Minibot, l’Italia gioca a poker. Ecco la verità nascosta

L’economia è fatta di questioni semplici e concetti complessi.
Sorprenderà ma le prime sono molto più numerose dei secondi. Per esempio: se una bicicletta alfa costa 500 euro e una beta ne costa 3.000, il numero di persone che acquisterà la prima sarà probabilmente molto superiore. Questa è la legge della domanda, una “legge” economica che, come molte “leggi” economiche, fotografa una realtà di fatto: dato un prodotto (la bicicletta), la sua domanda è legata inversamente al prezzo. Difficile? No.
La moneta, invece, sì: è una cosa complicata assai. Questo rende difficile a molti di noi comprendere il dibattito sui minibot: sono una grande idea, una follia assoluta o, addirittura, una cosa inutile? Oppure, sono un’altra cosa rispetto a ciò che appare?

Mario Draghi, che appartiene al club di quelli che di moneta ne capiscono, è stato tranchant: i minibot, o sono una nuova moneta o una nuova forma di debito. Se sono la prima, siamo fuori dalla legge; se sono la seconda, non pare esattamente una buona idea per un Paese come il nostro, che di debito ne ha già un bel po’. Punto. Che possano essere un debito, del resto, lo dice il nome stesso: BOT sta per Buoni Ordinari del Tesoro, che sono uno dei titoli con i quali lo Stato chiede soldi in prestito – ossia contrae un debito. La cosa curiosa dei minibot, semmai, è che se ne conosce il valore di emissione ma non l’interesse.

Come capire, invece, se sono moneta? Risposta: osservando che cosa sia una moneta. Una moneta è prima di tutto un bene, come lo è, per dire, lo smartphone sul quale state probabilmente leggendo questo articolo.
Ma che cosa distingue la moneta da un iPhone? Due cose. Primo: la sua natura istituzionale. La moneta è un fatto politico: c’è un potere che assume il diritto esclusivo di realizzarla e che, contemporaneamente, ne garantisce il valore. A quella garanzia tutti prestiamo fede. Secondo: la sua capacità di esprimere valore, accettiamo la moneta come pagamento del nostro lavoro e ne cediamo un po’ per prenderci un caffè; amiamo accumularne un po’ e, più vediamo il mucchio crescere, più ci sentiamo ricchi.

La moneta, oltretutto, consente di misurare con un unico metro cose diverse – 1.200 euro possono misurare il valore di trenta giorni di lavoro di una persona e quello di uno smartphone. La moneta, infine, consente il credito, ovvero una scommessa sul futuro: nel caso del debito pubblico ne cedo un po’ oggi allo Stato, confidando di riceverla indietro, domani, con un certo incremento.

Ciascuno di noi, ora, è in grado di capire se i minibot siano del nuovo debito o della nuova moneta. Accettereste uno stipendio in minibot? Credete che qualche barista accetterebbe di farvi un caffè in cambio di minibot? Se la risposta è no, state pensando che i minibot siano una nuova, ulteriore forma di debito, che lo Stato contrarrebbe con i propri cittadini. Se la risposta è sì, state pensando che i minibot siano una moneta nazionale che si aggiunge all’euro, moneta internazionale – ma che all’estero nessuno accetterà.

La sensazione è che di minibot smetteremo presto di sentir parlare, accantonati in quel simpatico ripostiglio di “perle” assolute della politica contemporanea, come le pecore che ripuliscono i giardini pubblici romani, o gli attempati comici del passato nominati all’Unesco. Ma c’è un però.

Il però ha forma di domanda: perché mai gli estensori di questa proposta, che tutto sono fuorché degli sprovveduti, si sono lanciati in una mossa (apparentemente) suicida e autolesionista? Perché provocare la Bce? Perché spaventare i (famigerati) mercati, con il rischio (rischio?) di un immediato rialzo dello spread? Perché sbandierare ai quattro venti l’intenzione di fare una cosa evidentemente fuori dalle possibilità?

Immaginiamoci una scena da film western: un tavolo da poker – quello della trattativa fra Italia e Commissione Ue sulla procedura d’infrazione. Due giocatori: uno, l’Europa, fa la voce grossa, forte di un bel mucchietto di fiches davanti a sé ma sa che siede su una sedia con le gambe fragili, rosicchiate dai tarli. L’altro, l’Italia, ritiene di avere poco o nulla da perdere e perciò conduce la partita sul filo del rasoio, fra bluff e voce ancora più grossa dell’altro.
Poco prima di fare il suo rilancio, l’Italia, appoggia sul tavolo un revolver carico, guardando fisso il rivale negli occhi.

Ecco la risposta: i minibot non verranno mai realizzati; nessuno, nemmeno quelli del Governo, ci hanno mai veramente creduto. Ma sono un messaggio, forte, chiaro, diretto.
Eccolo qua: cara Commissione, guarda che se perseveri nel negarci il tuo aiuto, noi siamo pronti a squassare l’euro, fino probabilmente a farlo morire – e allora sono dolori per tutti. Possiamo iniziare domattina a sfilare via un mattone dall’edificio (i minibot) e poi un altro ancora (sforare ulteriormente il tetto) e poi ancora e ancora, fino a che decideremo di smontarne un pilastro portante, uscendone fuori. E allora piangerete tutti.

Ecco allora che cosa sono i minibot: un avvertimento.
Lo capiranno, lassù in Belgio?

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia