Roma, Italia. Fai del bene e sarai multato

Altro che impulso alla imprenditoria giovanile o ancora di più roboante sostegno alla editoria. Quello che è successo alla piccola casa editrice di libri per bambini Momo di Roma è emblematico dello scarso interesse per questo settore a tutto vantaggio dei grandi editori. Otto fogli formato A4 affissi sui muri da mano ignota ma che annunciavano una iniziativa ludica e culturale per i bambini di un quartiere romano, hanno provocato a Momo Editrice, otto multe da parte del Comune. Notificate da solerti vigili urbani del Campidoglio, per migliaia di euro, rischiano di far chiudere una bella realtà utile per la coesione sociale. L’Eurispes esprime la sua solidarietà a questa piccola casa editrice che dovrebbe essere l’emblema dell’Italia “che fa”, senza mai dimenticare chi rimane indietro, e invece si trova ancora al centro di un caso senza soluzione. La storia di Momo racconta anche della distanza e della mancanza di ascolto tra le Istituzioni e i cittadini. Dal Campidoglio neanche una voce. Eppure, basterebbe un atto del Sindaco per liberare la Momo dal peso di multe che ne determinerebbero la chiusura; secondo noi ingiusta, al punto che l’Istituto, su indicazione del Presidente Gian Maria Fara, ha deciso di offrire un sostegno economico.
Abbiamo intervistato Mattia Tombolini, uno dei soci della casa editrice, multata a sua insaputa.

 

Mattia Tombolini, quanto è difficile per una piccola casa editrice vivere in questo “oceano pieno di squali”?

È abbastanza difficile. Questi “squali” sono tanti e diversi, rappresentati intanto dal contesto che abbiamo intorno, il primo è quello dell’emergenza culturale enorme che c’è in questo Paese. Più che altro, quando si decide di mettere su una piccola impresa, nell’ambito italiano si entra in contatto con gli squali del mercato, quindi le distribuzioni e tutto quello con cui lavoriamo quotidianamente.

Qual è l’attività di Momo, la vostra casa editrice, in particolare, che cosa fate?

Nello specifico facciamo libri per bambini e per ragazzi, e nasciamo proprio con questo intento. Proveniamo da esperienze editoriali precedenti, principalmente nell’ambito della saggistica, una cosa ben diversa. Ci siamo resi conto, ad un certo punto, che a noi interessava di più trovare un modo di interagire con le nuove generazioni, aprire un dialogo: Momo cerca di fare principalmente questo. Da un anno e mezzo abbiamo una collana che si chiama “Libri monelli” che è proprio la collana centrale, dedicata a bambini tra i 6 e i 9 anni, ma che in realtà sviluppa anche libri per più età, quindi anche per l’adolescenza oppure per l’infanzia, o per i più piccoli. È un progetto che nasce un po’ da un certo ragionamento: da una parte, questa enorme emergenza culturale, dall’altra un abbandono scolastico molto forte, hanno fatto sorgere la necessità, secondo noi, di ripartire e rimettere al centro l’elemento culturale, e del libro come strumento.

Sei molto giovane, prima di che cosa ti occupavi?

Per cinque anni ho lavorato in una casa editrice di saggistica svolgendo vari ruoli. Prima ancora ho fatto l’Università, ma durante la mia vita ho lavorato sempre, facendo il cameriere, il fattorino, ho lavorato in albergo: ho fatto tutti i lavori precari che conosciamo.

C’è stata un’occasione particolare che ti ha fatto virare verso questo lido dell’editoria per ragazzi?

Con Gianmarco Mecozzi, il redattore di Momo, lavoravamo in una cooperativa che organizzava fiere per editori indipendenti e dopo un paio di fiere in qualche modo non ci bastava più quel tipo di soggetto con il quale ci relazionavamo. Abbiamo organizzato un evento pensato proprio per i ragazzi e ci siamo accorti che c’è stato un buon ritorno dell’evento in sé. Ci siamo accorti che il settore dell’editoria per ragazzi era l’unica in crescita in Italia, però allo stesso tempo questa crescita non significava un’occasione per avere più contenuti, più qualità e così via. Al contrario, vedevamo un riprodursi delle stesse cose anche nell’editoria per ragazzi, e così abbiamo pensato che c’era la necessità di fare un lavoro strutturato, di portare i nostri contenuti dentro questo àmbito.

Questo modo di far fruire il libro vi è costato qualcosa. È successo che un piccolo evento vi ha portato su tutti i giornali e vi vede ancora protagonisti di un caso senza soluzione.

Sì, organizzando un evento, insieme ad altre realtà. Era una festa pensata per settembre, quindi dopo il lockdown, dopo tutte le situazioni che hanno interessato in maniera negativa l’infanzia, i ragazzi e così via, un evento pubblico, gratuito, pieno di laboratori, incontri, escursioni nel Parco di Aguzzano. Per fare questo, nella comunicazione che era affidata alle tante realtà, ai singoli (ognuno faceva da testimonial), qualcuno ha pensato di stampare dei manifesti ed attaccarli su un muro del quartiere di San Lorenzo pieno di manifesti e di scritte; i manifesti non sono stati attaccati al Colosseo! Qualcuno evidentemente li ha segnalati, da quello che stiamo ricostruendo, una di queste associazioni di cittadini che, dopo un lockdown pesante, hanno pensato, invece di essere solidali, di segnalare una festa che era proprio l’intento opposto, con una logica che è quella di dire “ma a noi non interessa cosa c’è sul muro, che cosa si pubblicizza, il punto è che non deve esserci”. I vigili ci hanno notificato 8 multe, una per ogni manifesto che era sul muro, di oltre 400 euro. Possiamo discutere di quanto sia abusivo mettere dei manifesti, di quanto sia illegale, il punto è che chi li ha messi, secondo me non ha fatto nulla di male; dopodiché non siamo neanche stati noi, noi la paghiamo perché hanno fatto riferimento a noi, perché c’era il nostro nome. Come Momo durante il lockdown abbiamo fatto le consegne ai bambini con uno sconto altissimo, regalavamo disegni, i colori (perché non si trovavano più); abbiamo fatto dei pacchi solidali nei quali regalavamo libri. Ci siamo messi in gioco perché eravamo appena nati e la chiusura era un rischio altissimo.

 

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario