Fisco

Tasse, per 4 su 10 sono aumentate. “Servono infrastrutture fiscali”

94

In base alle rilevazioni dell’Eurispes, “solo” per quattro italiani su dieci le tasse sono effettivamente aumentate, facendo così registrare un dato del 27% in meno rispetto al 2013, anno in cui gli italiani che lamentavano l’aumento della pressione fiscale erano il 69,2%. Di contro, oltre uno su dieci (12,2%) ha sperimentato una leggera (9,5%) o netta (2,7%) diminuzione della suddetta. Il dilemma risulta essere, del resto, se sia più conveniente pagare meno tasse e avere più soldi in tasca, rilanciando i consumi (come ritiene il 37,5% degli italiani), o se, invece, sia preferibile avere più servizi pubblici e di maggiore qualità. Per il 22,6% degli italiani, la minore pressione fiscale inciderebbe negativamente sulla disponibilità e qualità di quest’ultimi. Pagare le tasse allo Stato per avere un livello accettabile di servizi pubblici è, comunque, indispensabile per il 49,8% dei cittadini (il 16,4% in meno rispetto al 2007) a fronte di un 50,2% che è “poco” o “per niente” d’accordo con questa affermazione. E, dunque, sarebbe preferibile ridurre l’imposizione sulle imprese (come ritiene il 22,4% degli italiani), oppure sarebbe meglio ridurre l’imposta sulle persone fisiche (come ritiene il 20,1% dei cittadini)? In tal senso, è interessante notare che sia gli appartenenti al centro-sinistra che al centro-destra individuano come prioritaria la necessità di diminuire le imposte sulle imprese, mentre i cittadini che si collocano al centro sono gli unici a ritenere che, nell’attuale fase economica, sarebbe più giusto ridurre l’imposta sulle persone fisiche – facendo così presumere che il cosiddetto ceto medio non è “medio” solo economicamente, ma anche nella sua collocazione politica. Infine, un dato per certi versi “allarmante”: più della metà degli italiani tende a giustificare l’evasione in determinate situazioni. A fronte di questo, il 17,3% degli italiani è favorevole al carcere come sanzione per gli evasori.
Fin qui i “freddi” numeri.
Quello che emerge da una visione di insieme è la necessità di una strategia di lungo respiro, che sappia costruire delle vere e proprie “infrastrutture fiscali” per il Paese. Alta velocità e 5G verso un futuro che garantisca i princìpi costituzionali tributari: dall’adempimento di ciascuno in base ai princìpi di capacità contributiva, alla realizzazione di una effettiva uguaglianza di ogni contribuente davanti all’erario; fino ad arrivare ad una doverosa tutela della capacità imprenditoriale. Insomma, un vero e proprio “piano Marshall fiscale”, che passi, ad esempio, attraverso:
1) la riforma dell’Irpef, per tutelare anche quella classe media che, oggi, in base ai risultati del sondaggio, sembra la più penalizzata dall’attuale struttura dell’imposta (e che spingerebbe senz’altro verso l’alto i consumi interni, con vantaggi per tutta la collettività);
2) prima (e più) che carcere per gli evasori, far pagare le tasse anche ai criminali, attraverso una efficace tassazione dei proventi illeciti, per quanto già non confiscato;
3) un giusto, equo, veloce ed efficiente processo tributario – con giudici tributari professionisti e nuovi strumenti di deflazione del contenzioso – sbloccando quei 100 miliardi di euro fermi nelle aule giudiziarie, che, o sono dello Stato (perché gli accertamenti sono corretti), o sono dei contribuenti, i quali finalmente potrebbero rimettere nel circolo economico quelle risorse;
4) un sistema razionale ed efficace di fiscalità ambientale, in grado di ridurre i danni all’ambiente e alla salute e di far pagare, a chi crea tali danni, il giusto contributo alla collettività;
5) un fisco a tutela e sostegno delle PMI, con, ad esempio, agevolazioni fiscali su distretti industriali e contratti di rete;
6) un taglio (finalmente) delle spese fiscali inutili.
Il problema non è, dunque, se far avere più soldi in tasca ai cittadini o mettere a disposizione di questi ultimi servizi pubblici migliori a seguito di un rincaro delle tasse; il punto cruciale è che qualsiasi scelta dovrà essere a lungo respiro, razionale, ma anche strategica, in una visione di insieme che abbracci l’economia, il diritto, il sociale e soprattutto il futuro di questo Paese.

Ultime notizie
Eccellenza

Le nanotecnologie che permettono di ascoltare il dialogo tra le cellule a stella del cervello

Una ricerca coordinata dal Cnr-Isof in collaborazione con il Cnr-Imm dimostra che gli astrociti hanno una propria attività bioelettrica di eccitazione e comunicazione. Lo studio presenta possibili applicazioni nanotecnologiche per la cura di patologie come epilessia e ictus.
di redazione
Luciano Maria Teodori

Coronavirus, da soli non si va da nessuna parte

Il Presidente cinese Xi Jinping è un signore dalle mille risorse. Sembrava schiacciato dal disastro della epidemia ed invece è riuscito a...
di Luciano Maria Teodori
Sicurezza

La guerra al Coronavirus. Impegnati 10mila uomini e donne della Difesa

Per gestire l'emergenza Coronavirus che sta martoriando l'Italia, le Forze Armate stanno impiegando circa 10mila militari gestiti e coordinati dal Comando Operativo di vertice Interforze della Difesa (COI - Difesa). Come accade in occasione di ogni crisi, gli italiani individuano nell'Esercito Italiano la loro àncora di salvezza.
di Valentina Renzopaoli
Innovazione

La “scuola digitale” è debole. Solo 1 su 10 è connessa a banda ultra larga

Scuola digitale: di moderne tecnologie, dai Tablet ai Pc, dagli E-book alla Lim, le scuole italiane sono oramai state dotate. Quello che invece, ancora oggi manca sono figure in grado di utilizzare a pieno tali tecnologie, nonché la diffusione della connessione a banda ultra larga.
di Ilaria Tirelli
Opinioni

Coronavirus all’italiana

Metto, innanzitutto, in evidenza alcuni temi sottolineati da Gian Maria Fara, a proposito del Covid-19: «Certe decisioni politiche e amministrative, stanno edificando...
di Francesco Sidoti
Innovazione

Il cyber spazio bene comune e “frontiera” da presidiare

"Il fattore umano nella cyber security" è un interessante manuale che offre un punto di vista originale sulle metodologie e sugli strumenti più efficaci che le aziende sono chiamate ad adottare per diffondere una maggiore consapevolezza nell’uso del web e dei nuovi sofisticati strumenti di comunicazione.
di Massimiliano Cannata
Economia

Coronavirus, “Inaccettabile l’impiego di fondi Por delle Regioni del Sud per coprire l’emergenza”

Il tentativo del governo nazionale di utilizzare anche i fondi comunitari delle regioni del Sud, ossia le risorse destinate dall’Unione europea per...
di Saverio Romano
Attualità

Crisi Coronavirus, come farà l’Italia senza sommerso?

La crisi riconducibile al Covid-19 ha, di fatto, bloccato in gran parte l’economia ufficiale, quasi del tutto l’economia sommersa e inflitto pesanti perdite a quella criminale. Il vero problema sarà, nelle prossime settimane, quello di gestire la scomparsa del sommerso che è stato (piaccia o non piaccia) nel corso degli ultimi decenni un vero e proprio ammortizzatore sociale.
di Gian Maria Fara
Ambiente

Coronavirus, le pandemie sono colpa dell’uomo. WWF: “Abbiamo distrutto la natura”

Pandemie e distruzione degli ecosistemi naturali: il Report del WWF conferma l’allarme. Il 28 marzo l’evento globale del WWF, Earth Hour, dedicato all'Italia che si svolgerà via social.
di Valentina Arrighi
Economia

Coronavirus, Lockdown vs Knockdown

Il così detto “lockdown” delle Nazioni, se non gestito con attenzione, potrebbe tramutarsi in “knockdown”. La gestione dell’emergenza deve far capo alle procedure di risk management per la mitigazione dei livelli di rischio associati alla protezione della salute e dei flussi produttivi. L'intervento di Pasquale Preziosa e Roberto De Vita.
di Pasquale Preziosa e Roberto De Vita