Salute

Cresce il popolo degli obesi, spunta l’ipotesi della Sugar Tax

109

Italia prima in Europa per il numero di bambini obesi: uno su tre ha problemi di peso. Colpa anche, di una sbagliata alimentazione e dell’uso di cibi e bevande ricche di zucchero.

Il consumo di bibite zuccherate apporta calorie e non dà senso di sazietà, contribuendo anche ad aumentare il rischio di diabete e di malattie cardiovascolari.
Il 13 settembre 2018 è stata, a tal proposito, presentata una risoluzione in Commissione affari sociali della Camera per «impegnare il governo a combattere l’obesità infantile» con varie misure, che comprendono anche una eventuale sugar tax sulle bevande zuccherate.
L’argomento è di indubbia rilevanza, sotto vari profili, laddove comunque, anche nel settore del food and beverage, la leva fiscale potrebbe svolgere un ruolo importante, se ben utilizzata.
Secondo i dati dell’OMS, del resto, attualmente il fenomeno dell’obesità giovanile nel mondo occidentale è 10 volte superiore rispetto agli anni Settanta. E, in Italia, il “popolo degli obesi” cresce di circa l’8% ogni anno.
Spetta, inoltre, proprio al nostro Paese il primato in Europa per l’obesità infantile: un bambino su tre, con picchi nelle Regioni del Sud Italia, ha problemi di sovrappeso.
E questo anche (non solo) a causa dell’alimentazione e al ricorso smodato a cibi ad alta densità calorica e al consumo di bevande zuccherine e gassate.
La tassazione serve però a poco in questi casi, se non viene associata a precisi percorsi di educazione alimentare. La leva fiscale, infatti, se utilizzata solo in funzione “dissuasoria” o impositiva, rischia semplicemente di far aumentare le entrate erariali, senza risolvere, però, il problema sociale.
Alcune esperienze internazionali possono però essere in questo caso di aiuto.
In Messico, già dal 2014, il Governo ha infatti introdotto una tassazione (la cosiddetta “soda tax”), del 10% sulle bevande con zuccheri, il cui consumo, nell’arco di due anni si è ridotto del 7,6%. E contemporaneamente sono aumentate le vendite delle bibite non tassate.
Questo senza contare che una tassa di circa un centesimo sulle bibite ha portato risparmi legati alle spese sanitarie sul lungo termine, oltre che a generare maggiori entrate.
Anche l’Ungheria, fin dal 2011, ha introdotto una public health product tax (PHPT), cioè una tassa di salute pubblica, consistente in un’imposizione aggiuntiva sui prodotti contenenti un’alta concentrazione di zuccheri e calorie.
Anche in questo caso, non solo il consumo delle bevande ed alimenti tassati è diminuito, ma è corrispondentemente aumentato quello degli alimenti non tassati e più sani. E il 40% delle imprese del settore ha “spontaneamente” rimosso o ridotto dai propri prodotti gli ingredienti nocivi soggetti a tassazione.
Anche altri Paesi hanno poi seguito questa strada. In Gran Bretagna è stata imposta la cosiddetta Soft Drinks Industry Levy: sulle bibite contenenti più di 5 grammi di zucchero per ogni 100 millilitri viene applicata un’accisa da 18 pence, che sale a 24 pence al litro per le bibite con più di 8 grammi di zucchero per ogni 100 millilitri. Molte aziende produttrici, per evitare di pagare, hanno diminuito il contenuto di zuccheri.
Poi è stata poi la volta dell’Irlanda, con la Sugar Sweetened Drinks Tax: in questo caso sono dovuti 0,20 euro al litro da 5 a 8 grammi di zucchero su 100 ml e 0,30 euro dagli 8 in su.
In conclusione, è difficile stabilire, a priori, se la leva fiscale possa effettivamente cambiare le abitudini di consumo. Il vero successo di tali forme di imposizione non si dovrebbe misurare dal lato della domanda, quanto nella sua capacità di spingere i produttori a ridurre il contenuto di zuccheri delle proprie bibite per sottrarsi all’obbligo impositivo e magari prevedere poi che il gettito raccolto venga investito in programmi a favore dello sport giovanile.

Ultime notizie
Gioco

Il Governo “a senso unico” dei giochi. L’azzardo finanzia il Reddito di cittadinanza con 1,5 mld

"Siamo di fronte ad un governo dei giochi a senso unico: mentre l’obiettivo nobile “da campagna elettorale” è quello di contrastare il disturbo da gioco d’azzardo, il risultato concreto è quello di utilizzare il settore per esigenze di finanza, senza incidere realmente sulla lotta alla ludopatia”.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Innovazione

Lavoro e nuova “alienazione” ai tempi del web

Il destino del sindacato o, più correttamente, il futuro del lavoro nella digital society: su questi temi interroga il lettore, il saggio di Francesca Re David "Tempi (retro) moderni. Il lavoro nella fabbrica-rete".
di Massimiliano Cannata
Informazione

Gino Falleri “pietra miliare” del giornalismo. “Aveva sempre la parola giusta”. Il ricordo

Gino Falleri era considerato l’Highlander del giornalismo, il paladino dei Pubblicisti, per i quali ha combattuto lunghe battaglie. Il ricordo di Bruno Tucci, Roberto Natale e Gian Maria Fara.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Era Meglio Prima! Oppure no? Saggio breve contro i piagnucolosi e i brontoloni

Avete due ore di tempo? Che so: un pomeriggio di pioggia; un post-prandiale domenicale; un trasferimento in aereo o treno da riempire....
di Alberto Mattiacci
Politica

Vincoli di bilancio, investimenti al minimo storico ma gli “avanzi disponibili” ammontano a 5,3 mld

Nel 2017 gli investimenti degli Enti locali hanno toccato il minimo storico. Eppure, l'ammontare delle somme potenzialmente spendibili ha raggiunto i 5,3 mld di euro.
di redazione
Informazione

Lutto nel giornalismo. Oggi i funerali di Gino Falleri a Roma

Lutto nel mondo del giornalismo. Si celebrano martedì nella parrocchia di San Mattia, alle ore 15, i funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti del Lazio, socio, fondatore e consigliere dell'Eurispes.
di redazione
Società

Festa del Papà: padri ottimisti, figli spaventati dal futuro. La ricerca

In occasione della Festa del Papà, l’Eurispes ha voluto focalizzare l’attenzione sull’opinione e la situazione degli uomini italiani rispetto ad alcuni aspetti della vita quotidiana.
di redazione
Economia

Politica industriale: la nuova Europa dei players globali secondo il Manifesto franco-tedesco

Francia e Germania, in occasione della presentazione del Manifesto franco-tedesco di politica industriale europea, hanno chiarito le posture dei due Paesi rispetto al futuro della concorrenza intra-Ue.
di Antonio De Chiara
Economia

La Cina è vicina. Belt and Road, la nuova Via della Seta è già realtà

Il Presidente della Repubblica Cinese viene in Italia a perfezionare la nuova Via della Seta, un’iniziativa strategica per il miglioramento dei collegamenti commerciali con i paesi nell’Eurasia. E all’improvviso c'è chi si è ricordato del porto di Palermo e del progetto dell’Eurispes.
di Alfonso Lo Sardo
Ambiente

Ambiente, l’emergenza clima non è una “moda”. I giovani ne sanno più degli adulti

La questione ambientale non è una moda e dopo il Global Climate Strike For Future, la protesta del 15 marzo, nessuno potrà più dire di non sapere. Con un totale di 2083 eventi, in 125 paesi, la protesta ha raggiunto ogni continente della Terra.
di Matteo Bruno Ricozzi