L'opinione

Codice degli appalti

81

Lotta alla corruzione e trasparenza. Queste le parole chiave del Codice attuativo della riforma degli appalti, approvato dal Consiglio dei Ministri. La novità più rilevante concerne il criterio del massimo ribasso, che troverà applicazione solo in ipotesi marginali e ben definite. Com’è noto, con tale sistema la stazione appaltante individua l’aggiudicatario in base all’offerta che presenta il ribasso percentuale o il valore più basso rispetto all’insieme dei concorrenti. Le uniche offerte ammissibili in gara sono quelle che presentano un prezzo inferiore a quello posto a base di gara, individuando, quale soglia di riferimento per gli operatori economici, il prezzo base palese. Il bando non può prevedere, quindi, l’analisi di alcun documento che non sia la sola offerta economica. Detto impianto ha dato alla luce un meccanismo per cui il massimo ribasso è passato, nel corso degli anni, da sistema in grado di sostenere la più aperta competizione tra imprese sane a strumento per un facile accesso alle gare da parte della criminalità organizzata. In altri termini, il criterio del massimo ribasso ha favorito coloro i quali hanno rilevanti disponibilità finanziarie e non i soggetti con capacità imprenditoriali, privilegiando quindi le imprese con ampie risorse economiche, anche di incerta e discutibile provenienza. Il Codice attuativo della riforma degli appalti sostituisce il criterio del minor prezzo con quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Il primo criterio potrà trovare applicazione solo per i lavori di importo pari o inferiore a un milione di euro, nonché per i servizi e le forniture di importo inferiore alla soglia comunitaria, caratterizzati da elevata ripetitività. In fase di valutazione delle offerte, inoltre, potranno essere previsti criteri premiali per le imprese, riguardanti la valutazione dell’offerta in riferimento al maggior rating di legalità dell’offerente, nonché in relazione a beni, lavori e servizi che presentano un minore impatto sulla sicurezza e sull’ambiente.

Il nuovo sistema degli appalti interesserà anche l’Autorità Nazionale Anticorruzione. Molti i compiti che la riforma affida all’Authority. Si va dall’obbligo di gestire tutte le banche dati del settore, alla definizione delle linee guida necessarie per dare attuazione al nuovo codice. L’Autorità presieduta da Raffaele Cantone diventa altresì organo di regolazione del settore. Ed ancora, l’Anac dovrà prevedere misure sanzionatorie amministrative nelle ipotesi di omessa o tardiva denuncia obbligatoria delle richieste estorsive e corruttive da parte delle imprese titolari di contratti pubblici, comprese le imprese subappaltatrici e le imprese fornitrici di materiali, opere e servizi.

Il Codice attuativo porta con sé anche più rigidi requisiti di accesso alle gare. In tal senso, la stazione appaltante potrà provare che l’impresa si è resa colpevole di gravi illeciti professionali o di rilevanti carenze in un precedente contratto; ha concluso accordi e ha posto in essere pratiche per falsare la concorrenza; ha tentato di influenzare un’aggiudicazione; si trova in una situazione di conflitto di interessi.

La riforma in esame è con certezza un’arma importante da utilizzare nella battaglia contro la criminalità organizzata. L’auspicio è che sia la volta, o meglio la riforma buona. Non dimentichiamo, infatti, che il Governo è delegato ad adottare la revisione totale del Codice Appalti, con idoneo decreto legislativo, entro il 18 aprile 2016.

 

Altre opinioni dell'Autore
Gioco

Il Governo “a senso unico” dei giochi. L’azzardo finanzia il Reddito di cittadinanza con 1,5 mld

"Siamo di fronte ad un governo dei giochi a senso unico: mentre l’obiettivo nobile “da campagna elettorale” è quello di contrastare il disturbo da gioco d’azzardo, il risultato concreto è quello di utilizzare il settore per esigenze di finanza, senza incidere realmente sulla lotta alla ludopatia”.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Innovazione

Lavoro e nuova “alienazione” ai tempi del web

Il destino del sindacato o, più correttamente, il futuro del lavoro nella digital society: su questi temi interroga il lettore, il saggio di Francesca Re David "Tempi (retro) moderni. Il lavoro nella fabbrica-rete".
di Massimiliano Cannata
Informazione

Gino Falleri “pietra miliare” del giornalismo. “Aveva sempre la parola giusta”. Il ricordo

Gino Falleri era considerato l’Highlander del giornalismo, il paladino dei Pubblicisti, per i quali ha combattuto lunghe battaglie. Il ricordo di Bruno Tucci, Roberto Natale e Gian Maria Fara.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Era Meglio Prima! Oppure no? Saggio breve contro i piagnucolosi e i brontoloni

Avete due ore di tempo? Che so: un pomeriggio di pioggia; un post-prandiale domenicale; un trasferimento in aereo o treno da riempire....
di Alberto Mattiacci
Politica

Vincoli di bilancio, investimenti al minimo storico ma gli “avanzi disponibili” ammontano a 5,3 mld

Nel 2017 gli investimenti degli Enti locali hanno toccato il minimo storico. Eppure, l'ammontare delle somme potenzialmente spendibili ha raggiunto i 5,3 mld di euro.
di redazione
Informazione

Lutto nel giornalismo. Oggi i funerali di Gino Falleri a Roma

Lutto nel mondo del giornalismo. Si celebrano martedì nella parrocchia di San Mattia, alle ore 15, i funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti del Lazio, socio, fondatore e consigliere dell'Eurispes.
di redazione
Società

Festa del Papà: padri ottimisti, figli spaventati dal futuro. La ricerca

In occasione della Festa del Papà, l’Eurispes ha voluto focalizzare l’attenzione sull’opinione e la situazione degli uomini italiani rispetto ad alcuni aspetti della vita quotidiana.
di redazione
Economia

Politica industriale: la nuova Europa dei players globali secondo il Manifesto franco-tedesco

Francia e Germania, in occasione della presentazione del Manifesto franco-tedesco di politica industriale europea, hanno chiarito le posture dei due Paesi rispetto al futuro della concorrenza intra-Ue.
di Antonio De Chiara
Economia

La Cina è vicina. Belt and Road, la nuova Via della Seta è già realtà

Il Presidente della Repubblica Cinese viene in Italia a perfezionare la nuova Via della Seta, un’iniziativa strategica per il miglioramento dei collegamenti commerciali con i paesi nell’Eurasia. E all’improvviso c'è chi si è ricordato del porto di Palermo e del progetto dell’Eurispes.
di Alfonso Lo Sardo
Ambiente

Ambiente, l’emergenza clima non è una “moda”. I giovani ne sanno più degli adulti

La questione ambientale non è una moda e dopo il Global Climate Strike For Future, la protesta del 15 marzo, nessuno potrà più dire di non sapere. Con un totale di 2083 eventi, in 125 paesi, la protesta ha raggiunto ogni continente della Terra.
di Matteo Bruno Ricozzi