Internazionale

La rivoluzione informatica nel mondo del lavoro: i big data

La rivoluzione informatica nel mondo del lavoro: è questo il tema  che sarà affrontato nella conferenza annuale della più grande rete europea sul monitoraggio del mercato del lavoro – ENRLMM. È indubbio che tutta la organizzazione del lavoro all’interno delle imprese, come pure tutti i servizi che all’esterno si occupano del mercato del lavoro sono di fronte a profonde innovazioni strutturali. L’Internet delle Cose – IoT, ad esempio, come i BIG DATA in quanto nuove fonti di informazioni, aprono dei sorprendenti scenari evolutivi, di cui è importante che tutti i soggetti dello sviluppo comprendano per tempo le potenzialità e le opportunità.

La conferenza annuale sarà l’occasione di un confronto aperto tra rappresentanti di 32 paesi, europei ed extraeuropei: decisori politici di settore, esperti, operatori dei servizi per l’impiego e degli osservatori del mercato del lavoro. Ospitata quest’anno dalla Università di Milano – Bicocca e dal Centro CRISP diretto dal prof. Mario Mezzanzanica, la conferenza sarà articolata in due giornate di lavoro: la prima “Annual Meeting”, 15 ottobre, dedicata appunto alle opportunità che si aprono per i sistemi informativi, in particolare per i servizi del mercato del lavoro, con l’uso dei BIG DATA; la seconda, “European Day” il 16 ottobre, dedicata alla valutazione delle politiche più adeguate in termini di efficienza, efficacia, partecipazione, al rafforzamento del ruolo dei servizi del mercato del lavoro e dei soggetti intermediari nell’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro.

Fondata nel 2006 e coordinata dall’istituto IWAK dell’Università tedesca W.Goethe di Francoforte (Coordinatrice dell’istituto Dr. Christa Larsen; Network manager Dr. Sigrid Rand) la rete europea ha l’obiettivo di comprendere le dinamiche di cambiamento nel mercato del lavoro regionali e locali, individuare le principali aree di intervento, elaborare proposte come contributo alle politiche di settore ed alla migliore realizzazione della strategia europea EU 2020. La rete europea, composta da esperti ed operatori di settore, inclusi i rappresentanti dei 550 osservatori europei del mercato del lavoro, si avvale dell’opera di un comitato scientifico, presieduto dal prof. Marco Ricceri, segretario generale di Eurispes.

ED_Programme_16_October
AM_Programme_15_October
Invitation_SC_October_2015
Registration_EN_RLMM_sr_distributed

Travel_form_verteilt

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia