La Cina, l’Italia, il virus Sars-cov-2: verità e propaganda

La notizia riportata dai media cinesi che indicano l’Italia, e in particolare la Lombardia, quale luogo di origine del virus SARS-CoV-2 è stata recepita, a livello mondiale, quale ennesima opera di disinformazione internazionale dei media cinesi. Gli studi italiani cui fa riferimento il Global Times cinese in edizione mandarino, sono stati fatti dall’Istituto Italiano dei Tumori e dall’Università Statale di Milano e pubblicati su “Emerging Infectious Diseases”, ma sono stati riportati solo in parte sul giornale cinese.

La ricerca italiana ha evidenziato che nel riesame di 39 casi sospetti di malattie respiratorie nel periodo temporale tra settembre 2019 e febbraio 2020, il 21 novembre 2019 è stato riscontrato il caso di un bambino di 4 anni riconducibile al virus SARS-CoV-2, 100 giorni prima del cosiddetto “paziente 1” di Codogno (21 febbraio 2020).

Il Global Times cinese, prendendo spunto dal primo caso di SARS-CoV-2 certificato in Cina, datato 8 dicembre 2019, ha richiesto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità avvii un’inchiesta sulla Lombardia che identifica come la vera origine del patogeno.

Purtroppo, le ricostruzioni verosimili dei documenti “hanno le gambe corte”.

«Tradurre qualche volta vuol dire anche tradire» soleva dire Jan Potocky (Diario dell’Asia. Dal Caucaso alla Cina).

Il documento citato dal Global Times letto nella sua interezza riporta anche: «Phylogenetic studies highlighted an early circulation of SARS-CoV-2 in Italy and suggest multiple introduction of the virus from China and Germany, followed by an autoctochthonous transmission», ovvero identifica l’origine del patogeno in Cina e specifica che l’analisi di sequenza ha mostrato il 100% di identità di quella conservata a Wuhan-HU-1 (GENBANK accession no.04512.2).

La mezza notizia riportata dal Global Times che attribuiva impropriamente alla Lombardia la primogenitura del patogeno è stata subito ripresa dal portavoce del Ministro degli Esteri cinese, Zhao Lijian, che ha poi aggiunto come «l’origine del virus sia una complessa questione scientifica».

Non è la prima volta che i cinesi provano a intorbidire le acque dei rapporti internazionali per il disastro sanitario planetario in atto.

Già lo scorso marzo, la Cina aveva affermato che è sbagliato parlare di Coronavirus cinese e in un successivo tweet proprio Lijian Zhao scriveva: «It might be US army who brought the epidemic to Wuhan» e chiedeva trasparenza da parte degli Usa.

Fatta chiarezza sui fatti alla base della falsa narrativa originata da alcuni paesi, resta da chiarire il perché si stiano sviluppando queste campagne ripetitive di disinformazione.

Nell’era digitale la capacità di utilizzare il cyberspazio (social media) crea vantaggi e influenza eventi in altri ambienti, estendendosi sul sistema di controllo delle informazioni, e la guerra dell’informazione e della disinformazione è diventata purtroppo permanente.

In ambito Onu (settembre 2020) gli Usa hanno accusato la Cina di aver «diffuso questa piaga nel mondo» con il “China Virus”.

Xi Jinping per contro, nella stessa circostanza, ha affermato che: «Ogni tentativo di politicizzare o stigmatizzare la pandemia deve essere respinto».

È chiaro quindi che la competizione politica tra le due grandi potenze sulla pandemia in atto poggia su narrative soggettive dei singoli paesi che prendono a riferimento qualsiasi evento per influenzare e iniettare nell’opinione pubblica, interna ed estera, una diversa percezione dei fatti.

La verifica delle narrative sul fronte estero, sono influenzate dall’“Indice della libertà di Stampa” (2020) vigente nei singoli paesi: gli Usa sono posizionati al 48esimo posto (situazione soddisfacente) e la Cina invece al 177esimo posto su 180 paesi (situazione difficile).

Purtroppo, senza livelli buoni o soddisfacenti di libertà di stampa le narrative perdono di credibilità sicuramente sul fronte estero; pertanto, la notizia data dal Global Times cinese che identifica l’Italia quale paese originatore del patogeno è priva di fondamento e si perderà tra le tante fake news che invadono il mercato della comunicazione sicuramente in Occidente.

Sorte differente avrà la stessa “falsa notizia” sul fronte interno dove costituirà propaganda per le autorità politiche.

La Cina quindi si rafforzerà sul fronte interno allontanando surrettiziamente le proprie responsabilità legate alla diffusione del patogeno, causa della pandemia in atto, ma perderà ulteriore credibilità nei rapporti internazionali indebolendo la strategia Belt &Road.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario