Un Paese in lotta con se stesso

L’Italia è oggi un Paese diviso, in lotta con se stesso. Si rende sempre più debole, proprio quando sarebbe necessaria la forza dell’unità, che è l’essenza stessa e la ragione di esistere di un sistema.

La pandemia, anziché favorire concordia e convergenza si è rivelata come un seme della discordia. Il nostro Paese è oggi più esposto e meno competitivo rispetto ad altri sistemi nazionali, anche a noi vicini, che stanno reagendo alla crisi in modo esattamente opposto, rafforzando la cura dell’interesse nazionale, praticando politiche protezioniste, addirittura in maniera talmente evidente da suscitare a tratti imbarazzo, come nel caso tedesco in ordine all’accaparramento di ulteriori consistenti quantitativi di dosi di vaccino.

Il Covid-19 ha acuito i punti deboli del Paese: la governance multilivello anziché costituire un’opportunità si è rivelata un freno ed un ostacolo alla efficienza della politica e della amministrazione: pensiamo ai livelli di contrasto tra governo centrale e governi regionali, alle Regioni stesse, l’una contro l’altra, o addirittura alle Regioni in competizione o contrasto con i Comuni.

Si assiste quotidianamente ad una guerra di numeri, un costante scarico di responsabilità. Proliferano battaglie giudiziarie su provvedimenti di urgenza, con l’intervento della giustizia amministrativa su atti che più che giuridici sono apparsi talvolta atti di forza o resistenza ai legittimi poteri. Situazioni simili non si erano mai verificate in passato.

Lo scontro in atto è perfino interistituzionale. L’Esecutivo è in conflitto permanente con il Parlamento. La richiesta dì parlamentarizzazione delle strategie e delle decisioni di contrasto alla pandemia è stata una costante degli ultimi mesi.

La destrutturazione della gerarchia delle fonti del diritto a colpi di Dpcm è un esempio emblematico del fenomeno qui sommariamente descritto.

Vi è un conflitto evidente all’interno della stessa maggioranza di governo, in bilico, permanentemente. Identica situazione si vive nell’opposizione.

Magistratura e Politica sono ai ferri corti: alcuni quotidiani nazionali hanno fatto di questo specifico livello di conflitto il focus del palinsesto delle edizioni degli ultimi mesi.

Vi è poi la dialettica intersettoriale tra politica e tecnica: da una parte, il Governo non può fare a meno, in questo momento, dell’ausilio diretto e permanente dei consiglieri tecnici soprattutto nei settori della sanità e dell’economia; dall’altra, si innesca un nuovo terreno di confronto, non solo scientifico. Gli stessi ausiliari scientifici della politica entrano finanche spesso in conflitto tra di loro.

Senza citare il rapporto del Governo con le parti sociali, che potrebbe arricchire il panorama divisivo tracciato e concludiamo la disamina evidenziando il fatto che, sullo sfondo, è la stessa collettività italiana che si divarica sempre più tra allarmisti e negazionisti, vax e no vax, europeisti e sciovinisti.

Il quadro generale è davvero deprimente, soprattutto se pensiamo alle sfide che ci apprestiamo ad affrontare:

– dobbiamo vaccinare la popolazione italiana per uscire dalla crisi e sconfiggere il virus;

– dobbiamo far ripartire l’economia del Paese praticamente ferma da quasi un anno;

– abbiamo la necessità di una programmazione seria per l’impiego mirato di una quantità di danaro superiore al flusso di aiuti del Piano Marshall.

Eppure, volendo evocare proprio quella fase storica, l’Italia si riprese bene dopo il secondo conflitto mondiale. E ciò avvenne perché il Paese distrutto si rivelò unito e resiliente. Anche allora vi furono polarizzazioni: ma il sentimento nazionale prevalse.

E si costruirono le basi per un miracolo economico che ricondusse, a pieno titolo, tra le prime potenze mondiali.

In un momento di straordinaria e sistemica emergenza come quello connesso alla attuale crisi è necessario, perciò, rispondere alla sfida epocale attraverso l’unico formante essenziale della nostra Repubblica: l’unità nazionale.

Si tratta di un valore indiscutibile, di gran lunga più radicato dell’ideale europeo, che è stato messo a dura prova proprio dal comportamento di chi ha rotto a tempo di record il patto sulla distribuzione dei vaccini agendo da solo, con acquisti privati, in barba a quanto era stato stabilito a livello comunitario.

Il Regno Unito, per bocca del suo Premier, ha affermato enfaticamente di avere ripreso il dominio del proprio destino attraverso la Brexit.

In un simile quadro multilaterale e al di là della narrativa imperante, della rappresentazione di una realtà ormai lontana dalla storia, il nostro Paese non potrà uscire dalla crisi se non ritroverà la forza dell’unità ripartendo dai valori fondanti della nostra res publica e riscoprendo quel comune sentimento di appartenenza essenziale alla cura dell’interesse nazionale.

Solo così potremo pretendere rispetto e considerazione dai nostri vicini e dalla e torneremo a far sentire la nostra voce anche al di là dei nostri confini.

 

*Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes

 

Leggi anche Metafore per l’Italia

 

Ultime notizie
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario
libro
Cultura

Città del libro, anche in editoria la filiera deve essere etica e sostenibile

I recenti scioperi di Stradella, la "città del libro", sono il sintomo di una distribuzione editoriale centralizzata e inserita in logiche che non favoriscono i lavoratori della logistica. C'è bisogno, come in agricoltura, di una filiera etica e sostenibile anche per i libri, oltre a una discussione seria sui diritti dei lavoratori della logistica.
di Roberta Rega
libro
salute mentale
Salute

Salute mentale e pandemia nel mercato della psiche

In Italia si consumano circa 12 milioni di confezioni di antipsicotici l’anno. Dal Rapporto Italia 2021 emerge che Il 20% degli italiani ha sperimentato i sintomi della depressione nel corso della pandemia e il 27% si è rivolto a uno psicologo. Eppure, la salute mentale è ancora un tabù anche per il Sistema sanitario nazionale.
di redazione
salute mentale
calcio
Italia

Europei, il calcio come modello di un Paese che vuole ripartire

Il trionfo degli Azzurri agli Europei contro un'Inghilterra troppo sicura di sé è la vittoria di un calcio come progetto e gioco di squadra, da coltivare con dedizione e impegno. La squadra voluta da Mancini, fatta di innovazione e giovani talenti, è simbolo di un Paese che vuole ripartire.
di Alfonso Lo Sardo
calcio
prison
Cosa vuol dire Mafia?

“A prison is a place of transit” says magistrate Sebastiano Ardita

The magistrate Sebastiano Ardita talks about the theme of prison in Italy, in the main national debate after Santa Maria Capua Vetere's facts. Why is the management of approximately 54,000 inmates in a nation of 65 million inhabitants so problematic? Interview by Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
prison
carcere
Cosa vuol dire Mafia?

Il carcere deve essere un transito verso il reinserimento: intervista a Sebastiano Ardita

Le carceri rappresentano un argomento delicato nel nostro Paese, sebbene si tratti di gestire circa 54.000 detenuti in una nazione di 65 milioni di abitanti. Il Magistrato Sebastiano Ardita affronta il tema del reinserimento, dei diritti costituzionali dei detenuti e le criticità dei luoghi detentivi in un'intervista di Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
carcere
tecnologia adolescenti
Rapporto Italia

La biologia delle relazioni: uso e abuso della tecnologia negli adolescenti

La natura dinamica e continua delle interazioni tramite social network comporta disturbi ampiamente associati agli adolescenti e ai giovani adulti. A fasce di età diverse corrisponderebbero disturbi più o meno specifici. Nei bambini il problema principale è lo sviluppo cognitivo e comportamentale, mentre negli adolescenti e nei giovani adulti ansia e depressione.
di redazione
tecnologia adolescenti
morin
Cultura

Buon compleanno, Edgar! I cento anni di Morin, filosofo della complessità

L'otto luglio compie cento anni Edgar Morin, l'ultimo ad entrare nella hall of fame dei grandi pensatori centenari. Morin è filosofo della complessità, dell'universo-ologramma secondo cui la società è presente in ogni uomo, e della "terrestrità".
di Giuseppe Pulina
morin