Tg, la morte di Maradona scompagina le scalette

In giornate ingolfate dalla cronaca dell’epidemia, l’inattesa scomparsa di Diego Armando Maradona ha suscitato da parte delle testate un sussulto di energia ed interesse. L’omaggio al campione, genio assoluto del pallone, celebrato come simbolo del riscatto tanto per Napoli che per l’intero Sud del Mondo, amato anche per le sue numerose fragilità, monopolizza le edizioni di metà settimana, e permette al prime time – almeno per un paio di giorni – di svincolarsi dalla logorante narrazione “sul” ed “attorno” al Covid e trovare catarsi assieme al pubblico evocando una diversa “shared cultural experience”. Questi alcuni aspetti che emergono dall’analisi settimanale dell’Osservatorio Tg Eurispes – CoRiS Sapienza.

Messi in secondo piano i numeri del contagio, anche grazie alla frenata dei positivi, il prime time riscopre in piccola parte una “varietà” nei temi che sembrava perduta dopo che nelle settimane passate erano andate in onda, soprattutto nella fascia delle 20, edizioni sostanzialmente fotocopia, se non per minime variazioni. Sfortunatamente queste differenze non sono, per la maggior parte delle testate, il prodotto di un’analisi avanzata nei servizi, ma della selezione degli interventi – della politica, degli industriali, dei sindacati – riproposti nei servizi, questi, espressione di una linea editoriale alla quale non si accompagnano espliciti commenti o prese di posizione.

In opposizione a questa tendenza un po’ al risparmio, conseguenza di una narrazione appesantita dalla cronaca dell’epidemia, troviamo agli antipodi Tg4 e Tg La7. Il “piccolo” Tg4 è la testata più produttiva in termine di analisi e commenti, data la sua “nuova” impostazione, più simile a quella di un talk show che di un tg tradizionale. Ciò si affianca, purtroppo, ad una linea editoriale particolarmente schierata, con ammiccamenti e giudizi valoriali espressi fin dai titoli. Ne seguono così discussioni già orientante in partenza, anche se in talune circostante questa impostazione ha portato anche a singolari “corticircuiti”, con alcuni intervistati che sono arrivati a ribaltare la tesi di partenza.

Chi invece distingue con chiarezza il proprio giudizio dalle tematiche affrontate nei servizi è il Tg La7 di Enrico Mentana, che ne offre la riprova, venerdì, nel commento all’omicidio dello scienziato a capo del programma nucleare iraniano, cui la testata ha dedicato un titolo (assieme al Tg3). A fronte di una vicenda molto grave, Mentana è stato l’unico conduttore a permettersi di avanzare, da posizioni non sospette, un giudizio severo sulla condotta dei servizi segreti israeliani, anticipando quella che, il giorno dopo, sarebbe stata la condanna ufficiale dell’Unione europea.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare