Sanità. Operazione Croce nera, chi è l’infiltrato: le mafie o lo Stato?

«L’operazione è stata denominata Croce nera, perché era in contrasto con la Croce rossa, che significa salute, aiuto a chi ha bisogno, loro invece, i camorristi, avevano preso in mano l’intero ospedale di Caserta chiamato Sant’Anna».

I ricordi del capo degli investigatori antimafia è ancora vivido dell’operazione investigativa che ha segnato la storia delle infiltrazioni delle mafie nella sanità pubblica italiana: per la prima volta non veniva sciolta e quindi commissariata da parte dello Stato un’azienda sanitaria locale o provinciale, ovvero il corpo amministrativo della gestione degli ospedali di un determinato territorio, ma una vera e propria struttura ospedaliera. La novità eclatante risiedeva nel fatto che più volte era stata accertata l’infiltrazione della criminalità organizzata nella gestione amministrativa, quindi nelle gare di appalto e di gestione dei vari ospedali, ma mai prima si aveva avuto la prova che la criminalità organizzata gestisse completamente, de facto un ospedale.

Il legame familiare rimane un fattore fondamentale

«Avevamo ben due clan all’interno della gestione del Sant’Anna, da una parte il clan Zagaria, tramite la sorella di Michele Zagaria[1], Elvira, che gestiva gli appalti più importanti. Di poi il clan Iovine, entrambi i clan formavano insieme il cosiddetto “clan dei casalesi” che tutti oggi conosciamo. La sorella del boss, Elvira Zagaria, gestiva gli affari tramite suoi sodali che avevano rapporti con la dirigenza dell’ospedale e direttamente con il direttore sanitario, così da gestire in maniera diretta le gare di appalto. Teniamo presente un primo punto importate, il fratello è il capo camorrista e la sorella gestisce una parte degli affari, il legame familiare è, e rimane, un fattore fondamentale. Inoltre lei non aveva nessun tipo di qualifica professionale che potesse giustificare questa posizione, mi spiego, non era medico, neanche commercialista o altro. Nulla. Gestiva affari per conto del suo clan. Tutto qua. L’inchiesta comincia da diverse anomalie registrate nelle gare d’appalto, che venivano vinte sempre dalle stesse ditte. 

Le mafie, tra realtà e rappresentazione

Poi abbiamo messo a verbale le prime dichiarazioni di alcuni funzionari che hanno deciso di collaborare. Non ci hanno svelato le trame criminali vere e proprie ma ci hanno segnalato la presenza di alcuni soggetti che erano sempre presenti nella struttura sanitaria.

Il clan prende il controllo di un cartello di imprese che hanno in mano tutti i lavori pubblici dell’ospedale

Iniziamo a intercettare, dal 2013 al 2015, Elvira Zagaria che svolgeva molte riunioni davanti alla tomba del marito. Sembra tratto da una serie Tv, ma è la realtà. Noi abbiamo filmato tutti questi incontri, quindi sono documenti processuali di come venivano mandati messaggi e date indicazioni nel cimitero per evitare di essere intercettati. Da questo lavoro investigativo noi scopriamo anche i legami con esponenti politici del territorio. Documentiamo come il clan Zagaria riesca a far nominare un dirigente nella direzione dell’ospedale.  Da questa nomina, il clan prende il controllo di un cartello di imprese che hanno in mano tutti i lavori pubblici dell’ospedale, ed essendo il più grande si può immaginare quanto denaro e soprattutto quanto lavoro produceva, e quindi in un’ultima istanza anche consenso sociale, escludendo qualsiasi tipo di concorrenza. Avevamo, dalle evidenze investigative, un sistema criminale che vedeva sedersi intorno allo stesso tavolo: camorra, pubblica amministrazione, politica e imprenditoria. Un tavolo stabile di lavoro che sfrutta l’esigenza sanitaria, ovvero di dare un servizio ai cittadini per un proprio personale arricchimento».

Assalto alla Sanità pubblica

L’operazione Croce nera, condotta dalla Direzione Investigativa Antimafia (Dia) svela quindi un meccanismo che vede un vero e proprio assalto alla Sanità pubblica. L’indagine svolta dal 2013 al 2015, svela anche la durata corruttiva e l’infiltrazione. Le radici affondano nel 2007/2008. Anni di gare truccate, di qualsiasi importo, da poche centinaia di migliaia di euro a milioni di euro. Tutto pilotato per gli interessi di ognuno dei componenti del tavolo criminale. Appalti che venivano regolarmente gonfiati per appropriarsi del denaro pubblico. 

Per la prima volta si dispone il sequestro di un ospedale

«Abbiamo sequestrato quattro aziende, abbiamo arrestato un medico della direzione generale dell’ospedale che aveva anche parenti magistrati. Insieme ad un suo collega, sempre medico, ricevevano ordini direttamente dal clan. Quindi erano assolutamente consapevoli e complici. Alla chiusura l’indagine abbiamo arrestato oltre quaranta persone, sequestrato decine di milioni di euro, ma soprattutto per la prima volta il ministro dell’Interno dell’epoca, su nostra indicazione da evidenze investigative, dispone il sequestro e il commissariamento di un ospedale, una prima volta assoluta per l’Italia. Per comprendere bene il fenomeno, il clan controllava dall’appalto degli ascensori alle macchinette delle merendine. Dagli strumenti diagnostici più avanzati al caffè che bevevi al bar».

Maxi riciclaggio da 500 miliardi di euro, come le mafie condizionano l’economia mondiale

L’operazione Croce nera ha prodotto condanne definitive per tutti i soggetti coinvolti, dimostrando quanto la Sanità, veicolo di soldi pubblici, fosse preda non solo dei criminali, ma dei colletti bianchi della politica, dell’imprenditoria e della pubblica amministrazione. L’investigatore capo con amara ironia sottolinea commenta: «Non è tanto la mafia che si è infiltrata nella sanità, al contrario sembra quasi che con le nostre operazioni investigative, lo Stato si infiltra, qualche volta, nella sanità mafiosa».

[1] Capo dell’organizzazione camorristica denominata “clan dei casalesi”. Veniva chiamato il “re del cemento” a livello nazionale.  I suoi interessi, negli appalti pubblici e non, partono dalla Campania per estendersi fino al Lazio, la Toscana, Umbria, Abruzzo, Lombardia e, in particolare, in Emilia-Romagna. Sta scontando l’ergastolo al 41bis. 

Ultime notizie
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale
G20
Briefing

G20, pandemia come cartina tornasole dell’imprescindibilità del multilateralismo

People, Planet e Prosperity sono i tre pilastri della Presidenza italiana del G20, ai quali se ne aggiunge un altro dettato dalle necessità legate alla pandemia: la salute globale. La crisi sanitaria ha reso evidente la necessità del multilateralismo, ovvero della cooperazione e condivisione delle strategie di contrasto.
di Alessandro Modiano*
G20
sardegna
Ambiente

Sardegna, un’isola in fiamme che racconta la crisi climatica

Le immagini di una Sardegna in fiamme hanno evidenziato le già note conseguenze dei cambiamenti climatici, e la necessità di una maggiore sensibilità ecologica globale. Ma bisogna anche presidiare il territorio, dato che 6 roghi su 10 risultano essere dolosi.
di Giuseppe Pulina
sardegna