Criminalità albanese in Italia, fenomeno presente ma in decrescita

Il Servizio Analisi Criminale, incardinato nella Direzione Centrale della Polizia Criminale, ha presentato un focus di approfondimento sulla minaccia rappresentata in Italia dalla criminalità albanese. A livello statistico, le segnalazioni di matrice criminale albanese sono in diminuzione, per effetto congiunto anche della pandemia. Ma negli ultimi anni, a causa dell’efferata violenza e dell’aggressività che contraddistinguono tali sodalizi criminali, hanno fatto registrare una rapida evoluzione transnazionale e oggi sul territorio nazionale costituiscono una delle espressioni criminali più significative. Il core business delle attività delinquenziali di matrice albanese è rappresentato dal traffico delle sostanze stupefacenti (marijuana, eroina, cocaina e droghe sintetiche), ma gli interessi criminali si estendono al traffico delle armi, alla tratta di esseri umani e allo sfruttamento della prostituzione. Le dinamiche dei rapporti con i sodalizi autoctoni evidenziano compartecipazioni soprattutto con quelli pugliesi, pur non mancando episodi di sinergie con le organizzazioni criminali siciliane, calabresi e campane. Per quanto attiene al narcotraffico, l’Albania è considerata un crocevia strategico verso l’Europa proprio in virtù della cosiddetta rotta balcanica.

Diminuiscono reati segnalati e albanesi detenuti

I dati forniti dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria attestano, nel biennio 2019-2020, un decremento del numero degli albanesi detenuti (2.402 nel 2019, 1.956 nel 2020) con un’incidenza del 4% sul numero totale dei soggetti ristretti e del 12% su quello dei soli stranieri. Gli albanesi sono, per numero di soggetti regolarmente residenti, la seconda comunità straniera in Italia, dopo quella romena; alla data del 31 dicembre 2020 rappresentavano l’8,2% degli stranieri residenti nel nostro Paese (con 410.087 presenze). La genesi della criminalità albanese è collegata al disfacimento del blocco sovietico ed ai profondi disordini politico-sociali che, a partire dai primi anni ’90 del secolo scorso, hanno interessato l’Albania, provocando imponenti flussi migratori in direzione di vari Stati europei, tra cui l’Italia. Mentre il Paese versava in una grave situazione socio-economica, ambienti criminali hanno colmato i vuoti di potere causati dalle crisi endogene, approfittando per ampliare e diversificare i propri interessi illeciti.

DOCUMENTO INTEGRALE Focus sulla criminalità albanese

Genesi e caratteristiche dei sodalizi criminali albanesi

Accanto alla formazione sul territorio nazionale di nutrite comunità, i flussi migratori in direzione dell’Italia hanno comportato anche l’espandersi della criminalità albanese che, da microdelinquenza diffusa, si è evoluta in aggregazioni qualificate ed articolate, la cui organizzazione interna, fondata su affiliazioni a base familiare/clanica, è rigidamente disciplinata da regole mutuate dal Kanun. Il Kanum è una raccolta di disposizioni di diritto consuetudinario, risalente al medioevo, che oggi viene impropriamente utilizzato dalle aggregazioni malavitose; esso individua il nucleo ideale della società nella famiglia di tipo patriarcale e riconosce nel tradimento della famiglia la massima violazione delle regole sociali. I sodalizi albanesi manifestano elevate attitudini criminali a livello internazionale, coniugando caratteri tradizionali (rigida disciplina interna, struttura organizzata in clan, chiusura, affidabilità) ed elementi innovativi e moderni quali la transnazionalità, l’imprinting commerciale e la capacità di operare in diversificati settori illeciti.

Criminalità albanese, -13% di segnalazioni nel 2021 

A livello statistico, si osserva un decremento del 13,1% delle segnalazioni riferite agli albanesi denunciati o arrestati; tali segnalazioni (22.823 nel 2019, 19.830 dell’anno successivo) hanno inciso per l’8,4 % sul numero totale degli stranieri deferiti nel biennio (506.527). Il trend decrescente è da attribuire anche alle misure di contenimento adottate dal Governo per limitare gli effetti della pandemia, e ciò trova conferma nei primi 8 mesi del 2021: in tale periodo, il numero totale dei soggetti albanesi deferiti è di 12.476 contro i 13.813 del 2020 riferibili allo stesso periodo (Fonte SDI/SSD). Per quanto riguarda le fattispecie delittuose, si registrano soprattutto reati inerenti gli stupefacenti, come già accennato (2408 segnalazioni nel 2021, 3819 nel 2020, 3920 nel 2019); furto (2105 segnalazioni nel 2021, 3937 nel 2020 e addirittura 5372 nel 2019, prima della pandemia); lesioni dolore (818 segnalazioni nel 2021), ricettazione (485 nel 2021). Tutti dati in decrescita rispetto agli anni precedenti, coerentemente con gli effetti della pandemia sul comparto criminale.

Leggi anche

Cenni storici e comunità albanese in Italia

A partire dagli anni ’90 del secolo scorso importanti flussi migratori provenienti dall’Albania hanno interessato il nostro Paese, determinando, con il passare del tempo, la formazione di nutrite comunità albanesi. A seguito del processo di democratizzazione che ha attraversato l’Europa dell’Est a partire dal 1989, infatti, l’Albania, per decenni rimasta isolata dagli altri Paesi a causa della linea politica seguita dal regime totalitarista di Enver Hoxha, ha vissuto una profonda crisi economica e sociale che, dal 1991 al 1999, ha portato ad un imponente processo migratorio, sviluppatosi in tre differenti fasi, in direzione del territorio nazionale e del resto d’Europa. Gli ambienti criminali hanno iniziato ad interessarsi al fenomeno migratorio, rapidamente passato sotto la gestione di gruppi malavitosi: si ritiene che sia proprio in questo momento storico che, oltre a verificarsi il vero esodo della popolazione, sia nata in Albania la criminalità organizzata.

In Lombardia, Emilia Romagna e Toscana le comunità più numerose

Gli albanesi, pur evidenziando una maggiore concentrazione nel Nord del Paese (ove risiede circa il 62% del totale), sono presenti in tutto il territorio nazionale, tanto che tra le aree con il più alto numero di residenti compaiono anche quelle del Centro e Sud Italia. In particolare, le regioni ove esistono le comunità albanesi più numerose sono la Lombardia, con 84.870 residenti, pari al 20,7% del totale; l’Emilia Romagna, con 56.381 presenze, pari al 13,7%, e la Toscana, con 55.444 residenti. Seguono il Piemonte, con 38.023 presenze, il Veneto, con circa 31.044, il Lazio, con 22.462, la Puglia, con 20.850 e la Liguria, con 20.488. Secondo il bilancio demografico Istat, al 31 dicembre 2020 risiedevano in Italia 410.087 albanesi; nel 2019 erano 421.591 e nel 2018 423.212.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento