Sanità: legge Gelli-Bianco, un esempio di analfabetismo, purtroppo non solo giuridico.

analisi

La nuova disciplina per contrastare la medicina difensiva “bocciata” dalla Cassazione prima ancora di produrre i concreti effetti. In attesa dei decreti attuativi (che dovevano essere emanati entro il 30 giugno) da diversi settori salgono critiche ed allarmi sulla legge Gelli-Bianco, pubblicata in Gazzetta l’8 marzo scorso.

Dagli avvocati Franco Di Maria e Vincenza Pinò riceviamo e, volentieri pubblichiamo questo articolo.

 

“Ibis redibis non morieris in bello”. Il responso della Sibilla cumana – al confronto della legge Gelli – appare un raro esempio di univoca chiarezza! Peccato però che a far le spese di una legge che, a pieno titolo, potrebbe entrare nel museo degli orrori del diritto saranno i due protagonisti di questa amena riforma: i medici e i pazienti.

La nuova disciplina di “disarticolante contraddittorietà” (così testualmente Cassazione penale, 7 giugno 2017, n. 28187) si propone il dichiarato obiettivo di garantire la sicurezza delle cure e di debellare la “medicina difensiva”, ossia la prescrizione di esami inutili che i medici sarebbero indotti ad effettuare nel timore di essere oggetto di denunce da parte dei pazienti.

Per far credere all’opinione pubblica che il primo obiettivo – quello della sicurezza delle cure – era stato raggiunto, non si è trovato niente di meglio che esercitarsi in solenni, roboanti affermazioni di principio, svuotate però di qualunque concreto contenuto.

Per conseguire il secondo risultato (sconfiggere la “medicina difensiva” e, conseguentemente, ridurre i costi del servizio sanitario nazionale) il dichiarato proposito era quello di “alleggerire” la responsabilità penale dei medici.

Analizziamo pochi ma qualificanti punti di questo salvifico intervento legislativo.

Sicurezza delle cure, Garante della salute, Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla salute nella sanità, trasparenza dei dati (articoli da 1 a 4).

Si tratta di norme puramente declamatorie senza alcuna efficacia pratica. Vediamo.

L’art. 2 – nel prevedere l’istituzione del Garante della Salute, compito da affidarsi al Difensore Civico Regionale – dispone laconicamente che le Regioni “possono” affidare tale incarico al Difensore, così di fatto rimettendo alla loro diligenza e buona volontà la concreta attuazione di tale altisonante figura di garanzia.

L’art. 3 dispone che – previa intesa tra Stato, Regioni e le provincie autonome di Trento e Bolzano e senza maggiori oneri per la finanza pubblica – venga istituito l’Osservatorio Nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità. E’ agevole prevedere che – dati i presupposti – tale norma rimarrà tra i buoni propositi inattuati della riforma.

L’art. 4, meritoriamente, prevede che la documentazione sanitaria debba essere fornita al paziente entro sette gironi dalla richiesta, giorni che però possano diventare trenta per eventuali integrazioni. E quale sanzione è prevista – si chiede l’ingenuo paziente – nel caso in cui la struttura sanitaria non adempia ai propri obblighi nei tempi previsti? Ovviamente nessuna, è la risposta: si tratta di un obbligo che non prevede sanzioni per la sua trasgressione. Fattispecie, quest’ultima, di grande efficacia dissuasiva, come ognuno sa.

Responsabilità penale dei sanitari

Si trattava di “alleggerirla” – come si è già detto – per contrastare la “medicina difensiva”.

Bene. L’art. 3, comma 1, della Legge 8 novembre 2012, n. 189 (cosiddetta legge Balduzzi) aveva operato la distinzione – a proposito dei sanitari che si fossero attenuti alle linee guida e alle buone pratiche – tra colpa lieve e colpa grave, decriminalizzando le condotte connotate da colpa lieve. Insomma, residuava la responsabilità penale solo per colpa grave.

Ora, la nuova legge Gelli-Bianco ha abrogato l’art. 3, comma 1, della Balduzzi implicando “la reviviscenza, sotto tale riguardo, della previgente, più severa normativa che, per l’appunto, non consentiva distinzioni connesse al grado della colpa” (Cassazione penale, 7 giugno 2017, n. 28287 già citata).

Conclusione. La normativa precedente – lo dice la Suprema Corte – era più favorevole ai medici perché ne limitava la responsabilità penale ai soli casi di colpa grave mentre ora essi rispondono penalmente anche per colpa lieve.

Azione di rivalsa nei confronti dei sanitari

Sempre nel lodevole intento di limitare la responsabilità – anche economica – dei sanitari, l’art. 9 della Gelli-Bianco prevede (o, meglio, vorrebbe prevedere) che l’azione di regresso nei loro confronti (ove sia stata accertata la loro responsabilità per dolo o colpa grave) non

possa superare una somma pari a 3 volte il valore della retribuzione lorda annua. Così, se un medico percepisse una retribuzione lorda annua di € 50.000, l’azione di rivalsa nei suoi confronti non potrebbe superare i 150.000 euro (50.000 x 3 = 150.000).

Questo l’obiettivo dichiarato. Ma cosa dice esattamente la norma? Essa prevede che la retribuzione lorda annua (nell’esempio precedente: € 50.000) debba essere “moltiplicata per il triplo”.

E allora: 50.000 x 150.000 (il triplo) = 7 miliardi e 500 mila euro.

Niente male come limitazione della responsabilità civile!

Parafrasando Pericle si potrebbe dire che se ad Atene le leggi non le fanno i sellai a Roma, forse, non siamo altrettanto fortunati.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang