Tasse, per 4 su 10 sono aumentate. “Servono infrastrutture fiscali”

In base alle rilevazioni dell’Eurispes, “solo” per quattro italiani su dieci le tasse sono effettivamente aumentate, facendo così registrare un dato del 27% in meno rispetto al 2013, anno in cui gli italiani che lamentavano l’aumento della pressione fiscale erano il 69,2%. Di contro, oltre uno su dieci (12,2%) ha sperimentato una leggera (9,5%) o netta (2,7%) diminuzione della suddetta. Il dilemma risulta essere, del resto, se sia più conveniente pagare meno tasse e avere più soldi in tasca, rilanciando i consumi (come ritiene il 37,5% degli italiani), o se, invece, sia preferibile avere più servizi pubblici e di maggiore qualità. Per il 22,6% degli italiani, la minore pressione fiscale inciderebbe negativamente sulla disponibilità e qualità di quest’ultimi. Pagare le tasse allo Stato per avere un livello accettabile di servizi pubblici è, comunque, indispensabile per il 49,8% dei cittadini (il 16,4% in meno rispetto al 2007) a fronte di un 50,2% che è “poco” o “per niente” d’accordo con questa affermazione. E, dunque, sarebbe preferibile ridurre l’imposizione sulle imprese (come ritiene il 22,4% degli italiani), oppure sarebbe meglio ridurre l’imposta sulle persone fisiche (come ritiene il 20,1% dei cittadini)? In tal senso, è interessante notare che sia gli appartenenti al centro-sinistra che al centro-destra individuano come prioritaria la necessità di diminuire le imposte sulle imprese, mentre i cittadini che si collocano al centro sono gli unici a ritenere che, nell’attuale fase economica, sarebbe più giusto ridurre l’imposta sulle persone fisiche – facendo così presumere che il cosiddetto ceto medio non è “medio” solo economicamente, ma anche nella sua collocazione politica. Infine, un dato per certi versi “allarmante”: più della metà degli italiani tende a giustificare l’evasione in determinate situazioni. A fronte di questo, il 17,3% degli italiani è favorevole al carcere come sanzione per gli evasori.
Fin qui i “freddi” numeri.
Quello che emerge da una visione di insieme è la necessità di una strategia di lungo respiro, che sappia costruire delle vere e proprie “infrastrutture fiscali” per il Paese. Alta velocità e 5G verso un futuro che garantisca i princìpi costituzionali tributari: dall’adempimento di ciascuno in base ai princìpi di capacità contributiva, alla realizzazione di una effettiva uguaglianza di ogni contribuente davanti all’erario; fino ad arrivare ad una doverosa tutela della capacità imprenditoriale. Insomma, un vero e proprio “piano Marshall fiscale”, che passi, ad esempio, attraverso:
1) la riforma dell’Irpef, per tutelare anche quella classe media che, oggi, in base ai risultati del sondaggio, sembra la più penalizzata dall’attuale struttura dell’imposta (e che spingerebbe senz’altro verso l’alto i consumi interni, con vantaggi per tutta la collettività);
2) prima (e più) che carcere per gli evasori, far pagare le tasse anche ai criminali, attraverso una efficace tassazione dei proventi illeciti, per quanto già non confiscato;
3) un giusto, equo, veloce ed efficiente processo tributario – con giudici tributari professionisti e nuovi strumenti di deflazione del contenzioso – sbloccando quei 100 miliardi di euro fermi nelle aule giudiziarie, che, o sono dello Stato (perché gli accertamenti sono corretti), o sono dei contribuenti, i quali finalmente potrebbero rimettere nel circolo economico quelle risorse;
4) un sistema razionale ed efficace di fiscalità ambientale, in grado di ridurre i danni all’ambiente e alla salute e di far pagare, a chi crea tali danni, il giusto contributo alla collettività;
5) un fisco a tutela e sostegno delle PMI, con, ad esempio, agevolazioni fiscali su distretti industriali e contratti di rete;
6) un taglio (finalmente) delle spese fiscali inutili.
Il problema non è, dunque, se far avere più soldi in tasca ai cittadini o mettere a disposizione di questi ultimi servizi pubblici migliori a seguito di un rincaro delle tasse; il punto cruciale è che qualsiasi scelta dovrà essere a lungo respiro, razionale, ma anche strategica, in una visione di insieme che abbracci l’economia, il diritto, il sociale e soprattutto il futuro di questo Paese.

Ultime notizie
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Storia

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day