Il senso dell’uomo per le parole e le icone

“Le parole sono importanti”, urlava Nanni Moretti in Palombella Rossa, e aveva dannatamente ragione.
Oggi, a fase acuta della pandemia superata, questa frase assume ancora più rilevanza.
Il senso delle parole, dopo la tragedia che ha attraversato l’Italia e sta attraversando ancora il mondo, pone al centro con ancora più forza il loro valore simbolico, come di ogni espressione dell’umano sentire. 
Parole, appunto, come “Rispetto”, “Responsabilità”, “Conoscenza” hanno assunto ormai nei fatti un significato parziale, perdendo il loro valore universale. 

Rispetto… solo di se stessi.
Responsabilità… solo degli altri.
Conoscenza… inutile, uno vale uno.

Il Rispetto, ad esempio, per la Storia, si fonda sulla Conoscenza e le azioni che si ispirano ad essa non possono che essere Responsabili.
In questo contesto non solo la parola, ma ancor di più l’immagine, l’icona assume tutta la sua dirompente forza simbolica a livello universale, non solo per gli umani contemporanei ma anche per quelli che un giorno, nel futuro, abiteranno questo mondo.
Ed è così che assistiamo in queste ore, inermi, alla novella iconoclastia che abbatte simboli del passato e rappresentazioni di visioni considerate, giustamente, oggi inaccettabili.
Vengono così imbrattate le statue di Montanelli in Italia, di Churchill in Inghilterra e abbattute o decapitate quelle di Cristoforo Colombo negli Stati Uniti. 
Atti, non a caso definiti “vandalici”, quale eco di un antico indelebile ricordo, non dissimili da quelli posti in essere, più recentemente, dai talebani quando fecero esplodere gli antichi Buddha in Afghanistan, macchia nella memoria dell’intera umanità. 

Tutti esempi dell’iconoclastia che accompagna da sempre la storia dell’uomo, fin dalla notte dei tempi, con una differenza sostanziale: una cosa è abbattere la statua del dittatore appena deposto, altra prendersela con figure storiche che, proprio perché tali, sono testimoni del tempo e solo per questo vanno rispettate, anche per ricordare le vittime del loro agire o pensare.

Se così non fosse, allora dovremmo consentire la distruzione del Colosseo, simbolo massimo dello schiavismo, mentre invece rimane lì a ricordare a tutti noi le ragioni della sua costruzione e la grandezza, oltre che della sua struttura, dell’empietà degli atti ivi commessi.

Del resto, con la loro distruzione, si finirebbe per cancellare e dimenticare anche quella memoria che tutti, e in particolare le vittime, devono e vogliono che sia tenuta in vita.
Occorre, quindi, avere cura delle parole, del loro uso, come di questi simboli per non dimenticare e finire poi per infliggere, distruggendone il ricordo, una seconda eterna ferita alle vittime.

Che succede quindi al mondo, agli uomini, perché questa furia cieca si abbatte su simboli di un passato anche lontano e che cosa succederà un giorno se questi stessi protagonisti dell’odierna iconoclastia si accorgeranno, magari leggendolo, che Aristotele non considerava gli schiavi esseri umani?
Cambieranno il nome alle piazze, alle vie e alle scuole? Sconsiglieranno o censureranno le sue opere?

E se poi, per puro caso, dovessero anche ritrovarsi a leggere i brani antisemiti di Lutero, Kant, Hegel, e di tanti altri antichi “eroi”? Assisteremo ad ulteriori statue sradicate, nomi cambiati, libri sconsigliati o censurati?
A queste domande vi è una sola risposta: la storia.

Prima o poi, infatti, la storia insegna, verrà anche il turno degli iconoclasti ad essere vittima di una rinnovata damnatio memoriae, quando le generazioni che seguiranno, rimprovereranno loro di aver torturato e massacrato, ad esempio, centinaia di miliardi di animali, esseri senzienti, per il proprio stomaco o, peggio ancora, per il proprio compiacimento personale.

Allora voleranno via altre statue, altri nomi saranno cambiati e ancora libri sconsigliati se non censurati o bruciati.
Finché, alla fine, come nel profetico Fahrenheit 451, l’umanità si risveglierà completamente imbecille e imbelle.
Nessuno leggerà più né sosterrà più banalità, perché per ambedue le attività, anche la più stupida, occorrerà comunque avere ancora qualche funzione cerebrale attiva.
E sarà la pace, eterna, della memoria e non solo.

Ultime notizie
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario
libro
Cultura

Città del libro, anche in editoria la filiera deve essere etica e sostenibile

I recenti scioperi di Stradella, la "città del libro", sono il sintomo di una distribuzione editoriale centralizzata e inserita in logiche che non favoriscono i lavoratori della logistica. C'è bisogno, come in agricoltura, di una filiera etica e sostenibile anche per i libri, oltre a una discussione seria sui diritti dei lavoratori della logistica.
di Roberta Rega
libro
salute mentale
Salute

Salute mentale e pandemia nel mercato della psiche

In Italia si consumano circa 12 milioni di confezioni di antipsicotici l’anno. Dal Rapporto Italia 2021 emerge che Il 20% degli italiani ha sperimentato i sintomi della depressione nel corso della pandemia e il 27% si è rivolto a uno psicologo. Eppure, la salute mentale è ancora un tabù anche per il Sistema sanitario nazionale.
di redazione
salute mentale
calcio
Italia

Europei, il calcio come modello di un Paese che vuole ripartire

Il trionfo degli Azzurri agli Europei contro un'Inghilterra troppo sicura di sé è la vittoria di un calcio come progetto e gioco di squadra, da coltivare con dedizione e impegno. La squadra voluta da Mancini, fatta di innovazione e giovani talenti, è simbolo di un Paese che vuole ripartire.
di Alfonso Lo Sardo
calcio
prison
Cosa vuol dire Mafia?

“A prison is a place of transit” says magistrate Sebastiano Ardita

The magistrate Sebastiano Ardita talks about the theme of prison in Italy, in the main national debate after Santa Maria Capua Vetere's facts. Why is the management of approximately 54,000 inmates in a nation of 65 million inhabitants so problematic? Interview by Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
prison
carcere
Cosa vuol dire Mafia?

Il carcere deve essere un transito verso il reinserimento: intervista a Sebastiano Ardita

Le carceri rappresentano un argomento delicato nel nostro Paese, sebbene si tratti di gestire circa 54.000 detenuti in una nazione di 65 milioni di abitanti. Il Magistrato Sebastiano Ardita affronta il tema del reinserimento, dei diritti costituzionali dei detenuti e le criticità dei luoghi detentivi in un'intervista di Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
carcere
tecnologia adolescenti
Rapporto Italia

La biologia delle relazioni: uso e abuso della tecnologia negli adolescenti

La natura dinamica e continua delle interazioni tramite social network comporta disturbi ampiamente associati agli adolescenti e ai giovani adulti. A fasce di età diverse corrisponderebbero disturbi più o meno specifici. Nei bambini il problema principale è lo sviluppo cognitivo e comportamentale, mentre negli adolescenti e nei giovani adulti ansia e depressione.
di redazione
tecnologia adolescenti
morin
Cultura

Buon compleanno, Edgar! I cento anni di Morin, filosofo della complessità

L'otto luglio compie cento anni Edgar Morin, l'ultimo ad entrare nella hall of fame dei grandi pensatori centenari. Morin è filosofo della complessità, dell'universo-ologramma secondo cui la società è presente in ogni uomo, e della "terrestrità".
di Giuseppe Pulina
morin