L'opinione

Codice degli appalti

92

Lotta alla corruzione e trasparenza. Queste le parole chiave del Codice attuativo della riforma degli appalti, approvato dal Consiglio dei Ministri. La novità più rilevante concerne il criterio del massimo ribasso, che troverà applicazione solo in ipotesi marginali e ben definite. Com’è noto, con tale sistema la stazione appaltante individua l’aggiudicatario in base all’offerta che presenta il ribasso percentuale o il valore più basso rispetto all’insieme dei concorrenti. Le uniche offerte ammissibili in gara sono quelle che presentano un prezzo inferiore a quello posto a base di gara, individuando, quale soglia di riferimento per gli operatori economici, il prezzo base palese. Il bando non può prevedere, quindi, l’analisi di alcun documento che non sia la sola offerta economica. Detto impianto ha dato alla luce un meccanismo per cui il massimo ribasso è passato, nel corso degli anni, da sistema in grado di sostenere la più aperta competizione tra imprese sane a strumento per un facile accesso alle gare da parte della criminalità organizzata. In altri termini, il criterio del massimo ribasso ha favorito coloro i quali hanno rilevanti disponibilità finanziarie e non i soggetti con capacità imprenditoriali, privilegiando quindi le imprese con ampie risorse economiche, anche di incerta e discutibile provenienza. Il Codice attuativo della riforma degli appalti sostituisce il criterio del minor prezzo con quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Il primo criterio potrà trovare applicazione solo per i lavori di importo pari o inferiore a un milione di euro, nonché per i servizi e le forniture di importo inferiore alla soglia comunitaria, caratterizzati da elevata ripetitività. In fase di valutazione delle offerte, inoltre, potranno essere previsti criteri premiali per le imprese, riguardanti la valutazione dell’offerta in riferimento al maggior rating di legalità dell’offerente, nonché in relazione a beni, lavori e servizi che presentano un minore impatto sulla sicurezza e sull’ambiente.

Il nuovo sistema degli appalti interesserà anche l’Autorità Nazionale Anticorruzione. Molti i compiti che la riforma affida all’Authority. Si va dall’obbligo di gestire tutte le banche dati del settore, alla definizione delle linee guida necessarie per dare attuazione al nuovo codice. L’Autorità presieduta da Raffaele Cantone diventa altresì organo di regolazione del settore. Ed ancora, l’Anac dovrà prevedere misure sanzionatorie amministrative nelle ipotesi di omessa o tardiva denuncia obbligatoria delle richieste estorsive e corruttive da parte delle imprese titolari di contratti pubblici, comprese le imprese subappaltatrici e le imprese fornitrici di materiali, opere e servizi.

Il Codice attuativo porta con sé anche più rigidi requisiti di accesso alle gare. In tal senso, la stazione appaltante potrà provare che l’impresa si è resa colpevole di gravi illeciti professionali o di rilevanti carenze in un precedente contratto; ha concluso accordi e ha posto in essere pratiche per falsare la concorrenza; ha tentato di influenzare un’aggiudicazione; si trova in una situazione di conflitto di interessi.

La riforma in esame è con certezza un’arma importante da utilizzare nella battaglia contro la criminalità organizzata. L’auspicio è che sia la volta, o meglio la riforma buona. Non dimentichiamo, infatti, che il Governo è delegato ad adottare la revisione totale del Codice Appalti, con idoneo decreto legislativo, entro il 18 aprile 2016.

 

Altre opinioni dell'Autore
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Sicurezza

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario
Video

Zavoli, il socialista di Dio

      Non ho ricordi personali di Sergio Zavoli, se non la sua firma sotto la mia lettera di assunzione in Rai, 36 anni...
di Emilio Albertario
Metafore per l'Italia

Un piano straordinario di investimenti pubblici

«Quello che serve è un piano straordinario di investimenti pubblici, finalizzato al riassetto del Paese. Un piano che acquisti evidenza per ampie...
di Gian Maria Fara
Il punto a Mezzogiorno

Mezzogiorno: tre strade per ribaltare un destino già segnato

Secondo Nino Foti, Presidente della Fondazione Magna Grecia, sono tre i passaggi obbligati per riuscire a riempire di contenuti e progettualità una “partenza nuova” alla quale in qualche modo ci obbliga il Recovery Fund per il Mezzogiorno.
di Nino Foti
scuola

Scuola, rischio abbandono con l’emergenza Covid. Le misure di sicurezza rischiano di favorirlo

Scuola, la chiusura forzata ha modificato profondamente le abitudini degli studenti e il lockdown potrebbe avere come effetto negativo l’aumento repentino degli abbandoni scolastici.
di Ilaria Tirelli
Ambiente

Bonus bici, impennata delle vendite. Ma l’Italia è un Paese bike friendly?

Il “bonus mobilità” – dedicato all’acquisto delle due ruote, ma anche monopattini elettrici, stabilito dal Governo nel decreto Rilancio –, ha fatto impennare le vendite che si stima, da maggio, siano state tra le 500 e le 600mila.
di Valentina Renzopaoli