Sindacati, cresce la fiducia. Cgil, Cisl, Uil e Ugl soddisfatti: “Una grande responsabilità”

Cresce il consenso nei confronti dei sindacati secondo il Rapporto Italia 2020 dell’Eurispes. Rispetto al 2019, il 37,9% dei cittadini esprime fiducia nei loro confronti, ben 8,5 punti percentuali in più rispetto al2019.

«I dati dimostrano come nel nostro Paese ci sia una forte domanda di rappresentanza e di partecipazione. Un risultato che ci gratifica, ma al tempo stesso ci responsabilizza ulteriormente. Siamo, infatti, consapevoli che dal nostro lavoro quotidiano possano dipendere le condizioni materiali dei giovani, dei lavoratori e dei pensionati», afferma il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini. «I dati del rapporto devono, comunque, rappresentare uno stimolo ulteriore per continuare nel nostro lavoro. In un contesto storico di grandi trasformazioni e in un mondo del lavoro che cambia rapidamente, anche il sindacato deve cambiare e sapersi rinnovare, dando voce e rappresentanza a tutti quei lavoratori che oggi ne sono sprovvisti, rilanciando l’obiettivo dell’unità sindacale e del mondo del lavoro. Lo scorso anno milioni di donne e di uomini hanno partecipato alle tante manifestazioni nazionali e territoriali di Cgil, Cisl e Uil e aderito agli scioperi indetti dalle nostre categorie, per sostenere le proposte contenute nella piattaforma unitaria su fisco, pensioni, contratti, investimenti e Mezzogiorno. Grazie alla mobilitazione stanno arrivando i primi risultati, ma continueremo ad andare avanti».

Annamaria Furlan segretaria generale della Cisl ha commenta: «La crescita di credibilità e di fiducia nel sindacato, come ha rilevato oggi l’Eurispes, è un fatto molto positivo perché è dovuto a milioni di uomini e donne, lavoratori e pensionati che abbiamo mobilitato l’anno scorso a livello nazionale con tante manifestazioni, scioperi delle nostre categorie e nei territori su obiettivi concreti e condivisi dai cittadini». E prosegue: «Parliamo di tante persone che sono scese in piazza per sostenere la nostra piattaforma unitaria per un’idea di un Paese diverso, per creare una condizione di crescita, a partire dallo sblocco delle infrastrutture ed i tanti cantieri fermi da anni, ma anche per un bisogno di giustizia sociale, di equità fiscale, di maggiori investimenti in innovazione, ricerca, formazione, per un vero sviluppo del mezzogiorno. Una mobilitazione anche con la richiesta di cambiare i decreti sicurezza, e quelle norme dello sblocca cantieri che favoriscono i sub appalti a discapito della legalità e della salute dei lavoratori. Questa è la vera discontinuità che il sindacato ha chiesto nelle politiche economiche e sociali del Governo Conte, un cambiamento che evidentemente tanti italiani oggi auspicano».

Carmelo Barbagallo, segretario della Uil dichiara: «Un risultato importante che ci conforta circa l’efficacia della nostra azione sindacale, fondata esclusivamente sul merito delle nostre proposte e delle nostre rivendicazioni. Avevamo già avuto un concreto riscontro di questo trend positivo, avendo registrato, negli ultimi anni, una costante crescita sia dei propri iscritti sia dei consensi ottenuti in occasione delle elezioni delle Rsu. L’esito di questa ricerca, messa in campo da un Istituto prestigioso come l’Eurispes, è un ulteriore sprone a proseguire instancabilmente nel nostro impegno a difesa dei diritti e degli interessi dei lavoratori, dei pensionati e dei giovani in cerca di lavoro, nella prospettiva della crescita del Paese».

Sui dati emersi dal Rapporto Italia 2020 è intervenuto anche Paolo Capone, Segretario Generale dell’Ugl: «La crescita della fiducia nei sindacati ci fa contenti e tuttavia deve anche indurci ad una riflessione, che è la richiesta di riportare al centro delle politiche economiche e sociali il tema del lavoro”. Secondo Capone «i sindacati devono concentrare la loro azione sul fenomeno della povertà lavorativa, determinata non dall’assenza di lavoro com’era un tempo, ma dal lavoro stesso, che produce redditi medi netti talmente bassi da non proteggere dai rischi di ritrovarsi nell’area della povertà».

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia