International

Trump vs Cina: il ritiro dall’Accordo di Parigi sul Clima

27

Per adempiere la sua promessa elettorale, il presidente americano Trump ha deciso l’uscita degli USA dall’accordo internazionale di Parigi Cop21 siglato nel dicembre 2015 il cui obbiettivo principale era quello di un impegno comune nella riduzione delle emissioni globali di gas serra in modo che nel 2100 l’aumento della temperatura media globale non potesse superare i 2 gradi Celsius rispetto alla situazione dello sviluppo pre-industriale. Trump ha ignorato l’invito a non recedere dall’accordo di Parigi venuto da Papa Francesco, che ha sostenuto la necessità del controllo del cambiamento climatico nella sua enciclica Laudato Sì, come anche gli orientamenti approvati dalle Nazioni Unite, dall’Unione Europea e anche da alcune delle imprese più inquinanti del mondo, come Exxon, Chevron e General Electric.

La decisione di Trump è ricollegabile alla tradizione repubblicana americana ed è coerente con le motivazioni espresse nel 2003 dal presidente Bush figlio, il quale sostenne che lo stile di vita americano non era negoziabile.

L’accordo di Parigi non vincola gli stati firmatari, ma semplicemente è una promessa di impegno a ridurre le emissioni; e in questi quadro gli Stati Uniti si erano impegnati a ridurre le proprie emissioni del 27 per cento entro il 2025, rispetto ai livelli del 2005. Anche se non vincolante, l’accordo costituiva almeno un passo nella giusta direzione di controllare le cause dei cambiamenti climatici individuate con un consenso pressoché unanime dalla comunità scientifica internazionale.

Per il presidente Trump questa è una storia soprattutto cinese. In effetti dobbiamo riconoscere che Trump dice la verità quando afferma che la Cina e l’India possono raddoppiare la loro produzione e l’uso del carbone,  con tutte le conseguenze che ciò comporta. Perché questa possibilità non viene bloccata? Qui sta il punto della polemica. Trump, come portavoce di una ideologia estremamente conservatrice,  non riconosce le responsabilità diverse degli stati nel controllo delle emissioni che sono alla base dei cambiamenti climatici di oggi. Questo fenomeno è causato, infatti, dalle emissioni inquinanti dei paesi maggiormente sviluppati che ancor oggi sfruttano al massimo le limitate risorse del pianeta. In questo processo di sfruttamento, gli Stati Uniti sono stati finora di gran lunga il più grande inquinatore del mondo; e Trump vuole mantenere questa situazione e impedire che Cina, India e il resto dei paesi emergenti partecipino anch’essi a questo sfruttamento delle risorse naturali, con il connesso aumento delle emissioni, per l’ obbiettiva necessità di completare il loro  processo di sviluppo. In questo senso, Trump può risultare anche vincente se, a nome di uno dei paesi più ricchi del mondo, espone concretamente e chiaramente la relazione che esiste tra disuguaglianza ed inquinamento. In effetti il 10 per cento della popolazione più ricca del mondo è responsabile della metà delle emissioni globali di anidride carbonica, il principale gas serra; e, ampliando l’area di indagine, il 30 per cento della popolazione più ricca del mondo è responsabile dell’ 80 per cento delle emissioni, mentre il rimanente 70 per cento della popolazione mondiale, la meno ricca e più povera, è responsabile solo di un quinto di tali emissioni.

*Direttore della Fondazione di Studi Avanzati FUNDABAIRES, Buenos Aires

Ultime notizie
Sicurezza

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione
Intervista

Educazione civica. Rusconi: “Manca una cabina di regia”

"L'educazione civica spesso non viene insegnata, qualche insegnante lo fa per propria buona volontà. Viene sottovalutato l’apprendimento delle norme e dell’ordinamento dello Stato, fatto soprattutto di comportamenti di rispetto".
di Valentina Renzopaoli
Approfondimenti

Educazione civica sui banchi di scuola, l’Eurispes accende il dibattito

L’indagine Eurispes sulla reintroduzione dell’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole ha suscitato grandissimo interesse. Secondo l’indagine, il 67,8% degli italiani sarebbero favorevoli, i contrari rappresentano una minoranza del 32,2%.
di redazione
International

Gromyko, from Russia with Love: “We are close, despite sanctions”

Economic sanctions against Russia, recently extended until June 23rd 2019, “ have proved their futility and uselessness”. They have only damaged “business...
di Susy Montante
Recensioni

La Questione Meridionale? Nata con l’Unità d’Italia che “divise” il Paese

La “Questione Meridionale” è un “caso eclatante di procreazione in laboratorio”, nata con l’Unità d’Italia che divise definitivamente il Paese. La stessa mafia è stato “un regalo avvelenato del modo in cui è stata organizzata l’Italia unita”.
di redazione