Salute

Cresce il popolo degli obesi, spunta l’ipotesi della Sugar Tax

100

Italia prima in Europa per il numero di bambini obesi: uno su tre ha problemi di peso. Colpa anche, di una sbagliata alimentazione e dell’uso di cibi e bevande ricche di zucchero.

Il consumo di bibite zuccherate apporta calorie e non dà senso di sazietà, contribuendo anche ad aumentare il rischio di diabete e di malattie cardiovascolari.
Il 13 settembre 2018 è stata, a tal proposito, presentata una risoluzione in Commissione affari sociali della Camera per «impegnare il governo a combattere l’obesità infantile» con varie misure, che comprendono anche una eventuale sugar tax sulle bevande zuccherate.
L’argomento è di indubbia rilevanza, sotto vari profili, laddove comunque, anche nel settore del food and beverage, la leva fiscale potrebbe svolgere un ruolo importante, se ben utilizzata.
Secondo i dati dell’OMS, del resto, attualmente il fenomeno dell’obesità giovanile nel mondo occidentale è 10 volte superiore rispetto agli anni Settanta. E, in Italia, il “popolo degli obesi” cresce di circa l’8% ogni anno.
Spetta, inoltre, proprio al nostro Paese il primato in Europa per l’obesità infantile: un bambino su tre, con picchi nelle Regioni del Sud Italia, ha problemi di sovrappeso.
E questo anche (non solo) a causa dell’alimentazione e al ricorso smodato a cibi ad alta densità calorica e al consumo di bevande zuccherine e gassate.
La tassazione serve però a poco in questi casi, se non viene associata a precisi percorsi di educazione alimentare. La leva fiscale, infatti, se utilizzata solo in funzione “dissuasoria” o impositiva, rischia semplicemente di far aumentare le entrate erariali, senza risolvere, però, il problema sociale.
Alcune esperienze internazionali possono però essere in questo caso di aiuto.
In Messico, già dal 2014, il Governo ha infatti introdotto una tassazione (la cosiddetta “soda tax”), del 10% sulle bevande con zuccheri, il cui consumo, nell’arco di due anni si è ridotto del 7,6%. E contemporaneamente sono aumentate le vendite delle bibite non tassate.
Questo senza contare che una tassa di circa un centesimo sulle bibite ha portato risparmi legati alle spese sanitarie sul lungo termine, oltre che a generare maggiori entrate.
Anche l’Ungheria, fin dal 2011, ha introdotto una public health product tax (PHPT), cioè una tassa di salute pubblica, consistente in un’imposizione aggiuntiva sui prodotti contenenti un’alta concentrazione di zuccheri e calorie.
Anche in questo caso, non solo il consumo delle bevande ed alimenti tassati è diminuito, ma è corrispondentemente aumentato quello degli alimenti non tassati e più sani. E il 40% delle imprese del settore ha “spontaneamente” rimosso o ridotto dai propri prodotti gli ingredienti nocivi soggetti a tassazione.
Anche altri Paesi hanno poi seguito questa strada. In Gran Bretagna è stata imposta la cosiddetta Soft Drinks Industry Levy: sulle bibite contenenti più di 5 grammi di zucchero per ogni 100 millilitri viene applicata un’accisa da 18 pence, che sale a 24 pence al litro per le bibite con più di 8 grammi di zucchero per ogni 100 millilitri. Molte aziende produttrici, per evitare di pagare, hanno diminuito il contenuto di zuccheri.
Poi è stata poi la volta dell’Irlanda, con la Sugar Sweetened Drinks Tax: in questo caso sono dovuti 0,20 euro al litro da 5 a 8 grammi di zucchero su 100 ml e 0,30 euro dagli 8 in su.
In conclusione, è difficile stabilire, a priori, se la leva fiscale possa effettivamente cambiare le abitudini di consumo. Il vero successo di tali forme di imposizione non si dovrebbe misurare dal lato della domanda, quanto nella sua capacità di spingere i produttori a ridurre il contenuto di zuccheri delle proprie bibite per sottrarsi all’obbligo impositivo e magari prevedere poi che il gettito raccolto venga investito in programmi a favore dello sport giovanile.

Ultime notizie
Politica

Manovra economica, al Sud tagliati 800 mln. La ripresa non ci sarà

Manovra economica: manca una visione d’insieme per il Sud. Più investimenti ma diminuisce la spesa pubblica. Nessun piano di infrastrutturazione. Il sostegno al reddito? Un’incognita.
di Alfonso Lo Sardo
Società

La Notte Bianca del Classico. In difesa del principe dei Licei

Venerdì 11 gennaio si è svolta, in tutta Italia, la Notte Bianca del Liceo Classico. È una bella idea, nata in quel...
di Alberto Mattiacci
Politica

Giulio Andreotti nasceva (solo) 100 anni fa, ma sembra preistoria

Il 14 gennaio 2019 sono stati cento anni dalla nascita di Giulio Andreotti. Cosa che pochi mai avrebbero previsto, sono molti quelli che ora lo rimpiangono. Il ricordo nel libro di Roberto Cotroneo.
di Patrizio J. Macci
Criminalità e contrasto

Corruzione in Italia, ecco come si altera la reputazione di un Paese

Dipingere un paese come corrotto o anche più corrotto di quanto realmente non sia può avere effetti diretti e indiretti sull’economia. L’econometria della corruzione è alla base della ricerca realizzata da Eurispes
di redazione
Criminalità e contrasto

Mafie straniere in Italia. “Mancano interpreti e collaboratori di giustizia”

Dalla mafia nigeriana a quella cinese, rumena e albanese: le associazioni criminali straniere che hanno “preso casa” in Italia convivono con le mafie autoctone, si spartiscono traffici e attività illegali. Cesare Sirignano, Sostituto Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, ha fotografato il fenomeno.
di Raffaella Saso
Innovazione

Dalla smart city alla smart land, la città è ovunque

Essere smart è un modo di essere, una condizione ontologica. La rivoluzione è già avvenuta e la “città del futuro” più vicina di quanto possiamo immaginare. Anzi, la città è già ovunque, la città è sprawl.
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Spreco di cibo nel mondo: nel secchio un terzo di quello prodotto

I dati choc dello spreco alimentare. Un terzo del cibo prodotto sul pianeta, viene sprecato senza neanche arrivare a tavola. Con il cibo che finisce tra i rifiuti, si potrebbero sfamare 200 milioni di persone.
di Alfonso Lo Sardo
agricoltura

Marco Omizzolo Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito l'onorificenza al Merito della Repubblica Italiana a Marco Omizzolo, giornalista, studioso, ricercatore Eurispes e Responsabile scientifico dell'Associazione In Migrazione.
di redazione
Economia

Misure fiscali: tutte le novità per il 2019. La guida per orientarsi

Una web tax al 3% sui servizi digitali delle grandi imprese, con lo scopo principale di tassare le vendite online delle multinazionali. Ma sono molte le misure fiscali introdotte con la legge di Bilancio 2019. Ecco la guida per orientarsi.
di Giovambattista Palumbo
Attualità

Amos Oz: “Per la pace in Medio Oriente i leader non sono pronti”

A pochi giorni dalla scomparsa, riproponiamo un'intervista realizzata tempo fa con lo scrittore Amos Oz. «Verrà un giorno in cui bisognerà accettare il compromesso, e vi sarà un’ambasciata palestinese in Israele e un’ambasciata Israeliana in Palestina».
di Massimiliano Cannata