Corruzione elettorale: il voto torni ad essere libero e segreto

Tutti concordano nel ritenere ormai consolidato un nuovo atteggiamento della criminalità organizzata.

Le diverse forme di manifestazione delle mafie, invero, tentano sempre più la strada dell’infiltrazione nell’economia lecita, attraverso fenomeni di riciclaggio; nel contempo, le stesse mafie sovente guardano alla Pubblica amministrazione, soprattutto negli Enti locali, come una porta d’ingresso per la gestione dei fondi della collettività onesta e per l’infiltrazione nello Stato dalle sue fondamenta decentrate, attraverso la scalata alla politica, anche mediante candidati intranei ai gruppi criminali o a questi vicini in varia guisa.

Più in generale, voto e corruzione sono spesso intrecciati, poiché la devianza dell’azione amministrativa diventa, ahimè, merce di scambio per il consenso elettorale che si fonda non già su valori ma su interessi specifici.

L’articolo 48 della Costituzione, che configura il diritto di voto sotto tutti i profili, statuisce al secondo comma: «Il voto è personale ed eguale, libero e segreto».

È noto da decenni che nei Comuni, piccoli e grandi, durante le campagne elettorali, tutti i candidati si attivano con i propri mezzi personali e di partito a sollecitare, suggerire, convincere gli elettori ad esprimere voti in loro favore, anche in cambio di riconoscimenti vari, leciti e illeciti.

Questo sistema è più radicato nei piccoli Comuni, ove vi è una personale conoscenza tra candidati ed elettori; ciò consente ai candidati – che hanno personalmente avanzato richieste di voto, in cambio a volte di vantaggi promessi agli elettori – di poter verificare all’esito dello spoglio, in ogni sezione elettorale, l’aver ottenuto o meno il voto richiesto.

Tale particolare fenomeno, ben conosciuto ma mai analizzato, condiziona l’elettore.

A parte il voto di scambio – che deriva da una promessa, da una intesa o persino da un giuramento tra candidati ed elettori, che concordemente hanno stipulato un vero patto – l’invito del candidato ad essere votato potrà essere facilmente verificato durante lo spoglio, fino ad accertare l’adesione o meno all’invito stesso.

Una mera adesione all’invito manifestata dall’elettore per pura cortesia, poi contraddetta all’interno dell’urna, già condiziona comunque l’elettore.

Occorre, pertanto, concentrare l’attenzione sulla criticità tentando di trovare un rimedio efficace di natura ordinamentale.

Epperò, in considerazione del numero degli Enti locali sciolti per infiltrazioni mafiose, ex D.lgs. 18.8.2000 n.267 Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti locali, dal momento in cui è entrata in vigore nel nostro ordinamento la relativa disciplina e dal numero delle inchieste sulla corruzione elettorale e sul voto di scambio politico-mafioso, ormai proliferate senza alcuna distinzione territoriale o politico-partitica, probabilmente la scelta strategica di natura repressiva, o prevalentemente tale, si è dimostrata fallace.

Peraltro, il nostro ordinamento già annovera una serie di regole adottate sul piano dell’accortezza sulle modalità specifiche di espressione del diritto di voto, quasi dettate da una sfiducia di fondo sulla genuinità dello stesso: si pensi, a mero titolo di esempio, al divieto di introdurre apparecchi telefonici cellulari nell’urna sancito dalla legge 30.5.2008, n.96. Unica vera ratio di una simile disposizione è quella volta a scongiurare il pericolo della possibilità di controllare l’avvenuta assegnazione di preferenze elettorali.

Alla stessa conclusione deve pervenirsi con riferimento alla ratio delle disposizioni che impongono ai candidati di tenersi lontani dai seggi durante le operazioni di voto.

Ma anche simili accorgimenti, a ben vedere, si mostrano del tutto insufficienti o quantomeno inefficaci ad evitare fenomeni distorsivi.

Ciò posto, si può passare alla proposta concreta, che chi scrive sostiene da anni, per un intervento riformatore, minimo quanto efficace, per rendere effettivamente libero e segreto il voto e per impedire qualsivoglia forma di controllo anche ex post da parte di condotte o comportamenti di pressione.

Il modesto accorgimento di seguito illustrato metterebbe in condizione fin da subito il sistema, di non consentire qualsivoglia modalità ricostruttiva più o meno certa dell’espressione e manifestazione del diritto di voto in favore di questo o quel candidato da parte di ciascun elettore, riportando le competizioni elettorali amministrative sul piano della correttezza e soprattutto della libertà e della segretezza, privando i gruppi di pressione di un altrimenti formidabile strumento di induzione.

Non può, difatti, non evidenziarsi come la disponibilità delle liste elettorali seggio per seggio e sezione per sezione, unita al numero sempre più alto di candidati alle elezioni per gli Enti locali, con lo spoglio delle schede decentrato, consenta una più o meno certa ricostruzione del voto nei suoi flussi e nella sua provenienza, grazie a meri dati numerici ed allo sviluppo delle liste e delle preferenze accordate.

Il rimedio immediato e risolutivo sarebbe quello di non effettuare lo spoglio delle schede votate sezione per sezione, concentrando il conteggio delle schede in una sede centrale esterna, che non consenta ai candidati di poter nemmeno immaginare l’espressione di un voto diverso da quello richiesto e promesso.

La necessaria modifica normativa, testé indicata, non sembra di difficile attuazione, atteso che in altre elezioni, che si svolgono in più sedi locali, lo spoglio delle schede viene svolto in sedi centrali, diverse dal luogo di votazione.

Le schede delle singole sezioni vengono poi unite insieme a quelle delle altre sezioni, per essere successivamente scrutinate.

Soltanto così il voto torna ad essere libero e segreto. 

La prassi turpe, quanto diffusa, della richiesta e della sollecitazione del voto, sull’ovvio presupposto della sua controllabilità ex post, ne risentirebbe in modo decisivo.

Il voto tornerebbe, di conseguenza, ad essere espresso in modo totalmente conforme al dettato costituzionale.

Dunque, non più mercimonio, non più compravendita di favori, non più promessa di consenso, né conta dei voti; il tutto mediante una minima riforma praticabile illic et immediate.

Né varrebbe come eventuale argumentum a contrario sostenere la necessità dello spoglio diffuso per consentire la verifica dell’espressione del voto da parte dei rappresentanti di lista.

L’unica problematica sarebbe di carattere organizzativo, dovendosi predisporre risorse necessarie allo spoglio centralizzato, al solo fine di non aggravare i tempi del procedimento post-voto.

Ma, a fronte dell’inestimabile valore costituzionale della libertà e della segretezza del voto che è fondamento della democrazia rappresentativa, ciò non pare ostacolo serio ed insuperabile.

Ultime notizie
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata