La rottamazione è fallita?

rottamazione

Il Senato sarà chiamato a votare in mattinata la questione di fiducia apposta dal governo su un maxiemendamento relativo alla legge di Stabilità. Alla fine è andato tutto secondo le previsioni della vigilia. Come da consumata consuetudine, il testo presentato ieri sera da Palazzo Chigi rispetta – pur con qualche piccola correzione – il lavoro svolto in questi giorni dalla Bilancio. Il grosso del lavoro verrà fatto a Montecitorio, dove il governo può contare su numeri che non sono in grado di suscitare la minima preoccupazione. I riflettori resteranno quindi puntati sugli interventi a favore del Mezzogiorno e delle nuove assunzioni. Il governo non è ancora riuscito a trovare circa 500 milioni per il comparto sicurezza. Fondi che dovrebbero arrivare, spiegano fonti parlamentari, con un emendamento alla Camera. L’auspicio è che possano arrivare due miliardi in più rispetto alla cifra prevista ma i conti, spiegano dal governo, verranno fatti tra una decina di giorni. Un’altra strada che verrà battuta sarà quella di chiedere ancora maggiori margini di flessibilità all’Unione europea. Dalla maggioranza escludono invece di rivedere a Montecitorio il “dossier Tasi”, anche se dalla minoranza del Pd filtra la voce di una trattativa aperta per ridurre la platea dei beneficiari della misura voluta fortemente dal premier Renzi. I bersaniani insistono pure sul tema dell’utilizzo del contante: cavallo di battaglia che ha sortito qualche effetto solo per il trasferimento di valuta attraverso i “money transfer”, che non potranno disporre ordini superiori ai mille euro. Durante il voto di fiducia cinque o sei esponenti di Ncd vicini a Quagliariello si sfileranno ma i numeri, questa la convinzione della maggioranza del Partito democratico, non sono affatto a rischio. Un nuovo fronte critico si è aperto però proprio nel Pd, con Matteo Richetti, renziano della prima ora, che è tornato a criticare la gestione del Nazareno nelle ultime settimane. “La rottamazione è fallita”, ha dichiarato il deputato emiliano. Parole figlie anche dell’ultima vicenda che ha coinvolto la presidenza della Regione Campania. I dirigenti vicini al premier leggono nella mossa dell’ex presidente del Consiglio dell’Emilia-Romagna, il tentativo di riprovare a costruire quell’area cattolica che non piacque affatto al premier. Questa volta però, più che una componente “catto-renziana” come si era delineata all’epoca, l’intento potrebbe essere quello di aggregare i delusi che chiedono si torni al renzismo delle origini. A parte le insinuazioni sulle ambizioni di Richetti – su cui si è malignato per tutta la giornata di ieri – prima o poi potrebbero aprirsi nuovi spazi per quanto riguarda la segreteria del Pd. L’idea era quella di un corposo restyling con il ritorno di Stefano Bonaccini alla segreteria nazionale. Era previsto un avvicendamento in diverse caselle, dagli Enti Locali alla Scuola, e la promozione di alcuni, come il fedelissimo renziano Ernesto Carbone. Ma con ogni probabilità, il presidente dell’Emilia-Romagna Bonaccini andrà alla presidenza della Conferenza delle Regioni al posto del dimissionario Sergio Chiamparino. I bersaniani hanno fatto notare che qualche giorno fa il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Delrio – anche lui vicino al presidente del Consiglio – ha partecipato ad un’iniziativa di Cuperlo. La minoranza si è servita delle parole di Richetti per attaccare il governo: non a caso è stata convocata per il 5 dicembre un’iniziativa nazionale che compatterà l’ala guidata da Speranza e quella di Cuperlo per arrivare ad un’unica area di sinistra capace di tornare ad avere voce in capitolo nella gestione del partito e nelle dinamiche parlamentari. I renziani, dal canto loro, vivono molto male il possibile ritorno di un “Pd delle correnti”. Una condizione che sarebbe capace di spazzare via buona parte della leadership renziana. Dopotutto, l’ex sindaco di Firenze – specie nei mesi più recenti – ha dimostrato di non avere particolare attenzione per la gestione del partito. Un’assenza che inizia a farsi notare pesantemente sui territori. Realtà in cui l’attuale segreteria spesso non riesce ad avere alcun tipo di peso politico.

Passando ai lavori dell’Assemblea di Montecitorio, questa mattina prenderà il via la discussione generale sul disegno di revisione costituzionale sull’abolizione del bicameralismo paritario e la ridefinizione dei rapporti tra lo Stato e le Regioni.

Ultime notizie
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata