La Cina, l’Italia, il virus Sars-cov-2: verità e propaganda

La notizia riportata dai media cinesi che indicano l’Italia, e in particolare la Lombardia, quale luogo di origine del virus SARS-CoV-2 è stata recepita, a livello mondiale, quale ennesima opera di disinformazione internazionale dei media cinesi. Gli studi italiani cui fa riferimento il Global Times cinese in edizione mandarino, sono stati fatti dall’Istituto Italiano dei Tumori e dall’Università Statale di Milano e pubblicati su “Emerging Infectious Diseases”, ma sono stati riportati solo in parte sul giornale cinese.

La ricerca italiana ha evidenziato che nel riesame di 39 casi sospetti di malattie respiratorie nel periodo temporale tra settembre 2019 e febbraio 2020, il 21 novembre 2019 è stato riscontrato il caso di un bambino di 4 anni riconducibile al virus SARS-CoV-2, 100 giorni prima del cosiddetto “paziente 1” di Codogno (21 febbraio 2020).

Il Global Times cinese, prendendo spunto dal primo caso di SARS-CoV-2 certificato in Cina, datato 8 dicembre 2019, ha richiesto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità avvii un’inchiesta sulla Lombardia che identifica come la vera origine del patogeno.

Purtroppo, le ricostruzioni verosimili dei documenti “hanno le gambe corte”.

«Tradurre qualche volta vuol dire anche tradire» soleva dire Jan Potocky (Diario dell’Asia. Dal Caucaso alla Cina).

Il documento citato dal Global Times letto nella sua interezza riporta anche: «Phylogenetic studies highlighted an early circulation of SARS-CoV-2 in Italy and suggest multiple introduction of the virus from China and Germany, followed by an autoctochthonous transmission», ovvero identifica l’origine del patogeno in Cina e specifica che l’analisi di sequenza ha mostrato il 100% di identità di quella conservata a Wuhan-HU-1 (GENBANK accession no.04512.2).

La mezza notizia riportata dal Global Times che attribuiva impropriamente alla Lombardia la primogenitura del patogeno è stata subito ripresa dal portavoce del Ministro degli Esteri cinese, Zhao Lijian, che ha poi aggiunto come «l’origine del virus sia una complessa questione scientifica».

Non è la prima volta che i cinesi provano a intorbidire le acque dei rapporti internazionali per il disastro sanitario planetario in atto.

Già lo scorso marzo, la Cina aveva affermato che è sbagliato parlare di Coronavirus cinese e in un successivo tweet proprio Lijian Zhao scriveva: «It might be US army who brought the epidemic to Wuhan» e chiedeva trasparenza da parte degli Usa.

Fatta chiarezza sui fatti alla base della falsa narrativa originata da alcuni paesi, resta da chiarire il perché si stiano sviluppando queste campagne ripetitive di disinformazione.

Nell’era digitale la capacità di utilizzare il cyberspazio (social media) crea vantaggi e influenza eventi in altri ambienti, estendendosi sul sistema di controllo delle informazioni, e la guerra dell’informazione e della disinformazione è diventata purtroppo permanente.

In ambito Onu (settembre 2020) gli Usa hanno accusato la Cina di aver «diffuso questa piaga nel mondo» con il “China Virus”.

Xi Jinping per contro, nella stessa circostanza, ha affermato che: «Ogni tentativo di politicizzare o stigmatizzare la pandemia deve essere respinto».

È chiaro quindi che la competizione politica tra le due grandi potenze sulla pandemia in atto poggia su narrative soggettive dei singoli paesi che prendono a riferimento qualsiasi evento per influenzare e iniettare nell’opinione pubblica, interna ed estera, una diversa percezione dei fatti.

La verifica delle narrative sul fronte estero, sono influenzate dall’“Indice della libertà di Stampa” (2020) vigente nei singoli paesi: gli Usa sono posizionati al 48esimo posto (situazione soddisfacente) e la Cina invece al 177esimo posto su 180 paesi (situazione difficile).

Purtroppo, senza livelli buoni o soddisfacenti di libertà di stampa le narrative perdono di credibilità sicuramente sul fronte estero; pertanto, la notizia data dal Global Times cinese che identifica l’Italia quale paese originatore del patogeno è priva di fondamento e si perderà tra le tante fake news che invadono il mercato della comunicazione sicuramente in Occidente.

Sorte differente avrà la stessa “falsa notizia” sul fronte interno dove costituirà propaganda per le autorità politiche.

La Cina quindi si rafforzerà sul fronte interno allontanando surrettiziamente le proprie responsabilità legate alla diffusione del patogeno, causa della pandemia in atto, ma perderà ulteriore credibilità nei rapporti internazionali indebolendo la strategia Belt &Road.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione