Tg, la morte di Maradona scompagina le scalette

In giornate ingolfate dalla cronaca dell’epidemia, l’inattesa scomparsa di Diego Armando Maradona ha suscitato da parte delle testate un sussulto di energia ed interesse. L’omaggio al campione, genio assoluto del pallone, celebrato come simbolo del riscatto tanto per Napoli che per l’intero Sud del Mondo, amato anche per le sue numerose fragilità, monopolizza le edizioni di metà settimana, e permette al prime time – almeno per un paio di giorni – di svincolarsi dalla logorante narrazione “sul” ed “attorno” al Covid e trovare catarsi assieme al pubblico evocando una diversa “shared cultural experience”. Questi alcuni aspetti che emergono dall’analisi settimanale dell’Osservatorio Tg Eurispes – CoRiS Sapienza.

Messi in secondo piano i numeri del contagio, anche grazie alla frenata dei positivi, il prime time riscopre in piccola parte una “varietà” nei temi che sembrava perduta dopo che nelle settimane passate erano andate in onda, soprattutto nella fascia delle 20, edizioni sostanzialmente fotocopia, se non per minime variazioni. Sfortunatamente queste differenze non sono, per la maggior parte delle testate, il prodotto di un’analisi avanzata nei servizi, ma della selezione degli interventi – della politica, degli industriali, dei sindacati – riproposti nei servizi, questi, espressione di una linea editoriale alla quale non si accompagnano espliciti commenti o prese di posizione.

In opposizione a questa tendenza un po’ al risparmio, conseguenza di una narrazione appesantita dalla cronaca dell’epidemia, troviamo agli antipodi Tg4 e Tg La7. Il “piccolo” Tg4 è la testata più produttiva in termine di analisi e commenti, data la sua “nuova” impostazione, più simile a quella di un talk show che di un tg tradizionale. Ciò si affianca, purtroppo, ad una linea editoriale particolarmente schierata, con ammiccamenti e giudizi valoriali espressi fin dai titoli. Ne seguono così discussioni già orientante in partenza, anche se in talune circostante questa impostazione ha portato anche a singolari “corticircuiti”, con alcuni intervistati che sono arrivati a ribaltare la tesi di partenza.

Chi invece distingue con chiarezza il proprio giudizio dalle tematiche affrontate nei servizi è il Tg La7 di Enrico Mentana, che ne offre la riprova, venerdì, nel commento all’omicidio dello scienziato a capo del programma nucleare iraniano, cui la testata ha dedicato un titolo (assieme al Tg3). A fronte di una vicenda molto grave, Mentana è stato l’unico conduttore a permettersi di avanzare, da posizioni non sospette, un giudizio severo sulla condotta dei servizi segreti israeliani, anticipando quella che, il giorno dopo, sarebbe stata la condanna ufficiale dell’Unione europea.

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione