Minibot, l’Italia gioca a poker. Ecco la verità nascosta

L’economia è fatta di questioni semplici e concetti complessi.
Sorprenderà ma le prime sono molto più numerose dei secondi. Per esempio: se una bicicletta alfa costa 500 euro e una beta ne costa 3.000, il numero di persone che acquisterà la prima sarà probabilmente molto superiore. Questa è la legge della domanda, una “legge” economica che, come molte “leggi” economiche, fotografa una realtà di fatto: dato un prodotto (la bicicletta), la sua domanda è legata inversamente al prezzo. Difficile? No.
La moneta, invece, sì: è una cosa complicata assai. Questo rende difficile a molti di noi comprendere il dibattito sui minibot: sono una grande idea, una follia assoluta o, addirittura, una cosa inutile? Oppure, sono un’altra cosa rispetto a ciò che appare?

Mario Draghi, che appartiene al club di quelli che di moneta ne capiscono, è stato tranchant: i minibot, o sono una nuova moneta o una nuova forma di debito. Se sono la prima, siamo fuori dalla legge; se sono la seconda, non pare esattamente una buona idea per un Paese come il nostro, che di debito ne ha già un bel po’. Punto. Che possano essere un debito, del resto, lo dice il nome stesso: BOT sta per Buoni Ordinari del Tesoro, che sono uno dei titoli con i quali lo Stato chiede soldi in prestito – ossia contrae un debito. La cosa curiosa dei minibot, semmai, è che se ne conosce il valore di emissione ma non l’interesse.

Come capire, invece, se sono moneta? Risposta: osservando che cosa sia una moneta. Una moneta è prima di tutto un bene, come lo è, per dire, lo smartphone sul quale state probabilmente leggendo questo articolo.
Ma che cosa distingue la moneta da un iPhone? Due cose. Primo: la sua natura istituzionale. La moneta è un fatto politico: c’è un potere che assume il diritto esclusivo di realizzarla e che, contemporaneamente, ne garantisce il valore. A quella garanzia tutti prestiamo fede. Secondo: la sua capacità di esprimere valore, accettiamo la moneta come pagamento del nostro lavoro e ne cediamo un po’ per prenderci un caffè; amiamo accumularne un po’ e, più vediamo il mucchio crescere, più ci sentiamo ricchi.

La moneta, oltretutto, consente di misurare con un unico metro cose diverse – 1.200 euro possono misurare il valore di trenta giorni di lavoro di una persona e quello di uno smartphone. La moneta, infine, consente il credito, ovvero una scommessa sul futuro: nel caso del debito pubblico ne cedo un po’ oggi allo Stato, confidando di riceverla indietro, domani, con un certo incremento.

Ciascuno di noi, ora, è in grado di capire se i minibot siano del nuovo debito o della nuova moneta. Accettereste uno stipendio in minibot? Credete che qualche barista accetterebbe di farvi un caffè in cambio di minibot? Se la risposta è no, state pensando che i minibot siano una nuova, ulteriore forma di debito, che lo Stato contrarrebbe con i propri cittadini. Se la risposta è sì, state pensando che i minibot siano una moneta nazionale che si aggiunge all’euro, moneta internazionale – ma che all’estero nessuno accetterà.

La sensazione è che di minibot smetteremo presto di sentir parlare, accantonati in quel simpatico ripostiglio di “perle” assolute della politica contemporanea, come le pecore che ripuliscono i giardini pubblici romani, o gli attempati comici del passato nominati all’Unesco. Ma c’è un però.

Il però ha forma di domanda: perché mai gli estensori di questa proposta, che tutto sono fuorché degli sprovveduti, si sono lanciati in una mossa (apparentemente) suicida e autolesionista? Perché provocare la Bce? Perché spaventare i (famigerati) mercati, con il rischio (rischio?) di un immediato rialzo dello spread? Perché sbandierare ai quattro venti l’intenzione di fare una cosa evidentemente fuori dalle possibilità?

Immaginiamoci una scena da film western: un tavolo da poker – quello della trattativa fra Italia e Commissione Ue sulla procedura d’infrazione. Due giocatori: uno, l’Europa, fa la voce grossa, forte di un bel mucchietto di fiches davanti a sé ma sa che siede su una sedia con le gambe fragili, rosicchiate dai tarli. L’altro, l’Italia, ritiene di avere poco o nulla da perdere e perciò conduce la partita sul filo del rasoio, fra bluff e voce ancora più grossa dell’altro.
Poco prima di fare il suo rilancio, l’Italia, appoggia sul tavolo un revolver carico, guardando fisso il rivale negli occhi.

Ecco la risposta: i minibot non verranno mai realizzati; nessuno, nemmeno quelli del Governo, ci hanno mai veramente creduto. Ma sono un messaggio, forte, chiaro, diretto.
Eccolo qua: cara Commissione, guarda che se perseveri nel negarci il tuo aiuto, noi siamo pronti a squassare l’euro, fino probabilmente a farlo morire – e allora sono dolori per tutti. Possiamo iniziare domattina a sfilare via un mattone dall’edificio (i minibot) e poi un altro ancora (sforare ulteriormente il tetto) e poi ancora e ancora, fino a che decideremo di smontarne un pilastro portante, uscendone fuori. E allora piangerete tutti.

Ecco allora che cosa sono i minibot: un avvertimento.
Lo capiranno, lassù in Belgio?

Ultime notizie
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze
scuola e università
Istruzione

Scuola e Università per il futuro dell’Italia, investire in formazione e digitale

Scuola e Università per il futuro dell’Italia è il tema dell’incontro promosso dall’Osservatorio sulle Politiche educative dell’Eurispes, che ha avuto luogo a Roma nella giornata di ieri. Emerge il ruolo fondamentale della scuola, della formazione degli educatori, del digitale; attenzione alla prospettiva occupazionale e umana legata all’istruzione e alla possibilità di usare i fondi europei per colmare lacune e divario territoriale.
di Susanna Fara
scuola e università