Xylella, l’UE vuole la linea dura. L’ipotesi di un ricorso.

È quello che emerge da una nota del Comitato Fitosanitario Europeo, riunitosi a Bruxelles il 27 e 28 aprile: «rigide misure di eradicazione che includono la rimozione e la distruzione delle piante infette, e di tutte le piante ospiti nel raggio di 100 metri, a prescindere dal loro stato di salute, con la possibilità per l’Italia di applicare misure di contenimento nell’intera provincia di Lecce, dove l’eradicazione non è più possibile». In questo caso, «viene mantenuto il requisito di rimuovere sistematicamente tutte le piante infette e di testare le piante circostanti nell’arco di 100 metri in una zona di 20 km adiacente alle province di Brindisi e Taranto». Le importazioni e il movimento all’interno dell’UE di piante specifiche, notoriamente suscettibili di Xylella fastidiosa di tutto il mondo, saranno soggette a condizioni rigorose. Un divieto specifico è stato messo in atto per l’importazione di piante di caffè provenienti da Honduras e Costa Rica, considerato l’elevato rischio che siano infettate dal batterio

La decisione del Comitato UE per la salute delle piante è obbligatorio e prevede l’inizio delle operazioni di eradicazione a partire da maggio.

Nei giorni scorsi, sia il Ministro Martina sia il Presidente Vendola avevano scritto al commissario europeo all’Agricoltura, Phil Hogan. e al commissario europeo per la Salute, Vytenis Andriukaitis, proprio per tentare una mediazione che non penalizzasse gli agricoltori pugliesi con interventi troppo drastici e forse non motivati, richiamando le Linee Guida per la lotta alla Xylella fastidiosa, elaborate dall’Osservatorio fitopatologico della Regione Puglia in collaborazione con le Università di Bari e Foggia, il Cnr e Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari, recepite dal Piano d’Interventi.

In Puglia, la seduta del 29 aprile del Consiglio regionale dedicata alla questione Xylella, è stata rinviata per l’impossibilità a partecipare del Commissario nazionale Silletti. Rinvio che potrebbe portare a un ricorso europeo da parte della Regione, viste le critiche espresse al provvedimento dal Presidente dell’Assemblea Regionale Introna, dal Presidente Vendola, oltre alle ventimila firme raccolte dalle associazioni che vogliono tutelare uno dei più importanti patrimoni culturali ed economici della Regione.

Dello stesso parere Moncalvo, presidente Coldiretti nazionale: «Non è possibile accettare passivamente la strage degli ulivi sani proposta dalla Commissione Europea dalla quale si attendono peraltro ancora misure concrete di sostegno agli agricoltori colpiti da una calamità di cui i veri responsabili sono i mancati controlli alle frontiere dell’Unione». «Questa soluzione avrebbe costi improponibili e causerebbe danni economici e ambientali inaccettabili». «Sul fronte istituzionale occorre accelerare l’iter per il riconoscimento dello stato di calamità avviato dal Parlamento per poter alleviare il problema delle scadenze contributive e fiscali per le aziende agricole colpite dalla calamità».

Resta sul tavolo la questione dei ritardi nell’impegno ad affrontare in Europa un problema noto dal 2013. Per il leader nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli«di quanto accaduto e sta accadendo in Puglia dovranno essere individuate le responsabilità e comprendere la ragione per la quale le istituzioni regionali e nazionali che erano a conoscenza dell’emergenza Xylella da oltre 3 anni hanno atteso così tanto tempo per adottare misure che si sono poi tradotte nel piano Siletti di massiccia eradicazione poi bocciato dal Tar del Lazio». 

Il Tar del Lazio ha infatti deciso di bloccare il piano anti-Xylella, ma solo fino al prossimo 6 maggio.

Come segnalato a gennaio da Eurispes e Osservatorio sui Crimini Agroalimentari nel Rapporto Agromafie, l’infestazione da Xylella in Puglia è un fenomeno senza precedenti, che lascia ancora aperti molti dubbi e perplessità sulla sua origine e sulle modalità di diffusione.

Un’epidemia che mette a rischio una produzione, quella pugliese, di oltre 11 milioni di quintali di olive  con un indotto di circa 522 milioni di euro all’anno. Insomma un danno per l’economia locale e di riflesso per quella nazionale.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili