Società

Industry 4.0: un’opportunità per ridurre il gendergap

69
gendergap

In questi giorni si è molto parlato di #Davos e della notizia(poco edificante) dell’impatto che la quarta rivoluzione industriale avrà nel mondo del lavoro.
Si parla di un saldo negativo di 5 milioni di posti di lavoro, frutto della creazione di 2 milioni di nuove professionalità e della distruzione di 7 milioni di posti esistenti.

Molti giornalisti si sono soffermati sopratutto su questo aspetto (molto importante) e hanno invece parlato poco di un altro aspetto: l’opportunità che questo cambiamento può rappresentare per il recupero del GenderGap.

Diversi capi del personale delle grandi corporate, intervistati per redigere  il Future Job Report  elaborato dal #WEF, hanno infatti indicato come uno dei driver del cambiamento dei prossimi anni il maggior coinvolgimento delle donne nella forza lavoro. Molti si ritengono abbastanza fiduciosi delle misure che hanno messo in atto dalla propria azienda per aumentare la presenza femminile nei livelli executive. Ad onor del vero, il report evidenzia che negli ultimi anni, nonostante vari interventi,  il gendergap si è ridotto solo del 3% e le donne hanno solo il 28% di possibilità di raggiungere le posizioni apicali.

La grande novità è che molti (il 50% degli intervistati) ha compreso che il maggior coinvolgimento delle donne nell’organico, sia a livello operativo che a livello executive, non è soltanto un elemento sociale, ma è effettivamente una questione di business. Avere una maggiore presenza delle donne nei livelli manageriali, viene riconosciuto come elemento rilevante per raggiungere un  maggior livello di innovazione nel processo decisionale. Inoltre, molti sono convinti che sia sempre più necessario rispettare in azienda, la stessa proporzioni tra i sessi che esiste nella customer base del proprio mercato: il tutto può generare maggiore revenue per le aziende.

Dal report si evince che la differenza di genere è insita anche nell’impatto della quarta rivoluzione industriale. Il rapporto tra posti di lavoro generati e quelli distrutti dalle nuove tecnologie, è di 1 a 3 per gli uomini e di 1 a 5 per le donne. Il motivo è legato soprattutto alla presenza massiccia di donne nella aree che saranno oggetto di una grande trasformazione da parte delle nuove tecnologie, ovvero Office&Administration dove sono la maggioranza. Allo stesso tempo, le donne sono in numero minore nella parte di Computer&Automation.

E’ anche vero che le nuove tecnologie consentiranno alle donne di impegnarsi in nuove attività, visto che sarà possibile ad esempio lavorare anche in un’area come il manufacturing, sempre più pervase da macchine a controllo remoto.

Insomma, per affrontare la quarta rivoluzione industriale, è necessario un impegno da parte dei principali stakeholders (aziende, sindacati e governi) per un forte impegno a realizzare politiche di sostegno al cambiamento, tenendo conto anche delle specificità di genere. Nel report vengono individuate anche delle azioni importanti che le stesse società possono implementare per affrontare questa nuova sfida, tra le quali il #mentorship, politiche di #worklifebalance, #leadershipcommitment.

Il rischio maggiore è che, in caso di deficit di azioni da parte dei soggetti indicati in precedenza, il gendergap possa amplificarsi provocando un forte impatto sulla capacità di innovazione per le stesse aziende e per il mercato.

 

Leggi il report elaborato dal WEF.

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani