Tg, la morte di Maradona scompagina le scalette

In giornate ingolfate dalla cronaca dell’epidemia, l’inattesa scomparsa di Diego Armando Maradona ha suscitato da parte delle testate un sussulto di energia ed interesse. L’omaggio al campione, genio assoluto del pallone, celebrato come simbolo del riscatto tanto per Napoli che per l’intero Sud del Mondo, amato anche per le sue numerose fragilità, monopolizza le edizioni di metà settimana, e permette al prime time – almeno per un paio di giorni – di svincolarsi dalla logorante narrazione “sul” ed “attorno” al Covid e trovare catarsi assieme al pubblico evocando una diversa “shared cultural experience”. Questi alcuni aspetti che emergono dall’analisi settimanale dell’Osservatorio Tg Eurispes – CoRiS Sapienza.

Messi in secondo piano i numeri del contagio, anche grazie alla frenata dei positivi, il prime time riscopre in piccola parte una “varietà” nei temi che sembrava perduta dopo che nelle settimane passate erano andate in onda, soprattutto nella fascia delle 20, edizioni sostanzialmente fotocopia, se non per minime variazioni. Sfortunatamente queste differenze non sono, per la maggior parte delle testate, il prodotto di un’analisi avanzata nei servizi, ma della selezione degli interventi – della politica, degli industriali, dei sindacati – riproposti nei servizi, questi, espressione di una linea editoriale alla quale non si accompagnano espliciti commenti o prese di posizione.

In opposizione a questa tendenza un po’ al risparmio, conseguenza di una narrazione appesantita dalla cronaca dell’epidemia, troviamo agli antipodi Tg4 e Tg La7. Il “piccolo” Tg4 è la testata più produttiva in termine di analisi e commenti, data la sua “nuova” impostazione, più simile a quella di un talk show che di un tg tradizionale. Ciò si affianca, purtroppo, ad una linea editoriale particolarmente schierata, con ammiccamenti e giudizi valoriali espressi fin dai titoli. Ne seguono così discussioni già orientante in partenza, anche se in talune circostante questa impostazione ha portato anche a singolari “corticircuiti”, con alcuni intervistati che sono arrivati a ribaltare la tesi di partenza.

Chi invece distingue con chiarezza il proprio giudizio dalle tematiche affrontate nei servizi è il Tg La7 di Enrico Mentana, che ne offre la riprova, venerdì, nel commento all’omicidio dello scienziato a capo del programma nucleare iraniano, cui la testata ha dedicato un titolo (assieme al Tg3). A fronte di una vicenda molto grave, Mentana è stato l’unico conduttore a permettersi di avanzare, da posizioni non sospette, un giudizio severo sulla condotta dei servizi segreti israeliani, anticipando quella che, il giorno dopo, sarebbe stata la condanna ufficiale dell’Unione europea.

Ultime notizie
Attualità

Può esistere una società dopo il Covid?

Le nostre abitudini sono state stravolte. Non è bastato. Ci ha turbato il senso di confusione provocato dal continuo mutamento delle regole....
di Angelo Perrone *
Ambiente

Energy sharing, verso la creazione di comunità energetiche

Le rinnovabili in Italia In Italia continua a crescere l’impiego delle fonti energetiche rinnovabili (FER): in questo senso, per consumi totali il nostro...
di redazione
Innovazione

Le innovazioni scientifiche e tecnologiche nella lotta al Covid

Il mondo è ancora immerso nel caos provocato dalla diffusione del Covid-19 e molte rimangono le incertezze riguardanti le conseguenze e le...
di Silvia Muscas
Economia

Mercato del lavoro, non solo Covid. La crisi è strutturale

Il XXII Rapporto del CNEL sul mercato del lavoro e della contrattazione collettiva, mette in luce alcune problematiche non originate dal Covid-19 ma da una persistente fragilità del Paese.
di Marco Omizzolo*
Opinioni e commenti

La politica della ignoranza

Prima del tragico assalto a Capitol Hill, il 6 gennaio, il presidente Joe Biden aveva scritto: «L’America è tornata ed è pronta a...
di Luciano Maria Teodori
Recensioni

Ezio Cesarini. Italiano, antifascista, giornalista

Ezio Cesarini – Italiano Antifascista Giornalista è il titolo dell’ultimo libro di Claudio Santini (Minerva Edizioni), che ripercorre, in poco più di...
di Ilaria Tirelli
Cultura

Il mondo del libro regge all’onda d’urto della pandemia

Il mondo del libro regge nell’anno più buio per molti settori chiave dell’economia. Dopo un anno passato per lo più tra le...
di Roberta Rega
Video

La città del quarto d’ora

  La città del quarto d’ora, come tante promesse elettorali, poteva rimanere in un cassetto, ma la Sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, vuole...
di Emilio Albertario
Metafore per l'Italia

Cittadelle mummificate

Rimanere ancorati a modelli economici formalmente perfetti serve solo a salvaguardare le cittadelle mummificate dei soloni dell'economia ufficiale e a tutelare il diritto dinastico all’interno di corporazioni alla deriva in un mondo che non solo esse non riescono a interpretare, ma neanche a comprendere nelle sue strutture più elementari.
di Gian Maria Fara
Criminalità e contrasto

Traffico di farmaci: la frontiera in una fiala

Dopo armi e droga, i farmaci sono uno dei traffici illegali più redditizi. Non a caso la criminalità organizzata opera da tempo in questo settore con una capacità di penetrazione che tocca tutti i livelli del sistema.
di Sergio Nazzaro