Da zero alla luna, solo bilanciando tecnologia e fattore umano avremo un futuro

da zero alla luna

Blockchain è un termine critico con cui oggi devono misurarsi non solo gli addetti ai lavori e gli esperti della cybersecurity, ma la società nel complesso delle sue articolazioni. Siamo, infatti, di fronte a un’innovazione che sta cambiando radicalmente il mondo. Una tesi e un messaggio chiaro è quello che arriva da Gian Luca Comandini, giovane talento definito da Forbes tra gli under 30 più influenti del Paese. Da zero alla luna (ed. Dario Flaccovio) è un saggio/manuale, utile e brillante, che consente al lettore di entrare nell’universo della tecnologia, senza smarrirsi.

Professor Comandini, Lei è membro della task force governativa per lo sviluppo di una strategia nazionale in àmbito blockchain. Siamo realmente di fronte a una rivoluzione così importante da mobilitare l’Esecutivo?  

Siamo di fronte a una tecnologia emergente e trasversale, ad alto impatto sul nostro futuro. Si tratta di un registro decentralizzato, basato su crittografia e distribuito tra più utenti di una rete che ne garantiscono l’affidabilità, l’immutabilità e la tracciabilità in eterno. Ovunque ci sarà bisogno di gestire una grossa mole di informazioni, dati di qualsiasi genere o transazioni economiche la blockchain potrà fare la differenza, come già sta accadendo. Soprattutto in un mondo come quello odierno in cui i dati sono la risorsa più preziosa e utilizzata.

Da zero alla luna è un titolo che fa pensare alla conquista di una meta “altra” arcana e irraggiungibile. Di quali competenze abbiamo bisogno per governare un cambiamento profondo che va oltre il fattore tecnologico per investire il corpo collettivo nel suo complesso?

Soprattutto di tanta curiosità. Il futuro è ancora da scrivere e nessuno di noi lo conosce, serve essere curiosi e non averne paura. Dalla curiosità scaturiscono passione, studio e fame di innovazione. Dobbiamo, detto in una parola, riscoprirci più umani. E avere fede nella tecnologia che a volte è più umana di noi.

Qual è il rapporto tra blockchain, bitcoin e criptovaluta? La moneta come la abbiamo storicamente conosciuta, è destinata dunque a scomparire? 

Non certo a scomparire, ma certamente a evolversi, esattamente come è accaduto per qualsiasi altra invenzione nella storia dell’Umanità. Quando capiremo questo, allora potremo approcciare diversamente innovazioni ed evoluzioni monetarie dirompenti come il bitcoin, che non potrebbe esistere senza blockchain, tecnologia ormai sempre più decisiva e performante per il nostro futuro che darà vita a tante altre applicazioni oltre a quella monetaria.

«Il denaro non è un linguaggio, ma condivide con il linguaggio la profonda natura del segno, cioè di una cosa che sta al posto di un’altra, che la può rappresentare e vicariare nello scambio. Come non c’è cosa che non sia rappresentabile con la parola, allo stesso tempo non c’è cosa che non si possa comprare col denaro. Il problema vero è decidere e comprendere al posto di che cosa sta il segno del denaro: risposta che, al di là di soluzioni “tecniche”, resta tuttora problematica». Il filosofo Carlo Sini ha affrontato in questi termini il complesso binomio che da sempre lega l’uomo al denaro. I dilemmi espressi da questo grande pensatore valgono anche quando trattiamo di moneta elettronica?

Sini ha ragione. Anche di fronte a una rivoluzione tecnologica come il bitcoin, restano comunque alla base tutti i comportamenti insiti nella natura umana. Dobbiamo stare perciò molto attenti. Più si evolve la tecnologia e più ci esponiamo al rischio di usarla per interessi personali che poco hanno a che fare con l’etica. Anche su questo aspetto perciò mi sento di ribadire: più che costruire nuove tecnologie a misura di uomo, fermiamoci un attimo e concentriamoci nella formazione morale di individui che sappiano governare gli strumenti, “uomini”, mi si passi l’immagine a “misura di tecnologia”.

Leggi anche

Mining è un altro termine in cui ci imbatte durante la lettura del tuo saggio. Puoi dirmi qualche cosa in più in merito?

Con mining si intende il processo di estrazione di bitcoin e altre criptovalute che utilizzano protocolli simili. Ormai è governato da tanta speculazione e rischia spesso di manipolare il valore di criptovalute ad alta capitalizzazione come bitcoin stesso, tuttavia bisogna pensare che oggi senza il mining e i miners non esisterebbe nulla di tutto ciò.

La conoscenza scientifica non è un nostro punto forte. Ogni anno gli indici PISA ce lo ricordano con puntualità. Si tratta di un gap preoccupante, quali conclusioni si possono trarre?   

 L’ignoranza è oggi il pericolo più grande, che espone la razza umana al rischio di estinzione. Affrontiamolo con la stessa forza con cui stiamo cercando di affrontare i pericoli per l’ambiente, le guerre, la povertà, la fame, il lavoro precario e tante altre battaglie importanti, ma che non presentano la stessa percentuale di rischio per l’umanità nel suo complesso. Per far questo, ahimè, dobbiamo ripartire dalla prima elementare e riformare ogni cosa guardando al futuro e non a un passato troppo diverso dal presente perché si possano trovare dei codici comuni di dialogo e di comunicazione. 

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra