L’educazione è ancora al centro del cambiamento della società italiana

educazione

I dati del sistema educativo nazionale sono da anni davanti agli occhi di tutti. Nelle classifiche internazionali, gli atenei italiani affannano e nelle prestazioni scolastiche ricopriamo gli ultimi posti delle graduatorie, evidenziando peraltro un abisso tra Nord e Sud, che non si è colmato neanche nei 160 anni di storia unitaria. Non possono esserci evidenze più chiare per dimostrare che la strada che stiamo percorrendo probabilmente non sia quella giusta. Non occorrono interventi di dettaglio ma politiche strutturali che richiedono tempo, distinguendo le sfide contingenti da quelle di lunga durata.

“Nell’educazione tutto accade cinquant’anni più tardi”

Infatti, come spiega Koeno Gravemeijer, della Eindhoven University of Technology, “nell’educazione tutto accade cinquant’anni più tardi”. Per cui, come il boom economico degli anni Sessanta venne accompagnato dalla riforma Gentile del 1923, adesso stiamo sperimentando, nel bene e nel male, gli effetti delle politiche educative del Sessantotto. Secondo noi il punto di partenza è che al centro delle scelte politiche della società italiana non debba esserci l’economia ma l’educazione. E che l’educazione non lo sia affatto, lo dimostra in modo eloquente la circostanza che quando il 3 febbraio 2022 Sergio Mattarella si è reinsediato come Capo dello Stato, durante il suo intervento di 40 minuti ha ricevuto 55 applausi, e, tra questi, quello sull’educazione non c’era.  

 

Infatti, il tema dell’educazione non è nei radar del dibattito politico e culturale, e viene ridotto a fatti specifici, come la DAD, dove si parla di procedure e mai di contenuti o di qualità degli insegnanti. Quello dell’educazione, come tutti i grandi temi sociali, è la conseguenza di scelte politiche e di comportamenti individuali. Concorrono il sistema mediatico e quello culturale.  Ma più che soffermarsi sugli effetti, occorrerebbe indagare seriamente le cause.

Una crisi specifica delle teorie educative in tutto il mondo

Esistono indubbie responsabilità interne al mondo dell’istruzione. Scuola e università, spesso invocate nella soluzione dei problemi sociali, rappresentano invece parte rilevante dei problemi. C’è anche una crisi specifica delle teorie educative in tutto il mondo, per via delle evoluzioni sconvolgenti degli ultimi anni, con l’uso di parole scadute e, nel caso italiano, l’emergere progressivo di un’antilingua che, in alcuni manuali di pedagogia, viene utilizzata per eludere più che per descrivere la realtà. Eppure l’educazione è centrale per il futuro di qualunque paese. In base a tutti gli indicatori, in Italia, sebbene abbia svolto e stia svolgendo un ruolo di promozione sociale importantissimo, consentendo l’ascesa sociale di milioni di italiani, il sistema dell’istruzione sta perdendo terreno rispetto agli altri, con le derive direttamente collegate dell’inefficienza istituzionale, della corruzione pubblica e della criminalità organizzata.

Occorre avviare un dibattito politico e culturale nel nostro Paese sul tema dell’istruzione

Investire qualitativamente nell’istruzione conviene a livello nazionale, poiché, com’è noto, c’è un rapporto diretto tra qualità scolastica e aumento del Pil. Non a caso i paesi che investono di più in istruzione diventano più ricchi e in Italia anche un piccolo aumento negli indicatori Ocse-Pisa potrebbe comportare un aumento del Pil del 5%. Occorre avviare un dibattito politico e culturale nel nostro Paese sul tema dell’istruzione, come fatto negli Stati Uniti nel 1983. Allora l’occasione fu il rapporto A Nation At risk: The Imperative for Educational Reform, in cui, in tempi di guerra fredda, il basso livello dell’istruzione veniva collegato direttamente con la sicurezza nazionale; tema fondamentale anche in questo preciso momento, esposti come siamo a potenti venti di guerra. Sempre negli Stati Uniti, nel 1966 il rapporto Coleman aveva spiegato che intervenire nella qualità degli edifici scolastici, nelle tecnologie dell’istruzione, nel cambiamento dei programmi, serviva a poco se non si interveniva prima e contemporaneamente nei contesti sociali, familiari e urbani dei singoli studenti. L’unico elemento che poteva produrre qualche differenza era rappresentato dalla qualità degli insegnanti.

Educazione, la qualità degli insegnanti è fondamentale

Pertanto, la qualità dell’insegnanti diventa fondamentale. Secondo Piero Calamandrei, la scuola dovrebbe essere considerata “un organo costituzionale”, per cui la mancata qualità dell’istruzione e quindi della inadeguatezza di chi la impartisce, cioè insegnanti scolastici e universitari, potrebbe rappresentare una “violazione costituzionale”. Infatti, è determinante la qualità dei dirigenti e dei docenti. Tra questi ultimi nelle scuole ce ne sono circa 200mila senza abilitazione, con rischi di danni permanenti sull’educazione degli studenti. Negli atenei, invece, con le abilitazioni di massa, si sta creando un pericolosissimo precariato universitario che si aggiunge a quello esplosivo generato nel mondo scolastico.  Pertanto, vanno prioritariamente rivisti i meccanismi di formazione, selezione e valutazione di dirigenti e docenti. Il mio punto di osservazione, la Calabria, a volte restituisce dati devastanti.

Leggi anche

Non ce ne rendiamo conto, ma viviamo nell’incredibile. Politicamente, culturalmente e mediaticamente non c’è la necessaria attenzione verso l’educazione che è l’area delle politiche pubbliche di gran lunga più estesa e dalla quale dipendono il presente e il futuro del Paese nella società della conoscenza. Poiché il futuro non si aspetta ma si prepara, oggi l’Italia dovrebbe utilizzare al meglio i fondi del PNRR. Una delle sei missioni riguarda appunto l’istruzione, alla quale sono riservati circa 32 miliardi su 248. Ricordiamo i due obiettivi: rafforzare il sistema educativo lungo tutto il percorso dell’istruzione (dagli asili alle Università); sostenere la ricerca e favorire la sua integrazione con il sistema produttivo. Complessivamente sono previste 9 riforme e 25 voci di investimento. Le voci più consistenti sono l’edilizia scolastica e le attrezzature tecnologiche, praticamente si tratta di appalti. Pertanto, la partita decisiva dell’istruzione si deve giocare essenzialmente sulle regole più che sugli investimenti, ponendo in primo piano soprattutto la qualità e l’efficacia della spesa sulla formazione del capitale umano (a cominciare dai docenti) e il raccordo del mondo del lavoro con quello della ricerca.

L’educazione può essere la madre di tutte le battaglie del cambiamento della società italiana

Di conseguenza, gli obiettivi che l’Osservatorio sulle politiche educative dell’Eurispes si propone sono quelli di porre al centro del dibattito politico, scientifico e culturale il tema dell’educazione con iniziative e ricerche; monitorare la qualità della spesa e l’efficacia delle riforme collegate alla missione dell’istruzione del PNRR; e la redazione di una approfondita sezione nell’annuale “Rapporto Italia” dell’Eurispes, che a maggio presenterà la 34° edizione, all’interno della quale verrà già dedicato un ampio spazio alle nostre tematiche dell’educazione. In questa iniziativa abbiamo coinvolto le associazioni pedagogiche più significative, le istituzioni culturali più prestigiose, le istituzioni pubbliche, oltre che esperti e settori che devono contaminare l’educazione. Infatti si tratta di un’area che rappresenta un punto di incontro di tutte le scienze, nella consapevolezza che l’educazione è qualcosa di talmente importante per la società che non se ne possono occupare solo gli educatori. Appunto per questo l’educazione può essere la madre di tutte le battaglie del cambiamento della società italiana. Oggi cominciamo un cammino che, con il contributo di tutti noi, speriamo possa portarci lontano nell’interesse dei giovani e del futuro del nostro Paese.

*Mario Caligiuri, Direttore Osservatorio sulle Politiche Educative dell’Eurispes e Docente dell’Università della Calabria.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili