Tadeusz Rachwal. Precarietà, correggere il sistema delle “bolle” sociali

precarietà

Precarietà e cultura del pericolo

Il filosofo e sociologo francese Michel Foucault (2008) aveva definito “la cultura del pericolo” un tipo di cultura connaturata al liberalismo. Un sistema quindi dove il pericolo non è percepito come qualcosa di esterno ma di interno, è avvertito costantemente nelle pratiche domestiche quotidiane, nelle esperienze di vita. È proprio da questa riflessione, sviluppata nel Rapporto 2022 della Rete europea SUPI sulla precarietà sociale, che parte l’analisi del sociologo polacco Tadeusz Rachwal*, professore all’Università di Scienze Sociali e Umanitarie di Varsavia, sulla struttura del nostro tessuto sociale e l’arrivo inaspettato del Covid-19. “Vivere pericolosamente”, il motto che secondo Foucault distingue uno degli elementi essenziali del liberalismo, significa che gli individui sono costantemente esposti e condizionati da questa sensazione di paura nella loro vita presente e nella proiezione futura, da una cultura tutta interna che li induce costantemente a costruirsi delle sicurezze soprattutto economiche: «non siamo di fronte a paure di una catastrofe apocalittica, e nemmeno alla paura della morte – spiega Rachwall – ma piuttosto alla paura di una perdita economica, forse di una mancanza di successo».  

Tutto ha la forma di un’impresa

E perché al centro di tutto c’è l’economia? Perché, spiega ancora Foucault, secondo la cultura del liberalismo, le unità di base del tessuto sociale non sono costruite per favorire il contatto diretto tra l’individuo e la natura – un contatto che è estraneo ad ogni logica economica – ma per assumere invece la forma di un’impresa: «che cos’è la proprietà privata se non un’impresa? Che cos’è una casa se non un’impresa? Qual è la gestione di queste piccole comunità di quartiere […] se non altre forme di impresa?». Rachwal amplia ancora di più questa metafora dell’impresa e la applica anche agli individui che, sempre più lontani dal rapporto con la natura, finiscono per diventare come tante imprese individuali, imprese confinanti con altre imprese, in un sistema totalmente economizzato.

Vivere nelle “bolle” la chiusura in se stessi e la fragilità sociale

La società mondiale attuale presenta in modo crescente questa netta distinzione tra il dentro (economia) e il fuori (ambiente naturale); e tutti gli individui, occupati e non, progressivamente coinvolti nella cultura dell’impresa e della connessa sensazione di rischio e pericolo, sono direttamente o indirettamente indotti a partecipare alla costruzione di un grande edificio economico nel quale si rinchiudono, come in tanti appartamenti. La stessa parola – appartamento – richiama proprio il significato di questa separazione. Appartamenti, aggiunge Rachwall, richiamando una immagine del filosofo tedesco Peter Sloterdijk, che sono come le bolle di una schiuma, tanti mondi a sé, impermeabili l’uno all’altro, che vivono nel proprio spazio chiuso e non condivisibile. La separazione tra una bolla e l’altra esclude ogni tipo di relazione o parentela; le bolle condividono soltanto le membrane contigue e la precarietà che deriva dalla loro fragilità. In questo sistema che si auto potenzia continuamente senza che vi sia una forza esterna, “un fuori”, in grado di guidare razionalmente il tutto, i contatti sono superficiali, la condivisione inesistente, ogni cosa è finalizzata alla cura di sé e della propria bolla piuttosto che dell’altro. La fonte della precarietà diffusa nelle nostre comunità è proprio legata all’affermarsi di questa cultura e processo di vita sociale.

Il terrorismo del Covid

Se il fuori della bolla è visto come il pericolo e il dentro invece come la base della nostra sicurezza, il Covid-19 è arrivato a cambiare questo paradigma. Prima della pandemia, l’aria era vista come un elemento esterno, appartenente alla dimensione del “fuori”. Poi sono arrivate le mascherine, la malattia, la trasmissione e il contagio: l’idea dell’“interno” come garanzia di sicurezza dall’“esterno” è svanita, siamo stati costretti a condividere i nostri spazi con il virus, con quello che percepiamo come un terrorista, o almeno come una creatura simile a un terrorista.

Il racconto di due paure

Sono molti, in effetti, i punti di somiglianza tra il terrorismo e il Coronavirus, analizzati in un articolo sulla pagina web di “European Eye on Radicalization”: “Un Racconto di due Paure: Confronto tra Terrorismo e Coronavirs” (“A Tale of Two Fears: Comparing Terrorism and the Coronavirus”, Marone, 2020). Tra queste somiglianze, troviamo l’aspetto della segretezza, perché i virus sono invisibili, misteriosi per chiunque non sia uno specialista, così sfuggenti da dare inizio a teorie del complotto sulla loro origine. Un’altra somiglianza, ancora più subdola, è la loro capacità di trasformare in paura l’amore e la fiducia per il prossimo: se l’ISIS mirava a diffondere il terrore tra i “crociati” fino a quando “ogni vicino non avrà paura del suo prossimo”, il Covid è andato ad aumentare la precarietà sociale facendoci vedere nella figura dell’altro un possibile veicolo di contagio della malattia.

Correggere la precarietà: comportarsi da congiunti

È possibile resistere in qualche modo a questo processo di crescente precarietà legato al diffondersi dell’“individualismo dell’appartamento” chiuso, della segregazione progressiva nelle “bolle”? A questa domanda il sociologo polacco Rachwall prova a rispondere con due richiami. Il primo ad una filosofa americana, Donna Harawaye al suo appello a “comportarsi da congiunti” (2015), a ripensare profondamente e positivamente la nostra convivenza con i vicini, chiunque essi siano, ad agire superando i legami dei nostri ristretti àmbiti familiari e gruppi sociali per provare a “congiungersi” realmente con gli altri, tutte creature del mondo in cui ci è dato di vivere.

Nomadland: imparare a vivere la vicinanza con gli altri

Il secondo richiamo utile al superamento di un individualismo sempre più precario, Rachwall lo fa al messaggio contenuto nel libro Nomadland di Jessica Bruder, da cui è stato tratto l’omonimo film di Cloé Zhao (2020). Il libro racconta la storia degli abitanti americani i quali hanno scelto di vivere in furgoni, camper, roulotte spostandosi continuamente da un luogo ad un altro; persone che non sono “senzatetto” ma che preferiscono vivere “senza fissa dimora”, un gruppo sociale nomade che esprime una sua idea di libertà, anche dalla cura dello Stato. Individui soli, ma che vivono comunque delle situazioni di vicinanza nei continui incontri nei parcheggi di sosta, incontri casuali ma ricchi di scambi umani. È come la nascita di un spazio sociale nuovo e originale: «sta accadendo qualcosa di grande», secondo Jessica Bruder. E prospetta così la possibilità di una netta correzione della precarietà collegata e diffusa al prevalere del fattore decisivo dell’economia, all’idea fissa della proprietà e del possesso. L’esperienza dei Nomadlad è un segnale, modesto e limitato quanto si vuole, difficilmente teorizzabile secondo Rachwall, ma indica la necessità di assumere un nuovo punto di riferimento nell’esperienza sociale: l’idea e la capacità di vivere la vicinanza con gli altri.    

Leggi anche

*Tadeusz Rachwał, Sociologo,Professore, Università di Scienze Sociali e Umanitarie Varsavia – Polonia. Riferimento: Rete Europea SUPI sulla Precarietà Sociale 2022 (Berlino-Roma). 

**Ida Nicotera, Dipartimento Internazionale dell’Eurispes.

Leggi l’articolo in inglese

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra