Il mondo dice “no al razzismo”, dopo la morte violenta di George Floyd

«Non respiro», è il grido di George Floyd, disteso a terra, mentre il poliziotto, il 25 maggio scorso a Minneapolis, gli preme forte il ginocchio sul collo. Lo fa per quasi 9 minuti, con energia e senza un motivo perché il tizio è già immobilizzato sull’asfalto e con le manette. Eppure, egli insiste, mantiene la pressione, sino a quando l’ultimo fiato dell’afroamericano è ricacciato in gola. È allora che smette di ripetere «I can’t breathe». Il povero nero muore soffocato sulla strada.
L’agente di polizia vìola spudoratamente la legge che deve far rispettare, agisce senza ritegno e sfacciatamente, ne è quasi orgoglioso davanti alle telecamere che lo riprendono. Alza lo sguardo, a lavoro finito, ed ha un’aria di compiacimento.
Non è la prima volta che la polizia americana è protagonista di atti di questo tipo. Violenti e ingiustificati contro i neri. E non solo verso di loro. Appena due giorni prima della morte di George Floyd, un altro afroamericano, Maurice Gordon, in New Jersey, viene crivellato da 6 colpi di pistola sparati da un agente che lo ha fermato per eccesso di velocità. La telecamera installata sulla macchina della polizia documenta la scena. L’uomo è finito fuori strada perché viaggia a forte velocità. L’agente gli intima di stare seduto nell’auto di servizio ad attendere il carro attrezzi, ma dopo 30 minuti quello scende: ne nasce una colluttazione, poi l’epilogo, la scarica di colpi contro il nero.

Il razzismo serpeggia in tutta società americana e non solo, la attraversa nel profondo, è alla base della più grave delle diseguaglianze sociali del paese, nonostante lo sbandieramento dei princìpi di libertà e giustizia. 30 grandi aree metropolitane, tra cui città come New York, Detroit, Philadelphia, Los Angeles, hanno un indice di segregazione razziale e scolastica superiore alla media nazionale stimata intorno allo 0,5 su un range 0 (completa integrazione) – 1 (completa segregazione). Lo attesa l’Ufficio censimento degli Stati Uniti, che calcola il dissimilarity index, ovvero la regolarità con cui due gruppi etnici (in questo caso, bianchi e neri) sono distribuiti sullo stesso territorio.
Impossibile disporre di numeri certi sulla violenza della polizia durante il suo lavoro. È difficile distinguere, in un territorio tanto vasto, i casi di omicidio volontario da quelli incolpevoli. Tuttavia, la privazione dei diritti e soprattutto la marginalizzazione sociale, più elevata per i neri rispetto a tutte le altre minoranze etniche, trovano un riscontro: negli Usa, secondo la rivista scientifica Plos One, un afroamericano disarmato ha 3,5 probabilità in più di un bianco di essere ucciso dalla polizia; in alcune contee addirittura 20 volte di più.
È nelle grandi città, dove i salari medi dei neri sono più bassi e maggiore è la popolazione di colore, che si nota una crescita della probabilità di morte ad opera della polizia. D’altra parte, non c’è rapporto diretto tra dato razziale e tasso di criminalità, ovvero non è vero che la polizia reagisca di più con le armi perché i neri commettono più reati.
Stavolta, forse, la presa al collo del poveretto disteso a terra sembra persino più forte ed oltraggiosa, ammesso che si possa fare una graduatoria a proposito di violenze. Scuote le coscienze, come non mai, suscita proteste e rivolte in molte città. Provoca adesione, con quel gesto simbolico, che si diffonde rapidamente dagli Usa in Europa, di mettersi in ginocchio, in memoria dell’uomo e ricordo di una tragedia inaccettabile. Purtroppo, genera anche violenze e saccheggi, reazioni inconsulte: le strade sono messe a ferro e fuoco, i negozi svuotati, le vetrine fracassate.
È un clima che Donald Trump riesce a rendere ancor più incandescente. Ci sarebbe bisogno di dialogo, di una visione generale capace di unire il paese dopo l’episodio di sangue, di non voltar le spalle davanti ad una tragedia inquietante per la convivenza civile; di avviare una riflessione seria sui metodi della polizia.
Al contrario, il Presidente a gamba tesa contrasta il sentimento generale, fa leva sui rancori e sulle divisioni, per galvanizzare la parte più influenzabile del paese, in vista delle elezioni presidenziali del novembre prossimo. Anche in questa occasione, alimenta tesi complottiste, strumentalizzando le proteste e le violenze di strada, qualificandole come provocazione per giustificare le misure forti e il ricorso all’esercito. Una visione a senso unico, che offende la sensibilità popolare.
Il povero nero, con quell’invocazione angosciosa quanto temeraria, chiedeva soltanto di respirare, cioè di vivere, niente altro, poi avrebbe risposto alla giustizia delle sue eventuali colpe. Pensava di trovarsi davanti ad uno Stato rispettoso dei diritti di tutti, come pure assicura la Costituzione del suo paese.
Non poteva immaginare che l’uomo in divisa, con la stella sul petto, gli fosse nemico, solo a motivo del colore della pelle. Sperava che bastassero quelle parole spontanee, «non respiro più», un’imprecazione accorata, perché l’agente capisse e interrompesse la manovra inutile e pericolosa. Si illudeva di poter ancora respirare l’aria buona di un sogno: la fine delle discriminazioni razziali. «Dobbiamo imparare a vivere come fratelli», diceva accorato Martin Luther King.

* Angelo Perrone, giurista, è stato pubblico ministero e giudice. Cura percorsi professionali formativi, si interessa prevalentemente di diritto penale, politiche per la giustizia, diritti civili e gestione delle Istituzioni. Autore di saggi, articoli e monografie. Ha collaborato e collabora con testate cartacee (La Nazione, Il Tirreno) e on line (La Voce di New York, Critica Liberale). Ha fondato e dirige Pagine letterarie, rivista on line di cultura, arte, fotografia.

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu