Informazione

Freccero: “In Rai il Presidente costretto a subire l’Ad”

Se la tv pubblica ha abbandonato il suo scopo centrale, quello di renderci più colti, potrebbe almeno stimolare la nostra intelligenza e la nostra creatività. “Ma non mi pare che, nell’immediato, il mio appello sia stato recepito”. Pubblichiamo la seconda parte dell’intervista a Carlo Freccero, consigliere di amministrazione Rai, docente universitario, tra i massimi esperti di media e televisione.  “Bisogna riformare l’informazione pubblica, troppo centrata sull’infotainment  e riformare anche il settore digitale”. Grave, per l’ex direttore di Rai2 e di Rai4, che si dia così poco spazio alle notizie internazionali.

 

Nel suo saggio Televisione lei fa riferimento alle nuove aspettative del pubblico nei confronti della tv generalista. Più coinvolgimento e interazione e non più mero intrattenimento. Quali trasformazioni dobbiamo attenderci?

Nel mio libro cerco di formulare un’ipotesi di servizio pubblico che si rifà alla motivazione pedagogica alla base delle origini del servizio pubblico stesso. In tutta Europa il servizio pubblico televisivo è stato concepito per diffondere il capitale culturale. Una impostazione, questa, che con la globalizzazione è stata cancellata. In Europa la cultura ha sempre avuto più importanza della ricchezza, a differenza dell’America che ha sempre e solo preso in considerazione il capitale economico. Nei paesi protestanti la ricchezza è simbolo di grazia divina, come spiega Weber ne L’Etica protestante e lo spirito del capitalismo. Il pensiero americano è pragmatico e il suo fine è la ricchezza. Il pensiero europeo era critico e il suo fine era la cultura. Il sociologo francese Bourdieu ne La distinzione, accanto al capitale economico identifica un capitale culturale come elemento di distinzione sociale.

E ciò, che cosa ha comportato?

In breve, in America le élites tendono a rendersi identificabili come tali ostentando ricchezza come del resto succede oggi anche da noi. Con la cancellazione  di fatto del concetto di capitale culturale anche la funzione pedagogica della televisione come servizio pubblico televisivo è venuta meno. Nel mio libro mi chiedo come renderla di nuovo attuale e la risposta è la sostituzione del capitale culturale con il capitale intellettuale. In poche parole, se la cultura non è più considerata al centro della distinzione sociale, esiste oggi un altro valore spendibile anche in un contesto pragmatico come quello attuale e mi riferisco all’intelligenza e alla creatività che oggi è alla base di tutto. Se la televisione ha abbandonato il suo scopo centrale che è quello di farci più colti, può sempre proseguire, secondo me, nel tentativo di renderci più intelligenti.

E ci sta rendendo più intelligenti, il servizio pubblico?

No, mi pare che, nell’immediato, il mio appello non sia stato recepito. Del resto la televisione generalista continua a perseguire l’audience sulla base di una concezione economicista di far quadrare i conti, cercando di rendere competitive sul mercato le reti pubbliche. Basta dire che nell’attuale ordinamento della Rai – voluto da Renzi – la figura del presidente del CdA, che dovrebbe stabilire la linea culturale, è subordinata a quella dell’amministratore delegato, come qualsiasi Ceo che ha il solo scopo di far quadrare i bilanci. Nel contesto attuale la riforma più urgente dovrebbe essere quella dell’informazione, troppo incentrata sull’infotainment. La riforma dell’informazione porta con sé la riforma del settore digitale che, in questo momento, è centrale per l’informazione stessa.

 Populismo e demagogia in politica. Quali riflessi sui media?

Oggi le élites accusano di populismo le richieste che vengono direttamente dal popolo, perché giudicano il popolo stesso incapace di intendere e di volere. I partiti non populisti sono  convinti  che esista una verità soprattutto economica, ossia il neoliberismo che il popolo non è capace di capire per i suoi limiti culturali ed intellettuali e pertanto, secondo la loro visione, questa verità va applicata comunque, indipendentemente dal volere popolare.  Condivido quanto scrive Barneys in Propaganda :  essa è necessaria alle élites per proteggersi dai desideri bestiali del popolo. Propaganda non è quindi sostenere argomenti popolari ma utilizzare l’inconscio delle folle contro le folle stesse, come già insegnava Le Bon.  Oggi si passa attraverso la raccolta e l’utilizzo dei big data, come evidenziato dal caso Cambridge Analytica. I social forum forniscono alla propaganda una massa di dati che rendono oltremodo dilettantistica la propaganda novecentesca. Ma la nuova propaganda dei big data richiede enormi stanziamenti economici, disponibili solo per chi ha alle spalle sponsor del calibro di grosse banche e multinazionali. Questi dati servono a selezionare il tipo di pubblico e il messaggio specifico da inviare, ma, parallelamente, esistono anche approcci di tipo generalista come La finestra di Overton, un sistema di ingegneria sociale per far passare una idea da tabù a verità condivisa attraverso una serie di tappe successive. Il meccanismo è quello della ripetizione per cui, quello che prima era vietato, diventa in seguito politicamente corretto. Anche in questo caso la quantità risulta fondamentale perché genera assuefazione, producendo una sorta di lavaggio del cervello.

 In quale programma televisivo o radiofonico, Lei coglie un alto tasso di autentico giornalismo e di vera informazione?

‘Per l’Italia mi avvalgo della facoltà di non rispondere, dato il mio ruolo (membro cda Rai n.d.r). Della esperienza francese ricordo bellissimi reportage. Uno dei problemi che colgo nell’informazione contemporanea è la mancanza di riferimento al quadro internazionale. Il problema è l’audience, il crollo immediato dell’audience quando in una trasmissione televisiva si affrontano temi di interesse internazionale ma potrebbe anche trattarsi del contrario: la politica internazionale non interessa il grande pubblico perché i media mainstream non ne parlano abbastanza, relegandosi di fatto in una bolla spazio-temporale che ha per centro il cortile di casa. Voglio citare, anziché una trasmissione, la rivista Limes che, facendo riferimento alla geopolitica, riesce a dare un quadro di insieme credibile del mondo.

 ‘La stampa non vuole informare il lettore, ma convincerlo che lo sta informando’. Condivide questo pensiero di Nicolas Gomez Davila? Per la stampa, informare sarebbe quindi solo un pretesto per manipolare l’opinione pubblica?

Sono abbastanza d’accordo con il pensiero di Gomez Davila, soprattutto se teniamo conto di quanto ho detto a proposito della propaganda: la stampa è in mano ad imprenditori e gruppi privati che sostengono tesi funzionali ai loro interessi, tra i quali quello di utilizzare i media per fini lobbistici. Del resto è proprio ciò che pensano molti italiani, come emerso da recenti sondaggi. Oggi gli italiani credono ad internet più che alla stampa.

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia