Clima, Greta chiede all’Onu di seguire la scienza. Le “predizioni” dell’Eurispes

La piccola Greta all’Onu: ascoltate, seguite le indicazioni della scienza. L’occasione è stata il “Forum politico di alto livello” svolto nella sede dell’Assemblea generale durante il quale è stato presentato e discusso il Rapporto 2019 sullo Sviluppo Sostenibile Globale (Global Sustainable Development Report – GSDR), il documento che ha fatto il punto sui progressi e le carenze delle politiche realizzate per il raggiungimento degli obiettivi generali e specifici dell’Agenda 2030 sulla grande correzione dell’attuale modello di sviluppo globale. Il Rapporto, presentato ogni quattro anni – l’ultimo è del 2016 – è stato elaborato da un gruppo di 15 scienziati di diverse discipline ai quali gli Stati membri dell’Onu, seguendo il nuovo metodo di stretta collaborazione tra mondo politico e mondo della scienza, hanno affidato il compito di valutare i processi in atto per la sostenibilità dello sviluppo e di suggerire raccomandazioni. Come era prevedibile, il Rapporto ha evidenziato i notevoli avanzamenti economici diffusi nel mondo in questi ultimi quattro anni; ma nello stesso tempo anche quanto gli Stati siano ben lontani da quella correzione di rotta necessaria per influire sui cambiamenti climatici, tutelare efficacemente l’ambiente, assicurare uno sviluppo giusto ed equilibrato. La denuncia di queste carenze – ben dimostrata da dati ed analisi precise e verificate con il coinvolgimento di numerosi centri scientifici a livello mondiale – ha messo in luce che, se per quanto riguarda l’ambiente siamo vicini a punti di rottura irreversibili, anche per quanto riguarda lo sviluppo economico l’umanità non è in condizioni molto diverse, a causa dell’enorme incremento delle disuguaglianze economiche e sociali tra le aree geografiche, nelle città, tra i diversi gruppi sociali. Questo processo diffuso di crescita delle disuguaglianze, motivo di crescenti instabilità sociali, preoccupa in sostanza quanto i cambiamenti climatici e richiede urgenti interventi correttivi.

Nel raccomandare azioni correttive su questo fronte, il Gruppo degli Scienziati dell’Onu propone numerose misure tra cui, nel metodo, una stretta collaborazione tra governi, operatori economici, esponenti della società civile e cittadini, e l’avvio, da parte degli Stati, di politiche organizzate su precise “interazioni” tra gli interventi nei vari settori, troppo spesso separati l’uno dall’altro. Un approccio integrato allo sviluppo richiede, da un lato, la organizzazione di un nuovo modello di governance, ben diverso da quelli tradizionalmente seguiti finora dagli Stati (interventi sui fattori istituzionali); dall’altro, l’adozione di un approccio integrato allo sviluppo che persegua contemporaneamente gli obiettivi di crescita economica e di promozione sociale. Gli Stati dovrebbero, infine, elaborare politiche finalizzate a promuovere un diverso equilibrio tra consumi privati e consumi pubblici, orientando ed incoraggiando con adeguati sistemi di tassazione e incentivazione, gli imprenditori ad investire in prevalenza sui cosiddetti beni comuni (common goods), trovando in questo àmbito i propri margini di profitto.

Su questo punto il nostro resoconto si ferma perché viene spontaneo il richiamo alle tesi che, a tale riguardo, l’Eurispes ha sostenuto da tempo in Italia ed in àmbito europeo. Era il 16 marzo 2006 quando l’Eurispes, con il sostegno della fondazione tedesca F. Ebert, riunì nella sala delle Colonne del Parlamento Italiano un numeroso gruppo di studiosi ed esperti europei, esponenti politici e delle associazioni, per richiamare l’attenzione sulla necessità di promuovere nuove politiche orientate, appunto, dal principio della sostenibilità. In quella occasione, alla quale seguirono la formazione di un coordinamento permanente ed analoghe conferenze nel 2007, 2008, 2014 ed audizioni al Parlamento europeo ed al Comitato Economico e Sociale di Bruxelles, furono ben definiti i termini della sostenibilità, dell’equilibrio da costruire tra crescita economica e promozione sociale nelle politiche pubbliche, del valore dei beni comuni. Il prof Stefen Haseler, ad esempio, della Metropolitan University di Londra (che, per inciso, previde con chiarezza la crisi finanziaria internazionale degli’anni successivi) spiegò come per sviluppo sostenibile si intenda un modello di sviluppo finalizzato a ridurre ed eliminare al massimo i rischi di rottura di un sistema, assicurando un progresso duraturo ed equilibrato nel tempo; e richiamò con molta energia gli esponenti politici ad assumere precise responsabilità su questo fronte. Il prof. Detlev Albers, dell’Università di Brema, illustrò bene che crescita economica e promozione sociale sono due aspetti della stessa medaglia, da perseguire dunque insieme, e non come era sostenuto dalla maggioranza dei decisori politici in Italia e in Europa: prima doveva essere perseguito lo sviluppo economico per affrontare poi i problemi sociali con una adeguata distribuzione della ricchezza. Il sociale era, ed è tuttora, da considerare come un fattore produttivo che, in quanto tale, deve essere oggetto di precise politiche di valorizzazione, non di semplice assistenza; e infine la tesi sostenuta dal prof. Gianni Mattioli, già Ministro dell’Ambiente e membro del Consiglio Direttivo dell’Eurispes, di costruire un diverso equilibrio tra consumi privati e pubblici a favore di questi ultimi, programmando e incentivando uno spostamento degli investimenti pubblici e privati sui beni comuni. Queste le tesi dell’Eurispes che oggi ritroviamo recepite nel Rapporto sullo Sviluppo Sostenibile Globale 2019 delle Nazioni Unite. Un richiamo ispirato all’orgoglio? No, piuttosto di triste malinconia per la sordità e miopia di una classe dirigente politica italiana ed europea che non ha saputo ascoltare per tempo raccomandazioni preziose e ben fondate su precise ricerche scientifiche. Ci voleva un aggravamento drammatico delle negatività nei processi di sviluppo economico, sociale, ambientale per affermare una diversa consapevolezza nelle principali sedi internazionali; e ci voleva Greta per dare un impulso, si spera, alla grande correzione da apportare nelle attuali politiche a livello globale e nazionale, a cominciare dal nostro Paese.

Il Rapporto è leggibile sul sito ONU:
https://sustainabledevelopment.un.org/globalsdreport/2019

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento