Politica

La rottamazione è fallita?

rottamazione

Il Senato sarà chiamato a votare in mattinata la questione di fiducia apposta dal governo su un maxiemendamento relativo alla legge di Stabilità. Alla fine è andato tutto secondo le previsioni della vigilia. Come da consumata consuetudine, il testo presentato ieri sera da Palazzo Chigi rispetta – pur con qualche piccola correzione – il lavoro svolto in questi giorni dalla Bilancio. Il grosso del lavoro verrà fatto a Montecitorio, dove il governo può contare su numeri che non sono in grado di suscitare la minima preoccupazione. I riflettori resteranno quindi puntati sugli interventi a favore del Mezzogiorno e delle nuove assunzioni. Il governo non è ancora riuscito a trovare circa 500 milioni per il comparto sicurezza. Fondi che dovrebbero arrivare, spiegano fonti parlamentari, con un emendamento alla Camera. L’auspicio è che possano arrivare due miliardi in più rispetto alla cifra prevista ma i conti, spiegano dal governo, verranno fatti tra una decina di giorni. Un’altra strada che verrà battuta sarà quella di chiedere ancora maggiori margini di flessibilità all’Unione europea. Dalla maggioranza escludono invece di rivedere a Montecitorio il “dossier Tasi”, anche se dalla minoranza del Pd filtra la voce di una trattativa aperta per ridurre la platea dei beneficiari della misura voluta fortemente dal premier Renzi. I bersaniani insistono pure sul tema dell’utilizzo del contante: cavallo di battaglia che ha sortito qualche effetto solo per il trasferimento di valuta attraverso i “money transfer”, che non potranno disporre ordini superiori ai mille euro. Durante il voto di fiducia cinque o sei esponenti di Ncd vicini a Quagliariello si sfileranno ma i numeri, questa la convinzione della maggioranza del Partito democratico, non sono affatto a rischio. Un nuovo fronte critico si è aperto però proprio nel Pd, con Matteo Richetti, renziano della prima ora, che è tornato a criticare la gestione del Nazareno nelle ultime settimane. “La rottamazione è fallita”, ha dichiarato il deputato emiliano. Parole figlie anche dell’ultima vicenda che ha coinvolto la presidenza della Regione Campania. I dirigenti vicini al premier leggono nella mossa dell’ex presidente del Consiglio dell’Emilia-Romagna, il tentativo di riprovare a costruire quell’area cattolica che non piacque affatto al premier. Questa volta però, più che una componente “catto-renziana” come si era delineata all’epoca, l’intento potrebbe essere quello di aggregare i delusi che chiedono si torni al renzismo delle origini. A parte le insinuazioni sulle ambizioni di Richetti – su cui si è malignato per tutta la giornata di ieri – prima o poi potrebbero aprirsi nuovi spazi per quanto riguarda la segreteria del Pd. L’idea era quella di un corposo restyling con il ritorno di Stefano Bonaccini alla segreteria nazionale. Era previsto un avvicendamento in diverse caselle, dagli Enti Locali alla Scuola, e la promozione di alcuni, come il fedelissimo renziano Ernesto Carbone. Ma con ogni probabilità, il presidente dell’Emilia-Romagna Bonaccini andrà alla presidenza della Conferenza delle Regioni al posto del dimissionario Sergio Chiamparino. I bersaniani hanno fatto notare che qualche giorno fa il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Delrio – anche lui vicino al presidente del Consiglio – ha partecipato ad un’iniziativa di Cuperlo. La minoranza si è servita delle parole di Richetti per attaccare il governo: non a caso è stata convocata per il 5 dicembre un’iniziativa nazionale che compatterà l’ala guidata da Speranza e quella di Cuperlo per arrivare ad un’unica area di sinistra capace di tornare ad avere voce in capitolo nella gestione del partito e nelle dinamiche parlamentari. I renziani, dal canto loro, vivono molto male il possibile ritorno di un “Pd delle correnti”. Una condizione che sarebbe capace di spazzare via buona parte della leadership renziana. Dopotutto, l’ex sindaco di Firenze – specie nei mesi più recenti – ha dimostrato di non avere particolare attenzione per la gestione del partito. Un’assenza che inizia a farsi notare pesantemente sui territori. Realtà in cui l’attuale segreteria spesso non riesce ad avere alcun tipo di peso politico.

Passando ai lavori dell’Assemblea di Montecitorio, questa mattina prenderà il via la discussione generale sul disegno di revisione costituzionale sull’abolizione del bicameralismo paritario e la ridefinizione dei rapporti tra lo Stato e le Regioni.

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia