Gates, Zuckerberg, Bezos, Dangermond: gli evangelisti del Terzo millennio

433

Sono questi i quattro evangelisti della rivoluzione digitale che attraversa il Terzo millennio. Dal più giovane, Mark Zuckerberg, ai due quasi coetanei Bill e Jeff (Gates e Bezos), al più avanti negli anni, e meno presente sui media, Jack Dangermond. Quest’ultimo è l’uomo che bracca il Coronavirus: lo insegue e lo traccia con le mappe geografiche costruite con gli scienziati della Johns Hopkins University e con i dati forniti dall’OMS.
Gli Stati Uniti – il paese più colpito dalla pandemia – sono la patria comune di questi “evangelisti”. Zuckerberg è di White Plains, Contea di New York alle foci del fiume Hudson; Bill Gates di Seattle, dove si costruiscono i Boeing messi a terra dal virus. Quasi profeticamente, Gates aveva detto «non sarà la guerra a minacciare il mondo, ma un virus». Oggi fa il filantropo e mette a disposizione il suo patrimonio per trovare il vaccino anti-Covid da regalare al mondo. Jeff Bezos, mister Amazon, nasce ad Albuquerque, città dove Gates mise la prima fabbrica di Microsoft. Oggi, Bezos, è l’uomo più ricco del mondo; con la sua imbattibile rete di e-commerce ha permesso al mondo di respirare e di approvvigionarsi nelle prime settimane del contagio, dando lavoro a migliaia di persone.
Meno noto alle cronache, ma un vero guru negli Stati Uniti, è Jack Dangermond, da Redlands (California), un 75enne dal valore di oltre 5 bilioni di dollari, ingegnere ambientale, padre incontrastato dei sistemi di informazione geografica (GIS). Partito con un gruzzoletto di appena 1.100 dollari ora controlla oltre il 40% del mercato mondiale della digital geography, la cosiddetta geolocalizzazione. Se degli altri tre cavalieri dell’apocalisse digitale conosciamo vita, morte, miracoli e gossip (vedi Bezos), vale la pena soffermarsi un po’ sulla figura di Jack Dangermond, che attraverso la Esri Inc. ha diffuso nel mondo quella che ha definito la “Science of Where”, la “Scienza del Dove”. La sua si può definire un’azienda familiare. Lo affianca (dal 1969) nello sviluppo della tecnologia geografica, la moglie Laura, con la quale gestisce una fondazione (Jack and Laura Dangermond Preserve) che ha finora investito 165 milioni di dollari per salvare le coste del Pacifico. Come per gli altri “evangelisti”, la filantropia si trasforma sempre in qualcosa di concreto per il proprio paese. Dangermond non ha esitato, quando è stato necessario, a scendere in campo contro una pandemia che gli Stati Uniti non avevano pensato fosse così virulenta. Le piattaforme della Esri hanno mostrato al mondo la terribile avanzata del Covid-19, elaborata dagli ingegneri della Johns Hopkins University sui dati dei contagiati e dei decessi nel mondo, certificati dall’OMS. Nella mappa geografica dell’Esri è possibile individuare i casi dei contagi, indicati con pallini rossi. Più grandi sono i pallini, maggiore è la concentrazione delle vittime del contagio. Con una pressione del dito sulla mappa si accede ai singoli casi che possono essere analizzati con un dettaglio che va dalla regione alla singola città. Ma, quello che chiameremo il “mondo di Jack”, non è solo questo.
La “Scienza del Dove” ha un traguardo importante da raggiungere: quello di essere la guida della trasformazione digitale. Per primo Jack Dangermond ha capito il valore che si può estrarre dalla enorme mole dei dati geografici che provengono dalle varie fonti e che rivoluzioneranno velocemente il nostro pianeta. Secondo stime del 2020 il mercato del GIS (Geographic Information System) vale 500 miliardi di dollari. Su 350mila aziende del settore digitale, il 75% di esse lo useranno. Gli utenti saranno almeno sei milioni (di cui oltre 100mila in Italia). Le tecnologie geo-spaziali guideranno i cambiamenti della vita quotidiana e delle abitudini di milioni di persone. Dopo la pandemia gli abitanti del “mondo di Jack” vivranno un nuovo Rinascimento.

Emilio Albertario, giornalista, già Direttore della Rubrica Costume e Società Tg2 Rai, Vice Presidente della Associazione Stampa Romana, docente di Giornalismo Radiotelevisivo alla Facoltà di scienza della Comunicazione, Roma Sapienza.

Ultime notizie
Metafore per l'Italia

Una raccomandazione: amare l’Italia

«Amare il Paese significa considerarlo non un territorio proprio ma la casa di tutti».
di Gian Maria Fara
Diritti umani

“Sono troppi”: pregiudizi e stereotipi della narrazione anti-Rom

In Italia persiste una forte stigmatizzazione nei riguardi delle varie comunità Rom. In molti ritengono che i Rom sarebbero tra i 500.000 e più di 2 milioni, quando secondo le stime più accreditate sarebbero tra i 150 e i 170.000.
di Marco Omizzolo
Fisco

Privacy e riciclaggio: “Lei non sa chi sono io o, almeno, non dovrebbe”

Il caso del compagno di Casalino deve portare ad una riflessione sull’applicazione delle norme antiriciclaggio e sul diritto alla privacy. Qual è il giusto confine?
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Le mafie, tra realtà e rappresentazione (prima parte)

Col mutare dei linguaggi e delle tendenze anche il racconto della mafia è profondamente cambiato nel corso degli anni. Adesso si sono affermate sempre più le storie nelle quali i protagonisti sono i criminali, anziché coloro che li perseguono.
di Raffaella Saso
Economia

L’Europa del post-pandemia al Forum Economico 2020 di Krynica

Sarà il futuro dell’Europa nell’era del Coronavirus il tema centrale della prossima edizione del Forum Economico di Krynica.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Criminalità e contrasto

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario