Mediterraneo e giovani al centro del cambiamento, intervista a Giulia Marchesini

mediterraneo

Giulia Marchesini, già consigliera al gabinetto del Ministero francese per lo sviluppo (2012-2013) e attualmente Human Capital Senior Programme Manager per il CMI (Centro per l’Integrazione del Mediterraneo), ricopre incarichi nella gestione delle nuove partnership e delle relazioni tra i membri fondatori del Centro e i partner. Si occupa, in particolare, della Regione MENA, di educazione e di energia. Per il CMI, ha presentato, il 16 febbraio scorso a Roma, il Rapporto “Youth, actors for change. Rethinking mobility” (Giovani, attori del cambiamento. Ripensare la mobilità), evento promosso dall’Istituto Diplomatico Internazionale (IDI) e dall’Eurispes.

Dott.ssa Marchesini, come nasce il Rapporto Youth, actors for change. Rethinking mobility (Giovani, attori del cambiamento. Ripensare la mobilità, del CMI – Centro per l’Integrazione del Mediterraneo) e in quale percorso di ricerca si inserisce?

Il Rapporto Youth, actors for change. Rethinking mobility si inscrive in una più ampia analisi che il Centro per l’Integrazione del Mediterraneo porta avanti da diversi anni ed è il terzo di una serie di indagini aventi come oggetto la gioventù dei paesi dell’area mediterranea. Oltre al filo conduttore dell’oggetto di ricerca, ovvero il focus sui giovani, i tre rapporti condividono anche un approccio metodologico multidisciplinare, coinvolgendo esperti indipendenti di rilievo in diversi àmbiti – psicologi, economisti, antropologi – per una visione globale ed organica della materia di studio. Altra caratteristica dei gruppi di lavoro nei tre rapporti è l’eterogeneità di prospettiva, proprio per la loro ottica Nord-Sud e Sud-Nord. Il risultato è quindi corale e, per tutti e tre i rapporti, ciascun gruppo di studio firma l’intero Rapporto.

Il primo Rapporto, Economic Transitions in the Mediterranean (La transizione economica nel Mediterraneo) del 2015, riguarda la transazione economica mediterranea e il suo impatto sulla condizione giovanile nella regione. Il Rapporto, grazie alla Farnesina, ha avuto un significativo impatto di orientamento sull’Agenda per il Mediterraneo durante la Presidenza Italiana Ue. Il secondo Rapporto del 2017, Violent Extremism and Development Report (Rapporto sull’estremismo violento e lo sviluppo) indaga il legame tra violenza estrema e sviluppo, sempre nell’ambito dell’analisi della gioventù dell’area mediterranea. In particolare, il Rapporto mira ad analizzare l’impatto devastante che il singolo atto di violenza può avere per l’economia del singolo paese (basti pensare all’attacco del museo di Tunisi e le sue ripercussioni sul turismo tunisino). Ed è proprio grazie ad un’analisi congiunta su educazione ed integrazione – e su come queste influenzino lo sviluppo – che il Rapporto individua possibili criticità e suggerisce soluzioni per evitare l’insorgenza di pericolose frustrazioni nei giovani. Anche in questa sede la riflessione è stata estesa a più materie e campi di studio, dall’approfondimento psicologico a quello religioso (con il contributo di massimi esperti dell’Islam, quali il sociologo iraniano Farhad Khosrokhavar, studioso di radicalizzazione islamica), fino all’analisi storica del colonialismo. Infine, il terzo Rapporto, Youth, actors for change. Rethinking Mobility (Giovani, attori del cambiamento. Ripensare la mobilità), presentato a Roma il 16 febbraio, grazie al supporto dell’Istituto Diplomatico Internazionale (IDI) e dell’Eurispes, ha invece come oggetto di studio la mobilità giovanile nell’area mediterranea – anche in questo caso attraverso diversi campi di ricerca, dalla sociologia, alla psicologia, all’economia del lavoro, alla demografia – ed evidenzia come su questo argomento, oggi molto sensibile e centrale nel dibattito politico, sia necessario creare una nuova narrativa, sia nel settore dell’educazione che nel mondo del lavoro.

Le parole hanno un peso enorme, perché creano delle rappresentazioni della realtà condivise. Per questo, ridefinire il concetto di mobilità in una nuova ottica può essere lo strumento per restituire ai giovani di questa area geografica lo spazio e il tempo, due dimensioni che appartengono all’età giovanile. Se questo slancio viene frustrato viene meno la capacità progettuale e l’identità viene intaccata dalla limitazione della libertà individuale, fattori questi che possono sfociare in una reazione di vera e propria violenza estrema. Al contrario, il contatto genera conoscenza dell’altro, che, a sua volta, diventa sviluppo quando la mobilità diventa circolare ed è supportata da un sistema educativo e da una regolamentazione del mercato del lavoro nell’area mediterranea che ispiri i giovani e favorisca l’innovazione.

Quali sono gli strumenti per favorire questa mobilità circolare dei giovani della regione mediterranea e per costruire nuove competenze per il futuro?

I campi d’intervento nell’area mediterranea per favorire lo sviluppo delle competenze trasverali che saranno sempre più richieste nei prossimi decenni (creatività, flessibilità, capacità di innovazione) sono delle politiche di istruzione e del lavoro che favoriscano la mobilità e che operino in sinergia.

Per quanto riguarda l’educazione, occorre investire nelle competenze socio-cognitive fin dalla più tenera età istituendo sistemi di educazione prescolare universale di qualità, adatti ai bisogni e agli stili di apprendimento dei bambini di età compresa tra uno e cinque anni, in modo da prepararli al meglio all’istruzione primaria, secondaria e superiore, nonché ad una eventuale mobilità futura.

L’internazionalizzazione dei programmi di studio si potrebbe tradurre in attività interculturali all’interno e all’esterno dei campus universitari, ma anche in una mobilità virtuale.

Leggi anche

Per quanto riguarda il sistema di istruzione terziario, non c’è solo l’Erasmus (che interessa il 2% degli studenti universitari). Ad esempio, si potrebbe incrementare il ricorso ai MOC (Massive Open Online Courses) nei sistemi universitari, sfruttando l’enorme potenziale che l’online learning attualmente offre. Agli alunni, quindi (ma anche ad insegnanti ed educatori), si potrebbe offrire un programma di mobilità basato su soggiorni presso famiglie ospitanti in diversi Paesi del Mediterraneo. Tali scambi contribuirebbero in modo significativo all’obiettivo di rafforzare le competenze trasversali di adattamento, creatività, innovazione che concorrerebbero ad incentivare l’employability, piuttosto che a puntare esclusivamente su competenze tecniche che potrebbero risultare obsolete tra trent’anni.

Per raggiungere questo obiettivo, oltre alle iniziative nel mondo della scuola, i centri di formazione professionale dovrebbero impegnarsi nella cooperazione regionale e nell’armonizzazione dei programmi di formazione in modo da favorire l’equipollenza dei diplomi e dei certificati sul mercato del lavoro nell’area euromediterranea.

Proprio per instaurare un nuovo discorso sulla mobilità, il Rapporto propone di elaborare una Carta mediterranea sulla libera circolazione che permetta ai cittadini dei paesi mediterranei con passaporti biometrici di entrare in altri paesi mediterranei per un periodo limitato e stabilire con i paesi Eu accordi specifici per una maggiore mobilità.

Il Mediterraneo è una regione di intensa mobilità fisica, mentre i flussi migratori attraverso il Mediterraneo sono piuttosto modesti. Nel 2018, 47 milioni di visitatori hanno viaggiato in aereo, direttamente dai paesi del sud del Mediterraneo verso l’Unione europea (e un numero sovrapponibile ha lasciato l’Ue per il sud del Mediterraneo). Questo numero è 276 volte superiore al numero di nuovi immigrati provenienti dai paesi del Sud del Mediterraneo ammessi in Europa in un anno.

Come questa analisi si può tradurre in messaggi politici e superare l’attuale retorica sulla mobilità?

Questo Rapporto nasce sulla scia degli impegni presi dai rappresentanti politici e della società civile in occasione del Vertice delle due sponde del Mediterraneo occidentale (Marsiglia, 23-24 giugno 2019), che ha riunito i paesi del Dialogo 5+5 (Algeria, Libia, Mauritania, Marocco, Tunisia dalla regione del Sud del Mediterraneo e Francia, Italia, Malta, Portogallo, Spagna del Nord) più l’Unione europea, la Germania e le organizzazioni multilaterali e pan-mediterranee attive nella regione, con l’obiettivo di rafforzare la cooperazione e l’integrazione nel Mediterraneo. La riflessione del Rapporto del CMI sulla mobilità ha quindi voluto seguire questo slancio politico ed avere una influenza nell’estenderne il campo di azione a tutta la regione mediterranea.

 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento