Un Paese in lotta con se stesso

L’Italia è oggi un Paese diviso, in lotta con se stesso. Si rende sempre più debole, proprio quando sarebbe necessaria la forza dell’unità, che è l’essenza stessa e la ragione di esistere di un sistema.

La pandemia, anziché favorire concordia e convergenza si è rivelata come un seme della discordia. Il nostro Paese è oggi più esposto e meno competitivo rispetto ad altri sistemi nazionali, anche a noi vicini, che stanno reagendo alla crisi in modo esattamente opposto, rafforzando la cura dell’interesse nazionale, praticando politiche protezioniste, addirittura in maniera talmente evidente da suscitare a tratti imbarazzo, come nel caso tedesco in ordine all’accaparramento di ulteriori consistenti quantitativi di dosi di vaccino.

Il Covid-19 ha acuito i punti deboli del Paese: la governance multilivello anziché costituire un’opportunità si è rivelata un freno ed un ostacolo alla efficienza della politica e della amministrazione: pensiamo ai livelli di contrasto tra governo centrale e governi regionali, alle Regioni stesse, l’una contro l’altra, o addirittura alle Regioni in competizione o contrasto con i Comuni.

Si assiste quotidianamente ad una guerra di numeri, un costante scarico di responsabilità. Proliferano battaglie giudiziarie su provvedimenti di urgenza, con l’intervento della giustizia amministrativa su atti che più che giuridici sono apparsi talvolta atti di forza o resistenza ai legittimi poteri. Situazioni simili non si erano mai verificate in passato.

Lo scontro in atto è perfino interistituzionale. L’Esecutivo è in conflitto permanente con il Parlamento. La richiesta dì parlamentarizzazione delle strategie e delle decisioni di contrasto alla pandemia è stata una costante degli ultimi mesi.

La destrutturazione della gerarchia delle fonti del diritto a colpi di Dpcm è un esempio emblematico del fenomeno qui sommariamente descritto.

Vi è un conflitto evidente all’interno della stessa maggioranza di governo, in bilico, permanentemente. Identica situazione si vive nell’opposizione.

Magistratura e Politica sono ai ferri corti: alcuni quotidiani nazionali hanno fatto di questo specifico livello di conflitto il focus del palinsesto delle edizioni degli ultimi mesi.

Vi è poi la dialettica intersettoriale tra politica e tecnica: da una parte, il Governo non può fare a meno, in questo momento, dell’ausilio diretto e permanente dei consiglieri tecnici soprattutto nei settori della sanità e dell’economia; dall’altra, si innesca un nuovo terreno di confronto, non solo scientifico. Gli stessi ausiliari scientifici della politica entrano finanche spesso in conflitto tra di loro.

Senza citare il rapporto del Governo con le parti sociali, che potrebbe arricchire il panorama divisivo tracciato e concludiamo la disamina evidenziando il fatto che, sullo sfondo, è la stessa collettività italiana che si divarica sempre più tra allarmisti e negazionisti, vax e no vax, europeisti e sciovinisti.

Il quadro generale è davvero deprimente, soprattutto se pensiamo alle sfide che ci apprestiamo ad affrontare:

– dobbiamo vaccinare la popolazione italiana per uscire dalla crisi e sconfiggere il virus;

– dobbiamo far ripartire l’economia del Paese praticamente ferma da quasi un anno;

– abbiamo la necessità di una programmazione seria per l’impiego mirato di una quantità di danaro superiore al flusso di aiuti del Piano Marshall.

Eppure, volendo evocare proprio quella fase storica, l’Italia si riprese bene dopo il secondo conflitto mondiale. E ciò avvenne perché il Paese distrutto si rivelò unito e resiliente. Anche allora vi furono polarizzazioni: ma il sentimento nazionale prevalse.

E si costruirono le basi per un miracolo economico che ricondusse, a pieno titolo, tra le prime potenze mondiali.

In un momento di straordinaria e sistemica emergenza come quello connesso alla attuale crisi è necessario, perciò, rispondere alla sfida epocale attraverso l’unico formante essenziale della nostra Repubblica: l’unità nazionale.

Si tratta di un valore indiscutibile, di gran lunga più radicato dell’ideale europeo, che è stato messo a dura prova proprio dal comportamento di chi ha rotto a tempo di record il patto sulla distribuzione dei vaccini agendo da solo, con acquisti privati, in barba a quanto era stato stabilito a livello comunitario.

Il Regno Unito, per bocca del suo Premier, ha affermato enfaticamente di avere ripreso il dominio del proprio destino attraverso la Brexit.

In un simile quadro multilaterale e al di là della narrativa imperante, della rappresentazione di una realtà ormai lontana dalla storia, il nostro Paese non potrà uscire dalla crisi se non ritroverà la forza dell’unità ripartendo dai valori fondanti della nostra res publica e riscoprendo quel comune sentimento di appartenenza essenziale alla cura dell’interesse nazionale.

Solo così potremo pretendere rispetto e considerazione dai nostri vicini e dalla e torneremo a far sentire la nostra voce anche al di là dei nostri confini.

 

*Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes

 

Leggi anche Metafore per l’Italia

 

Ultime notizie
alcol consumo
Salute

Alcol e marketing, necessarie limitazioni per social network e giovanissimi

Per l’OMS, l’alcol è un “bene che desta preoccupazione per la salute pubblica”. Per questo servono limitazioni al marketing indiscriminato che avviene sulle piattaforme digitali, soprattutto per difendere le categorie deboli come i soggetti dipendenti e i giovani.
di Roberta Rega
alcol consumo
cyberpunk
Tecnologia

Cyberpunk e rivoluzione digitale: una nuova etica che superi la dicotomia normativa

Il cyberpunk ha creato un immaginario che supera la dicotomia tra bene e male, anche su questioni ancora aperte a livello normativo. Ma è poi davvero possibile regolamentare interamente un sistema efficace perché libero, come ad esempio le cryprovalute e i Bitcoin?
di avv. Alessio Briguglio*
cyberpunk
pnrr
Italia Domani

Il PNRR tra nuovi ministeri e nuove programmazioni

Con il nuovo Governo, il PNRR ha visto alcune sue componenti e strutture cambiare per competenze e funzioni. Tra i primi obiettivi individuati dal Ministro Fitto figura la rimodulazione del Piano italiano per motivi legati a costi e tempistiche.
di Claudia Bugno*
pnrr
accoglienza
Intervista

In Italia manca un sistema di accoglienza: intervista a Simone Andreotti, Presidente coop. In Migrazione

In Italia manca un vero sistema di accoglienza in grado di esprimere progettualità, e in cui i migranti non siano visti come una questione di ordine pubblico ma come opportunità per il Sistema-Paese. Intervista a Simone Andreotti Presidente di In Migrazione.
di Marco Omizzolo*
accoglienza
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione