolo di ammortizzatori sociali che i nonni hanno rivestito negli anni di crisi, e questo grazie ad una maggiore pregressa capacità di risparmio unita alla solidità delle pensioni o alla propensione ad investire nel passato in beni immobili. Insomma i genitori sono stati per molti figli – soprattutto per quelli usciti dal nucleo familiare d’origine per crearne uno nuovo – una sorta di “bancomat” per le emergenze. D’altronde anche la cura dei figli ha un costo: molti genitori si trovano nella condizione di lavorare e di spendere buona parte del budget familiare per babysitter o tate, oppure per un nido privato. A questa voce di spesa spesso sopperiscono proprio i nonni.
I nonni dunque sono anche un “luogo” di cura, di affetto e di esperienza. E lo hanno dimostrato nella crisi dando supporto ai figli non solo economicamente, ma anche mettendo a disposizione il loro tempo per aiutarli a gestire i bambini, nella preparazione dei pasti e negli impegni quotidiani (78,6%).
Nonostante il grande impegno profuso nella gestione dei “figli dei figli”, i nonni sono anche persone autonome che vivono la propria vita, coltivando i propri interessi: li vede così oltre metà del campione (56,8%). Non manca però chi è convinto (56,8%) che molti nonni, forse perché troppo anziani, abbiano, allo stesso modo, bisogno di aiuto da parte dei figli, in un evidente scambio reciproco.
Anche la fascia d’età degli intervistati può condizionare le opinioni circa la figura e la funzione dei nonni.
Sostegno economico e messa a disposizione di tempo di cura della prole e gestione del quotidiano sono le due voci che raccolgono i tassi più elevati di risposta da parte di coloro che hanno tra i 25 e i 34 anni (rispettivamente 83,8% e 83,7%). È infatti possibile immaginare come soprattutto questa fascia d’età possa godere dei benefici derivanti dal sostegno dei nonni soprattutto nella cura dei nipoti e nella difficoltà di districarsi tra impegni di tutti i giorni.
È inoltre plausibile ipotizzare una relazione tra area geografica e opinioni sulla figura dei nonni in funzione della diversità e delle peculiarità italiane, soprattutto se si chiama in causa anche il mercato del lavoro. Infatti, per le famiglie in cui entrambi i genitori sono occupati, un aiuto da parte dei nonni nella cura dei figli può essere prezioso – si esprimono in tal senso gli intervistati del Nord-Ovest (84,4%); quelli del Centro (81,7%) del Nord-Est e del Sud con lo stesso valore percentuale (76,5%); in ultimo gli intervistati delle Isole (66,9%).
Lo stesso vale per il sostegno economico nei casi in cui emergano delle difficoltà finanziarie; rispetto a tale relazione emergono percentuali elevate per l’espressione proposta (78,1% per il Centro; 76,5% per il Nord-Est; 71,1% per il Nord-Ovest). Anche per questa modalità, gli intervistati del Sud e quelli delle Isole registrano percentuali minori di accordo: rispettivamente, 69,3% e 66,9%.
Per quanto riguarda, invece, l’espressione “Vivono la loro vita” la percentuale più bassa è rintracciabile per gli intervistati del Sud (con il 38,2%), poco più della metà rispetto alla percentuale del Nord-Est (70,9%).
Dai dati emerge nel nostro Paese la rappresentazione di una terza età dinamica e vitale, che conquista un ruolo più significativo in un quadro aggiornato della famiglia moderna.
I nonni si segnalano come i nuovi protagonisti attivi, hanno dimostrato di sapersi proporre con accenti e caratteristiche diversi, per conquistarsi un posto di rilievo nella famiglia. Non più “quelli che viziano”, ma un punto di riferimento educativo e di accudimento per i propri nipoti; una “boccata” d’aria per genitori sempre più impegnati lavorativamente e socialmente. L’allungamento della speranza di vita e la consapevolezza degli anziani di sopravvivere più a lungo e di poter godere della crescita di nipoti, e talvolta di pro-nipoti, finisce per conferire a questa fascia di età ruoli nuovi e significativi. Nella famiglia allargata, in cui sono sempre più frequenti i fenomeni di rientro forzoso dei giovani nel nucleo familiare d’origine per perdita di lavoro o di reddito, a causa di separazioni o divorzi, si vanno così evidenziando caratteristiche sostanzialmente diverse da quelle della famiglia tradizionale.
In conclusione, oggi i nonni si ritrovano ad essere due volte genitori: sono loro infatti che sempre più spesso accudiscono i nipoti e sostengono i figli, anche economicamente.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali