Sicurezza

Città “Smart”, ma anche sicure: ecco chi ci pensa

60

Securing Smart Cities è una nuova iniziativa non profit internazionale che mira a risolvere problematiche esistenti e future di cyber-sicurezza nelle città digitali grazie alla collaborazione e alla condivisione di informazioni tra organizzazioni. L’iniziativa è partita ufficialmente in questi giorni e ne fanno parte i maggiori e più autorevoli ricercatori di IT Security, quali IOActive, Kaspersky Lab, BastilleCloud Security Alliance e Xipiter. Securing Smart Cities fungerà da collegamento tra aziende, Governi, organi di stampa, soggetti no profit e individui coinvolti nella creazione, sviluppo e promozione di tecnologie smart sicure per le città moderne.  

Il concetto di smart city è di grande attualità e molte organizzazioni a livello mondiale stanno lavorando a soluzioni intelligenti per rendere le aree urbane eco-friendly, a risparmio energetico, sicure e comode. Molti meno sono invece gli esperti che si occupano della cyber-sicurezza delle città smart. Tuttavia, più le smart city sono tecnologiche, più grande è il rischio potenziale. Se la questione sicurezza non viene affrontata da subito, i costi e la complessità di creare una città digitale renderanno ancora più complesso e difficile affrontare i problemi a valle, sino a renderla vulnerabile.

L’obiettivo finale del progetto Securing Smart Cities è quello di fare prevenzione attraverso una serie di attività quali:

  • Educare i progettisti e i fornitori delle smart city all’importanza ed ai benefici in termini di costi dell’adozione di sistemi di protezione ottimale
  • Condividere idee e metodologie tra i partner
  • Comunicare e promuovere l’importanza ed i benefici dell’affrontare la questione della sicurezza all’inizio del ciclo vitale di un progetto o piano
  • Costruire partnership tra città, provider e security community
  • Creare standard, linee guida e risorse che possano aiutare a migliorare la cyber-sicurezza in tutte le aree delle città digitali.

Secondo le aziende che partecipano a Securing Smart Cities, l’iniziativa può aiutare a condividere in modo funzionale e responsabile le informazioni sulla cyber sicurezza delle città moderne. Metterà in contatto i fornitori di prodotti per l’automazione delle infrastrutture con gli esperti di security che testeranno la sicurezza di questi prodotti. Inoltre, le autorità cittadine potranno appoggiarsi alla security community per risolvere insieme le eventuali problematiche di sicurezza che emergeranno.

“La sicurezza informatica di una moderna smart città non è qualcosa che si può risolvere da soli. Il concetto stesso di cyber security riguarda talmente tante tecnologie di comunicazione differenti l’una dall’altra che la collaborazione tra esperti a livello internazionale risulta essere l’unico modo per prevedere ed eliminare tutte le problematiche di sicurezza possibili. È questo il motivo per cui è stata creata Securing Smart Cities”, ha affermato Cesar Cerrudo, CTO di IOActive e membro del Board di Securing Smart Cities.

“Le città digitali rappresentano un’eccezionale opportunità di crescita e di miglioramento della sostenibilità sociale. Tuttavia i progetti devono essere non solo smart ma anche sicuri. Attivare tecnologie integrate e portare l’IoT nelle infrastrutture urbane implica rischi che vanno monitorati al fine di garantire la sicurezza dei cittadini. Vogliamo lavorare con urbanisti e costruttori per sensibilizzare l’opinione pubblica in merito alle cyber minacce e condividere informazioni su come mitigare queste minacce prima che possano impattare sul pubblico”, ha affermato Chris Rouland, fondatore e Ceo di Bastille e membro del Board di Securing Smart Cities.

Securing Smart Cities vuole risolvere i problemi informatici che emergono ad ogni fase dello sviluppo di una città digitale. Esortiamo le autorità cittadine, i fornitori di attrezzatura e software ed gli esperti di sicurezza a partecipare al dibattito” – ha detto Patrick Nielsen, Principal Security Researcher di Kaspersky Lab e membro del Board di Securing Smart Cities.

 

Ultime notizie
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli