Una donna alla guida della Wto. È la prima volta

«Se vuoi che qualcosa venga detto, chiedi a un uomo; se vuoi che qualcosa venga fatto, chiedi a una donna». Lo ripeteva Margareth Thatcher, primo ministro del Regno Unito dal 1979 al 1990 e prima donna ad aver ricoperto tale incarico. E chi meglio di lei può essere indicata come modello di donna di potere in un mondo di uomini che decidono il destino del mondo? Ma le cose sono cambiate da un pezzo. La rotta è segnata. Sino a qualche anno fa, era solo una profezia alla quale pochi credevano ma quella delle donne al potere e sempre di più in posti di comando sembra rivelarsi una realtà.

L’ultimo caso è emblematico e non lascia dubbi a scetticismi o a interpretazioni: Ngozi Okonjo-Iweala guiderà la Wto (World Trade Organization), l’organizzazione mondiale del commercio come segretaria generale. L’organismo, che ha sede a Ginevra e che è stato fondato nel 1995 per regolamentare gli accordi commerciali fra 164 Stati membri, è un vero e proprio centro di potere globale, che fissa le regole, controlla e gestisce numerosi accordi commerciali e rappresenta oltre il 94% del commercio mondiale di beni, servizi e proprietà intellettuali. Ngozi Okonjo prende il posto del brasiliano Roberto Azevedo, dimessosi nell’agosto del 2020, un anno prima della fine naturale del mandato. La maggior parte del lavoro attuale dell’Organizzazione deriva dai negoziati del 1986-1994 denominati “Uruguay Round” e dai precedenti negoziati nell’ambito dell’Accordo generale sulle tariffe e il commercio (GATT).

La Wto Si occupa della progressiva abolizione o della riduzione delle barriere tariffarie e interloquisce direttamente con il Fondo monetario internazionale o con la Banca mondiale. Tra i suoi compiti, la negoziazione sul commercio internazionale e la risoluzione delle controversie. Da oggi in poi la dirigerà una donna, africana, già Ministro delle Finanze e degli Esteri in Nigeria, ministro coordinatore dell’economia della Nigeria, che ha lavorato nel suo paese modernizzando i sistemi di gestione finanziaria e introducendo la trasparenza e la pubblicazione dei conti pubblici, avvalendosi della tecnologia per contrastare le perdite e combattendo in modo efficace la corruzione. Da diversi mesi si indicava il suo nome ma il vero ostacolo alla sua nomina era Donald Trump che aveva posto il veto, non leggerissimo, di un Paese come gli States. Decisivo è stato il passo indietro della sua diretta rivale, la coreana Yoo Myung Hee ma soprattutto l’appoggio del neo presidente Joe Biden.

Una nomina storica: è la prima volta che una donna dirige questo organismo, e si tratta di una nomina fortemente meritocratica. La Casa Bianca ha infatti sottolineato il «suo patrimonio di conoscenze in economia e diplomazia internazionale». Chapeau. Non è un elemento trascurabile la sua provenienza: il fatto che sia africana vuol dire che da ora in poi il continente nero avrà molte più chances di quante ne abbia mai avute sul fronte del commercio mondiale, con una intensificazione degli scambi commerciali e nuove opportunità di crescita.

Crescono quindi a vista d’occhio i posti di potere nel mondo occupati da donne, preparate, forti, in grado di affrontare situazioni di grande conflittualità e a gestire risorse miliardarie, mezzi, e a individuare obiettivi e strumenti per conseguirli. Tra le più importanti ancora in sella, Angela Merkel, prima donna a diventare Cancelliera della Germania, donna dal “polso di ferro” e ancora oggi ago della bilancia nei rapporti tra i paesi membri dell’Unione europea. Di grande importanza anche la carica e le funzioni di Ursula von Der Leyen, tedesca anch’essa, oggi presidente della Commissione Ue. E che dire di Christine Lagarde, la francese a capo della Banca Centrale Europea? Completano il quadro Greta Thunberg, l’attivista svedese sostenitrice di campagne globali in difesa dell’ambiente, Kamala Harris neo Vicepresidente Usa, Nancy Pelosi presidente della Camera dei Rappresentanti Usa, Susan Wojcicki Ceo di Youtube, Nicola Sturgeon primo Ministro della Scozia.

Merita una citazione la regina Elisabetta che ha attraversato il secolo con carattere e fermezza ma il percorso di uguaglianza fra donne e uomini nello scacchiere del potere mondiale potrà dirsi davvero realizzato solo quando una donna siederà alla Casa Bianca. Hillary Clinton ci è andata vicino ma è chiaro che non dovremo attendere chissà quanto e che molto presto a Washington ci sarà una Madame President.

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu