Da zero alla luna, solo bilanciando tecnologia e fattore umano avremo un futuro

da zero alla luna

Blockchain è un termine critico con cui oggi devono misurarsi non solo gli addetti ai lavori e gli esperti della cybersecurity, ma la società nel complesso delle sue articolazioni. Siamo, infatti, di fronte a un’innovazione che sta cambiando radicalmente il mondo. Una tesi e un messaggio chiaro è quello che arriva da Gian Luca Comandini, giovane talento definito da Forbes tra gli under 30 più influenti del Paese. Da zero alla luna (ed. Dario Flaccovio) è un saggio/manuale, utile e brillante, che consente al lettore di entrare nell’universo della tecnologia, senza smarrirsi.

Professor Comandini, Lei è membro della task force governativa per lo sviluppo di una strategia nazionale in àmbito blockchain. Siamo realmente di fronte a una rivoluzione così importante da mobilitare l’Esecutivo?  

Siamo di fronte a una tecnologia emergente e trasversale, ad alto impatto sul nostro futuro. Si tratta di un registro decentralizzato, basato su crittografia e distribuito tra più utenti di una rete che ne garantiscono l’affidabilità, l’immutabilità e la tracciabilità in eterno. Ovunque ci sarà bisogno di gestire una grossa mole di informazioni, dati di qualsiasi genere o transazioni economiche la blockchain potrà fare la differenza, come già sta accadendo. Soprattutto in un mondo come quello odierno in cui i dati sono la risorsa più preziosa e utilizzata.

Da zero alla luna è un titolo che fa pensare alla conquista di una meta “altra” arcana e irraggiungibile. Di quali competenze abbiamo bisogno per governare un cambiamento profondo che va oltre il fattore tecnologico per investire il corpo collettivo nel suo complesso?

Soprattutto di tanta curiosità. Il futuro è ancora da scrivere e nessuno di noi lo conosce, serve essere curiosi e non averne paura. Dalla curiosità scaturiscono passione, studio e fame di innovazione. Dobbiamo, detto in una parola, riscoprirci più umani. E avere fede nella tecnologia che a volte è più umana di noi.

Qual è il rapporto tra blockchain, bitcoin e criptovaluta? La moneta come la abbiamo storicamente conosciuta, è destinata dunque a scomparire? 

Non certo a scomparire, ma certamente a evolversi, esattamente come è accaduto per qualsiasi altra invenzione nella storia dell’Umanità. Quando capiremo questo, allora potremo approcciare diversamente innovazioni ed evoluzioni monetarie dirompenti come il bitcoin, che non potrebbe esistere senza blockchain, tecnologia ormai sempre più decisiva e performante per il nostro futuro che darà vita a tante altre applicazioni oltre a quella monetaria.

«Il denaro non è un linguaggio, ma condivide con il linguaggio la profonda natura del segno, cioè di una cosa che sta al posto di un’altra, che la può rappresentare e vicariare nello scambio. Come non c’è cosa che non sia rappresentabile con la parola, allo stesso tempo non c’è cosa che non si possa comprare col denaro. Il problema vero è decidere e comprendere al posto di che cosa sta il segno del denaro: risposta che, al di là di soluzioni “tecniche”, resta tuttora problematica». Il filosofo Carlo Sini ha affrontato in questi termini il complesso binomio che da sempre lega l’uomo al denaro. I dilemmi espressi da questo grande pensatore valgono anche quando trattiamo di moneta elettronica?

Sini ha ragione. Anche di fronte a una rivoluzione tecnologica come il bitcoin, restano comunque alla base tutti i comportamenti insiti nella natura umana. Dobbiamo stare perciò molto attenti. Più si evolve la tecnologia e più ci esponiamo al rischio di usarla per interessi personali che poco hanno a che fare con l’etica. Anche su questo aspetto perciò mi sento di ribadire: più che costruire nuove tecnologie a misura di uomo, fermiamoci un attimo e concentriamoci nella formazione morale di individui che sappiano governare gli strumenti, “uomini”, mi si passi l’immagine a “misura di tecnologia”.

Leggi anche

Mining è un altro termine in cui ci imbatte durante la lettura del tuo saggio. Puoi dirmi qualche cosa in più in merito?

Con mining si intende il processo di estrazione di bitcoin e altre criptovalute che utilizzano protocolli simili. Ormai è governato da tanta speculazione e rischia spesso di manipolare il valore di criptovalute ad alta capitalizzazione come bitcoin stesso, tuttavia bisogna pensare che oggi senza il mining e i miners non esisterebbe nulla di tutto ciò.

La conoscenza scientifica non è un nostro punto forte. Ogni anno gli indici PISA ce lo ricordano con puntualità. Si tratta di un gap preoccupante, quali conclusioni si possono trarre?   

 L’ignoranza è oggi il pericolo più grande, che espone la razza umana al rischio di estinzione. Affrontiamolo con la stessa forza con cui stiamo cercando di affrontare i pericoli per l’ambiente, le guerre, la povertà, la fame, il lavoro precario e tante altre battaglie importanti, ma che non presentano la stessa percentuale di rischio per l’umanità nel suo complesso. Per far questo, ahimè, dobbiamo ripartire dalla prima elementare e riformare ogni cosa guardando al futuro e non a un passato troppo diverso dal presente perché si possano trovare dei codici comuni di dialogo e di comunicazione. 

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali