Attualità

La guerra al Coronavirus. Impegnati 10mila uomini e donne della Difesa

411

Militari in campo come in guerra. Per gestire l’emergenza Coronavirus che sta martoriando l’Italia, le Forze Armate stanno impiegando circa 10mila militari gestiti e coordinati dal Comando Operativo di vertice Interforze della Difesa (COI – Difesa) di Centocelle in sinergia con tutte le Forze Armate e in stretta collaborazione con il Dipartimento della Protezione civile, Ministero Affari Esteri e della Salute. La Sala Operativa (H24/7 su 7) del COI – Difesa dedicata all’Emergenza monitora la situazione dei militari italiani in tutte le missioni e operazioni nazionali e internazionali e condivide le informazioni di interesse con gli altri dicasteri impegnati a fronteggiare l’emergenza sanitaria.
Di questi 10mila, circa 8.100 sono uomini e donne dell’Esercito Italiano, divisi tra soldati impegnati nell’Operazione “Strade Sicure,” team medici e sanitari, nuclei di specialisti del biocontenimento e disinfettori, assetti in rinforzo alle Forze dell’ordine per i controlli del rispetto di quanto previsto dal Dpcm, elicotteristi per il trasporto di materiale sanitario, personale in prontezza operativa del genio ferrovieri per garantire la funzionalità dei collegamenti ferroviari, personale logistico per il trasporto dei presidi medici e il trasferimento (con ambulanze militari) delle persone affette da Covid-19 nelle strutture sanitarie attrezzate ad accoglierle, ecc.
Nei giorni scorsi, quando è stato chiaro a tutti che l’epidemia del Covid-19 avrebbe davvero messo in ginocchio il Paese, mettendo a dura prova una generazione e a durissima prova l’intero sistema sanitario nazionale, in molti hanno invocato un più massiccio impiego dell’Esercito. Come accade in occasione di ogni crisi, l’Italia ‒ i suoi cittadini ‒ individuano nell’Esercito Italiano la loro àncora di salvezza. Uno spiraglio di speranza per uscire dal tunnel e tornare alla normalità. Non è un caso che, come emerso dall’ultimo Rapporto Italia dell’Eurispes, la fiducia degli italiani nei confronti delle Forze Armate si attesti intorno al 73%; un apprezzamento ormai “storico” e costante nel corso degli ultimi anni.
Come spiegato anche sul sito del Ministero della Difesa, l’attuale predisposizione infrastrutturale ha comportato l’applicazione di un dispositivo interforze di accoglimento e di osservazione sanitaria volto a garantire ai cittadini un accurato controllo del loro stato di salute ed una eventuale permanenza in misura di quarantena. Ad oggi, le strutture utilizzate richieste alla Difesa per fronteggiare l’emergenza Coronavirus sono quelle del Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito della Cecchignola, il polo alloggiativo della Scuola di Applicazione presso la caserma Riberi dell’Esercito di Torino e il Policlinico Militare Celio di Roma, che fornisce anche assistenza ospedaliera. A queste si aggiungono le Basi Logistiche Addestrative di Colle Isarco, Bardonecchia e Muggia (tutte dell’Esercito) dove sono ospitate persone colpite dal virus.
La Difesa ha messo a disposizione, presso la Caserma Annibaldi di Milano e presso il Comando Aeroporto di Linate, 96 posti letto a favore dei cittadini della regione Lombardia che dovranno sottoporsi al periodo di sorveglianza sanitaria a seguito di un possibile contagio da parte del Coronavirus. Presso la caserma Annibaldi dell’Esercito ‒ ex ospedale militare nel quartiere Baggio di Milano ‒ sono stati allestiti 40 posti letto. Qualora le autorità competenti rappresentino ulteriori richieste, sarà resa disponibile una seconda struttura presso il Comando Aeroporto di Linate dell’Aeronautica Militare, dove sono stati allestiti 56 posti letto. Un team medico della Difesa sarà presente in ogni struttura per monitorare i possibili casi di contagio.
A tempo di record, inoltre, l’Esercito Italiano ha allestito due ospedali da campo, a Piacenza e a Crema. In particolare, l’Ospedale di Crema (attualmente il più grande d’Europa), inaugurato il 24 marzo e realizzato in 72 ore, è dotato di 32 posti letto, tutti con erogatori di ossigeno, 3 posti per terapia intensiva ed una sala radiografica specializzata. Nell’ospedale da campo di Piacenza verrà impiegato personale sanitario delle Forze Armate, garantendo 40 posti letto.
Molto importante il supporto che medici e infermieri dell’Esercito stanno dando alle strutture ospedaliere di Lodi, Novara, Bergamo e Alzano Lombardo (BG) oltre ai presidi sanitari costituiti nell’Istituto Penale di Parma, a Castelnuovo Bocca d’Adda, Somaglia, Codogno, Casalpusterlengo e Troina in provincia di Enna, per un totale, compreso il Centro Ospedaliero Militare di Milano (Ospedale Baggio) e Policlinico Militare Celio, di 186 unità effettive al personale sanitario dell’Esercito.
Oltre il supporto di personale, l’Esercito ha messo a disposizione 6 magazzini per un totale di circa 20mila metri cubi tra Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna pronti ad accogliere il materiale sanitario da distribuire e approntato 5 aerei, 38 elicotteri, 124 ACTL e 115 APS (autocarri per il trasporto su strada). Alcuni di questi mezzi ed elicotteri stanno già sorvolando e attraversando l’Italia per distribuire materiale sanitario e presidi medici dove c’è più urgenza, in aderenza alle indicazioni della Protezione civile.
Rispondendo alle richieste pervenute dalle Prefetture di varie zone d’Italia dove sono presenti oltre 70 Ufficiali di collegamento, l’Esercito ha messo a disposizione il proprio personale per il controllo del territorio e l’applicazione delle misure di contrasto e contenimento dell’epidemia, stabilite dai decreti del Presidente del Consiglio. Nelle province di Novara, Pesaro-Urbino e Trieste sono già attivi posti di controllo per i cittadini che si spostano; a questo personale si aggiungono gli oltre 7.300 militari impegnati nell’Operazione Strade Sicure su tutto il territorio nazionale, pronti a essere rimodulati nel loro servizio, per intensificare i controlli sul rispetto delle norme emanate dalle Autorità governative e a disposizione delle Autorità prefettizie.
È, inoltre, in atto la rimodulazione del servizio nelle regioni Campania e Sicilia; in particolare, nella città di Salerno saranno impiegati ulteriori 60 soldati per il controllo del territorio in supporto alle Forze dell’ordine.

I numeri del Rapporto annuale
Il ruolo dell’Esercito appare fondamentale in tutte le grandi emergenze nazionali. Il Rapporto annuale 2019 ‒ una “istantanea” attraverso la quale l’Esercito fa il punto della situazione sull’output operativo ‒ illustra i risultati conseguiti nell’anno di riferimento e presenta le principali progettualità che si svilupperanno nel medio-lungo periodo: nel 2019 sono state impegnate circa 19.000 unità in operazioni sul territorio nazionale e all’estero. Se da una parte le missioni sotto l’egida di Nato, Onu e Ue assorbono ancora la grande maggioranza della Forza presente all’estero (circa il 70%), dall’altra, nel corso degli ultimi due anni l’Italia, proprio attraverso l’Esercito, ha incrementato il proprio contributo alle operazioni guidate da una Coalition of the Willing o in quelle nate a seguito di accordi bilaterali.
Sul territorio nazionale, invece, lo sforzo dell’Esercito è connesso principalmente all’Operazione “Strade Sicure”, che contribuisce a garantire la sicurezza dei cittadini attraverso l’impiego capillare di militari che svolgono servizi di vigilanza dinamica (59%) e di presidio a siti e obiettivi sensibili (41%), distribuiti su tutto il territorio nazionale. In particolare, l’Operazione “Strade Sicure” vede 6.841 militari impegnati su 446 obiettivi sensibili, 26 porti o aeroporti, 71 stazioni, 18 centri di accoglienza.
Ma, come risulta sempre dal Rapporto annuale, l’Esercito è stato chiamato a intervenire in situazioni di grave emergenza, impiegando uomini, mezzi e materiali a sostegno della popolazione civile e ha fornito, contestualmente, un’importante cornice di sicurezza alle unità operanti. Si ricordi, ad esempio, il crollo del Ponte di Genova nell’agosto del 2018, il terremoto di Catania nel gennaio 2019, l’ondata di maltempo a Belluno nell’ottobre 2018, il terremoto ad Ischia nell’agosto 2017.

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Recensioni

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
La sfida dei Sindaci

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone