Flat tax su reddito “incrementale”: la proposta della Lega per l’emersione del sommerso

Una flat tax “corretta” per superare il problema dello “scalino” e agevolare l’emersione del sommerso. La Lega, negli scorsi giorni, ha presentato un interessante progetto di legge (Atto Camera, proposta di legge: Gusmeroli ed altri: «Istituzione di un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e delle relative addizionali per gli incrementi di reddito realizzati rispetto all’anno precedente» – 1501), basato sulle seguenti direttrici. Nell’ottica di agevolare l’emersione del sommerso, si prevede un’imposta sostitutiva, con aliquota al 15%, che sostituirebbe Irpef, Ires e addizionale regionale e comunale, da applicarsi a partire dal 10% del reddito dichiarato in più (reddito incrementale), rispetto all’anno precedente, dal contribuente. A fronte di questa “autodenuncia”, il contribuente sarebbe comunque tutelato da ulteriori accertamenti tributari, escluse le ipotesi di reati particolarmente gravi, o frodi fiscali; sul reddito eccedente soggetto ad imposta sostitutiva non pagherebbe neppure i contributi previdenziali e assistenziali, ferma restando la possibilità di scegliere di versarli in forma volontaria al fine di aumentare la propria quota pensionistica. Un’altra agevolazione, non di poco conto, è quella che deriverebbe dalla conformità dell’eccedenza di reddito dichiarato. Se per i due anni successivi la base imponibile supererà il reddito dichiarato al lordo degli oneri deducibili dell’anno 2019, maggiorato della percentuale Istat dell’anno, di una percentuale del 10%, il reddito si considererà conforme. E ciò comporterà, come detto la non accertabilità, fatti salvi quei reati tributari per cui scatta il procedimento penale o la mancata dichiarazione di redditi esteri. L’imposta, nelle intenzioni del disegno di legge, si dovrebbe applicare dal 1° gennaio 2020 sui redditi conseguiti nel 2019 e dovrebbe avere una durata temporale di tre anni e riguarderebbe tutti i contribuenti titolari di partita Iva o società.

La soluzione mira anche a correggere un problema abbastanza evidente del sistema flat tax, ossia quello del cosiddetto “scalino”. In estrema sintesi, nel caso del nuovo regime forfettario, per tutti i lavoratori autonomi che guadagnano fino a 65mila euro l’anno, che prevede un’aliquota del 15%, si potrebbe generare la tentazione di restare sotto la fatidica soglia, anche a costo di “nascondere” parte del fatturato. In sostanza, chi guadagna 65mila euro l’anno non ha alcuna convenienza a incassarne ulteriori 10mila perché si vedrebbe costretto a pagare quasi 11mila euro di imposte in più. E lo stesso sarà, dal 2020, per l’aliquota flat al 20% per imprenditori individuali e professionisti che, nell’anno precedente a quello di accesso, abbiano conseguito ricavi o percepito compensi, ragguagliati ad anno, compresi tra 65.001 e 100.000 euro.

E allora il nuovo disegno di legge considera che, laddove il contribuente dichiari almeno il 10% in più rispetto all’anno precedente, sul maggior reddito, aumentato dell’incremento Istat (il riferimento è il 2019 per il primo anno di vigenza), si possa applicare un’imposta sostitutiva, denominata IrpefIresPlus (non è un errore di battitura n.d.r.), al 15%. L’idea potrebbe, in effetti, funzionare come efficace (e concreto) mezzo di recupero dell’evasione, soprattutto se unito a più efficaci metodologie di contrasto all’evasione fiscale, che appunto “consiglino” l’emersione. Analoga proposta, del resto, era stata “lanciata” anche su questa Rivista (https://www.leurispes.it/provare-la-flat-tax-soltanto-sul-reddito-emerso/), laddove si evidenziava come fosse poco credibile (anche prima della flat tax) che la media del dichiarato in Italia fosse di circa 20.000 euro (lordi), con la improvvida conseguenza che il nostro Paese considera “ricchi” quei contribuenti che dichiarano redditi sopra i 28.000 euro, con aliquote oggettivamente molto alte, tra il 38% e il 43%. Una delle motivazioni sottese alla “flat tax” era ed è quindi proprio la consapevolezza dell’evasione fiscale endemica del nostro Paese, per cui si ritiene che, applicando un’aliquota più bassa, quella gran parte di contribuenti che oggi dichiara cifre irrisorie sarebbe incentivata ad “emergere” (sempre che si assicuri loro di farlo senza conseguenze “eccessive”).

E allora la “flat tax” può ben essere vista come un’opportunità di contrasto all’evasione, da applicarsi solo sulla parte di reddito emersa, circostanza che porterebbe gli italiani a convincersi a dichiarare in più, da un anno all’altro. Una volta usciti allo scoperto, peraltro, potendosi contare su una concreta base imponibile di riferimento, non sarebbe, allora sì, lontana l’idea di applicare la nuova aliquota su tutto il reddito, finanziando le minori entrate con le maggiori risorse provenienti dall’allargamento della base imponibile. Insomma, un percorso almeno da tentare.

Ultime notizie
piattaforme
Società

L’età delle piattaforme nella società del rischio

Le piattaforme sono oggi il luogo in cui si esercita il vero potere di controllo e di indirizzo, con conseguenze politiche non di poco conto. Il saggio “I poteri privati delle piattaforme e le nuove frontiere della privacy” (ed. Giappichelli), curato dal presidente dell’Authority di settore, Pasquale Stanzione, tematizza, in particolare, il delicato rapporto che oggi sussiste tra evoluzione del diritto e sviluppo tecnologico.
di Massimiliano Cannata
piattaforme
grandi stazioni
Infrastrutture

Infrastrutture italiane tra innovazione e corporativismo: intervista ad Alberto Baldan, AD di Grandi Stazioni Retail

Alberto Baldan, amministratore delegato di Grandi Stazioni Retail, sostiene il ruolo delle infrastrutture ferroviarie per avvicinare le città italiane e modernizzare il trasporto nel Paese in termini di sostenibilità e rigenerazione urbana.
di Angela Abbrescia
grandi stazioni
patrimonio culturale
Criminalità e contrasto

Tecnologie avanzate e collaborazione interforze. TPC dei Carabinieri: un Corpo in difesa del Patrimonio Culturale

Dal 1969 il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale svolge la sua attività di contrasto al traffico di opere d’arte, primo Corpo speciale al mondo individuato specificamente per tale funzione. Da allora, sono circa 3 milioni le opere recuperate e rientrate legittimamente nel nostro Paese.
di redazione
patrimonio culturale
costo della vita
Economia

Costo della vita e occupazione in discesa nei settori a basso reddito nel post-Covid come effetto della crisi ucraina

Mentre l’economia mondiale, seppur con variazioni significative, si è ripresa rapidamente dopo la pandemia – 57 milioni i posti di lavoro persi...
di redazione
costo della vita
libere per tutte
Immigrazione

Libere per tutte. Storie di donne e del loro coraggio

Libere per tutte. Il coraggio di lottare per sé e per gli altri di Marco Omizzolo (Fondazione Feltrinelli 2022) racconta tre donne diverse ma ugualmente resistenti, descritte in chiave sociologica ma non priva di trasporto, con lo scopo di documentare e denunciare patriarcato, sfruttamento e discriminazione contro le donne.
di Giusy Rosato
libere per tutte
Made in Italy
Economia

Strategie fiscali in difesa del Made in Italy

Made in Italy, un patrimonio da difendere e valorizzare con efficaci strategie fiscali, prima fra tutte l’agevolazione fiscale alle reti di imprese e la valorizzazione del capitale umano. In primo piano anche la lotta alla contraffazione sul piano fiscale per disincentivare la concorrenza sleale.
di Giovambattista Palumbo*
Made in Italy
gentrificazione
Società

Gentrificazione e turismo, quale futuro ci aspetta

Gentrificazione e turismo di massa sono due fenomeni in aumento e interconnessi, generanti profondi cambiamenti nel tessuto urbano e sociale delle città italiane. Per questo motivo andrebbero riconsiderati in relazione a logiche di pianificazione urbana e non di laissez faire.
di Roberta Rega
gentrificazione
flat tax
Economia

Flat tax, questa sconosciuta

La flat tax richiama la questione della corrispettiva copertura finanziaria, nonché della progressione di aliquota. Ma il vero problema in materia fiscale è l’evasione, e la flat tax va vista come una misura mirata in primis a favorire la emersione dei redditi non dichiarati.
di Giovambattista Palumbo*
flat tax
Carmelo Cedrone
Biografia

In ricordo di Carmelo Cedrone

Ci ha lasciato Carmelo Cedrone, scomparso ai primi di settembre; è stato un sincero europeista, autentico sindacalista, promotore e coordinatore del “Laboratorio Europa” per l’Eurispes, fino all’ultimo impegnato a dare il proprio contributo al processo di integrazione europea.
di Marco Ricceri*
Carmelo Cedrone
giustizia tributaria
Economia

Riforma della giustizia tributaria. Contesto, prospettive e criticità

La Giustizia tributaria è finalmente oggetto di una riforma, arrivata alla Camera con la seduta straordinaria del 9 agosto 2022. Uno degli obiettivi della riforma, negoziati nell’ambito del Pnrr, era la riduzione della durata media dei processi in Cassazione.
di Giovambattista Palumbo*
giustizia tributaria