Un Paese in lotta con se stesso

L’Italia è oggi un Paese diviso, in lotta con se stesso. Si rende sempre più debole, proprio quando sarebbe necessaria la forza dell’unità, che è l’essenza stessa e la ragione di esistere di un sistema.

La pandemia, anziché favorire concordia e convergenza si è rivelata come un seme della discordia. Il nostro Paese è oggi più esposto e meno competitivo rispetto ad altri sistemi nazionali, anche a noi vicini, che stanno reagendo alla crisi in modo esattamente opposto, rafforzando la cura dell’interesse nazionale, praticando politiche protezioniste, addirittura in maniera talmente evidente da suscitare a tratti imbarazzo, come nel caso tedesco in ordine all’accaparramento di ulteriori consistenti quantitativi di dosi di vaccino.

Il Covid-19 ha acuito i punti deboli del Paese: la governance multilivello anziché costituire un’opportunità si è rivelata un freno ed un ostacolo alla efficienza della politica e della amministrazione: pensiamo ai livelli di contrasto tra governo centrale e governi regionali, alle Regioni stesse, l’una contro l’altra, o addirittura alle Regioni in competizione o contrasto con i Comuni.

Si assiste quotidianamente ad una guerra di numeri, un costante scarico di responsabilità. Proliferano battaglie giudiziarie su provvedimenti di urgenza, con l’intervento della giustizia amministrativa su atti che più che giuridici sono apparsi talvolta atti di forza o resistenza ai legittimi poteri. Situazioni simili non si erano mai verificate in passato.

Lo scontro in atto è perfino interistituzionale. L’Esecutivo è in conflitto permanente con il Parlamento. La richiesta dì parlamentarizzazione delle strategie e delle decisioni di contrasto alla pandemia è stata una costante degli ultimi mesi.

La destrutturazione della gerarchia delle fonti del diritto a colpi di Dpcm è un esempio emblematico del fenomeno qui sommariamente descritto.

Vi è un conflitto evidente all’interno della stessa maggioranza di governo, in bilico, permanentemente. Identica situazione si vive nell’opposizione.

Magistratura e Politica sono ai ferri corti: alcuni quotidiani nazionali hanno fatto di questo specifico livello di conflitto il focus del palinsesto delle edizioni degli ultimi mesi.

Vi è poi la dialettica intersettoriale tra politica e tecnica: da una parte, il Governo non può fare a meno, in questo momento, dell’ausilio diretto e permanente dei consiglieri tecnici soprattutto nei settori della sanità e dell’economia; dall’altra, si innesca un nuovo terreno di confronto, non solo scientifico. Gli stessi ausiliari scientifici della politica entrano finanche spesso in conflitto tra di loro.

Senza citare il rapporto del Governo con le parti sociali, che potrebbe arricchire il panorama divisivo tracciato e concludiamo la disamina evidenziando il fatto che, sullo sfondo, è la stessa collettività italiana che si divarica sempre più tra allarmisti e negazionisti, vax e no vax, europeisti e sciovinisti.

Il quadro generale è davvero deprimente, soprattutto se pensiamo alle sfide che ci apprestiamo ad affrontare:

– dobbiamo vaccinare la popolazione italiana per uscire dalla crisi e sconfiggere il virus;

– dobbiamo far ripartire l’economia del Paese praticamente ferma da quasi un anno;

– abbiamo la necessità di una programmazione seria per l’impiego mirato di una quantità di danaro superiore al flusso di aiuti del Piano Marshall.

Eppure, volendo evocare proprio quella fase storica, l’Italia si riprese bene dopo il secondo conflitto mondiale. E ciò avvenne perché il Paese distrutto si rivelò unito e resiliente. Anche allora vi furono polarizzazioni: ma il sentimento nazionale prevalse.

E si costruirono le basi per un miracolo economico che ricondusse, a pieno titolo, tra le prime potenze mondiali.

In un momento di straordinaria e sistemica emergenza come quello connesso alla attuale crisi è necessario, perciò, rispondere alla sfida epocale attraverso l’unico formante essenziale della nostra Repubblica: l’unità nazionale.

Si tratta di un valore indiscutibile, di gran lunga più radicato dell’ideale europeo, che è stato messo a dura prova proprio dal comportamento di chi ha rotto a tempo di record il patto sulla distribuzione dei vaccini agendo da solo, con acquisti privati, in barba a quanto era stato stabilito a livello comunitario.

Il Regno Unito, per bocca del suo Premier, ha affermato enfaticamente di avere ripreso il dominio del proprio destino attraverso la Brexit.

In un simile quadro multilaterale e al di là della narrativa imperante, della rappresentazione di una realtà ormai lontana dalla storia, il nostro Paese non potrà uscire dalla crisi se non ritroverà la forza dell’unità ripartendo dai valori fondanti della nostra res publica e riscoprendo quel comune sentimento di appartenenza essenziale alla cura dell’interesse nazionale.

Solo così potremo pretendere rispetto e considerazione dai nostri vicini e dalla e torneremo a far sentire la nostra voce anche al di là dei nostri confini.

 

*Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes

 

Leggi anche Metafore per l’Italia

 

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica