Sicurezza

Città “Smart”, ma anche sicure: ecco chi ci pensa

80

Securing Smart Cities è una nuova iniziativa non profit internazionale che mira a risolvere problematiche esistenti e future di cyber-sicurezza nelle città digitali grazie alla collaborazione e alla condivisione di informazioni tra organizzazioni. L’iniziativa è partita ufficialmente in questi giorni e ne fanno parte i maggiori e più autorevoli ricercatori di IT Security, quali IOActive, Kaspersky Lab, BastilleCloud Security Alliance e Xipiter. Securing Smart Cities fungerà da collegamento tra aziende, Governi, organi di stampa, soggetti no profit e individui coinvolti nella creazione, sviluppo e promozione di tecnologie smart sicure per le città moderne.  

Il concetto di smart city è di grande attualità e molte organizzazioni a livello mondiale stanno lavorando a soluzioni intelligenti per rendere le aree urbane eco-friendly, a risparmio energetico, sicure e comode. Molti meno sono invece gli esperti che si occupano della cyber-sicurezza delle città smart. Tuttavia, più le smart city sono tecnologiche, più grande è il rischio potenziale. Se la questione sicurezza non viene affrontata da subito, i costi e la complessità di creare una città digitale renderanno ancora più complesso e difficile affrontare i problemi a valle, sino a renderla vulnerabile.

L’obiettivo finale del progetto Securing Smart Cities è quello di fare prevenzione attraverso una serie di attività quali:

  • Educare i progettisti e i fornitori delle smart city all’importanza ed ai benefici in termini di costi dell’adozione di sistemi di protezione ottimale
  • Condividere idee e metodologie tra i partner
  • Comunicare e promuovere l’importanza ed i benefici dell’affrontare la questione della sicurezza all’inizio del ciclo vitale di un progetto o piano
  • Costruire partnership tra città, provider e security community
  • Creare standard, linee guida e risorse che possano aiutare a migliorare la cyber-sicurezza in tutte le aree delle città digitali.

Secondo le aziende che partecipano a Securing Smart Cities, l’iniziativa può aiutare a condividere in modo funzionale e responsabile le informazioni sulla cyber sicurezza delle città moderne. Metterà in contatto i fornitori di prodotti per l’automazione delle infrastrutture con gli esperti di security che testeranno la sicurezza di questi prodotti. Inoltre, le autorità cittadine potranno appoggiarsi alla security community per risolvere insieme le eventuali problematiche di sicurezza che emergeranno.

“La sicurezza informatica di una moderna smart città non è qualcosa che si può risolvere da soli. Il concetto stesso di cyber security riguarda talmente tante tecnologie di comunicazione differenti l’una dall’altra che la collaborazione tra esperti a livello internazionale risulta essere l’unico modo per prevedere ed eliminare tutte le problematiche di sicurezza possibili. È questo il motivo per cui è stata creata Securing Smart Cities”, ha affermato Cesar Cerrudo, CTO di IOActive e membro del Board di Securing Smart Cities.

“Le città digitali rappresentano un’eccezionale opportunità di crescita e di miglioramento della sostenibilità sociale. Tuttavia i progetti devono essere non solo smart ma anche sicuri. Attivare tecnologie integrate e portare l’IoT nelle infrastrutture urbane implica rischi che vanno monitorati al fine di garantire la sicurezza dei cittadini. Vogliamo lavorare con urbanisti e costruttori per sensibilizzare l’opinione pubblica in merito alle cyber minacce e condividere informazioni su come mitigare queste minacce prima che possano impattare sul pubblico”, ha affermato Chris Rouland, fondatore e Ceo di Bastille e membro del Board di Securing Smart Cities.

Securing Smart Cities vuole risolvere i problemi informatici che emergono ad ogni fase dello sviluppo di una città digitale. Esortiamo le autorità cittadine, i fornitori di attrezzatura e software ed gli esperti di sicurezza a partecipare al dibattito” – ha detto Patrick Nielsen, Principal Security Researcher di Kaspersky Lab e membro del Board di Securing Smart Cities.

 

Ultime notizie
Rapporto Italia

RItalia 2020. Inizia il viaggio verso il 32° Rapporto Italia

Rapporto Italia è, da oltre trent’anni, una delle più efficaci narrative del Paese.È un ragionamento complesso, che ogni anno assume la forma...
di Alberto Mattiacci
Economia

Minibot, l’Italia gioca a poker. Ecco la verità nascosta

Dei minibot smetteremo presto di sentir parlare, accantonati in quel simpatico ripostiglio di “perle” assolute della politica contemporanea. Ma perché mai gli estensori di questa proposta si sono lanciati in una mossa (apparentemente) suicida e autolesionista? La riflessione di Alberto Mattiacci.
di Alberto Mattiacci
Cultura

La cultura dell’innovazione, unico antidoto contro la crisi del sistema

L’innovazione è un termine complesso, che presenta mille sfaccettature. Roberto Panzarani, docente di Innovation Management, nel suo ultimo saggio sottolinea che l'innovazione non è mai stata così al centro dell’attenzione: «Dalla tecnologia al marketing, alla definizione dei piani di business, nulla si potrebbe ottenere in assenza di questo motore».
di Massimiliano Cannata
Economia

Lotta al contante, 60 mld di cash nelle cassette di sicurezza in Italia. La proposta per far emergere il sommerso

Se in Italia aumentassero i pagamenti digitali e diminuissero le transazioni regolate in contanti si ridurrebbe l’incidenza dell’economia sommersa e dell’Iva evasa rispetto al Pil, fino a toccare valori, rispettivamente, compresi tra l’11,8% e l’8,8% e l’1,6% e lo 0,4%. Le proposte dell'Osservatorio sulle Politiche Fiscali dell'Eurispes per far emergere il sommerso.
di Giovambattista Palumbo
Immigrazione

La fabbrica della paura. Amnesty International: “Paese in preda a paure e rancori”

La politica italiana sull'immigrazione, la “salute” dei diritti umani nel nostro Paese, il fenomeno del caporalato e il “nuovo razzismo”; ma anche la questione della legittima difesa e lo stato dell'arte sul “caso Regeni”. Intervista con Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.
di Marco Omizzolo
Gioco

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette