Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

filosofia

Se ne parla da tempo, e anche se gli ultimi ministri che hanno guidato la scuola italiana avevano smesso di farlo, oggi – merito o, a seconda dei punti di vista, provvidenziale ingenuità del ministro Bianchi – della possibilità di estendere l’insegnamento della filosofia in scuole diverse dai licei si discute ancora una volta. Il precedente più recente riporta la lancetta del tempo indietro di almeno 18 anni, quanti ne sono passati dalla fine del secondo Governo Berlusconi, di cui era ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Come tutti gli inquilini di viale Trastevere, anche Letizia Moratti, donna tra le più titolate della storia della repubblica (ex sindaco di Milano, presidente Rai dal 1994 al 1996, ex presidente di Ubi Banca, oggi assessore al Welfare della Regione Lombardia), non ha resistito alla fatale attrazione di mettere mano alla riforma della scuola. Una riforma così urgente, secondo l’unanime giudizio bipartisan dell’intera classe politica nazionale, che ha visto sinora naufragare i diversi tentativi di metterla in atto. Della riforma Moratti del 2003 molti ricordano probabilmente il ritorno al vecchio voto di condotta. Fu, comunque, molto più ambiziosa, soprattutto nel proposito di ridisegnare e modernizzare il curriculum, ma è stata, come è accaduto a tutte le riforme della scuola proposte dal secondo dopoguerra sino ad oggi, fortemente osteggiata e sottoposta negli ultimi anni a parziali revisioni. Tra i punti più innovativi della riforma Moratti figurava l’insegnamento della filosofia nelle scuole in cui non era stata ancora introdotta. Un’idea che, nel 2016, balenò anche nella testa di un altro ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, “naufragata” (tanto l’idea quanto la ministra) anzitempo.

In principio fu la Moratti, oggi c’è la proposta di Bianchi

A rilanciare l’idea di una filosofia capace di caratterizzare trasversalmente il curriculum dello studente italiano non più solo dei licei, ma anche degli istituti tecnici ci ha pensato il ministro Bianchi, ospite lo scorso settembre di un convegno, a Venezia, su “Etica e intelligenza artificiale” organizzato da Aspen Institute, Tim e Intesa Sanpaolo. Secondo le parole del ministro, fare filosofia nei Tecnici significherebbe provvedere al “reskilling della popolazione” e a una più funzionale e diversamente orientata preparazione dei giovani, interpreti e protagonisti di nuovi scenari storici e culturali. Quella dell’attuale ministro dell’Istruzione del governo Draghi non sembra essere una semplice esternazione, perché si è detto seriamente intenzionato a chiudere il discorso entro fine primavera con una proposta di riforma che potrebbe diventare legge prima del prossimo anno scolastico. Usare con cognizione di causa un computer o un telefonino, sapersi rapportare a una intelligenza artificiale, entrare con argomenti ben meditati nel dibattito tra vax e no vax, è cosa che, secondo le parole del ministro, viene meglio fare se, grazie alla filosofia, abbiamo esercitato e affinato le funzioni critiche del nostro pensiero.

Una proposta “indecente”

Propositi nobili che non hanno però dissuaso il fronte di chi non ha perso tempo per dichiararsi contrario alla proposta del ministro Bianchi, prima che questa guadagni terreno ed entri nel dibattito vivo della scuola da riformare. I motivi per i quali la filosofia farebbe bene a rimanere appannaggio dei soli licei sarebbero diversi e non tutti sufficientemente solidi. Si dice, ad esempio, che la filosofia introdotta negli istituti tecnici scombussolerebbe il curriculum, sottraendo ore e risorse ad altre materie. Si sostiene che non contribuirebbe a rafforzare e definire l’indirizzo specialistico del profilo professionale dello studente diplomato. C’è chi sospetta che possa diventare una copia – brutta e non bella – di ciò che già si fa nei licei. Altri temono che possa diventare un corpo estraneo inserito nell’impianto di discipline che avrebbero poco da condividere con la filosofia. C’è, infine, chi ritiene che diventerebbe inevitabilmente un sapere decontestualizzato perché spiegare Socrate ed Epicuro, prescindendo da autori classici come Aristofane e Menadro, sarebbe – giusto per fare un esempio – come provare a conoscere Dante ignorando la cultura dell’alto medioevo.

Leggi anche

Non tutte le riserve di chi è contrario allo studio della filosofia nei Tecnici andrebbero considerate errate o fuori bersaglio. Colpiscono nel segno quando puntano l’indice contro gli inevitabili cambiamenti che l’introduzione di una nuova materia comporterebbe, cambiamenti che sarebbe ingeneroso liquidare come dovuti e fisiologici effetti collaterali. Forse verrà ridotto l’orario di qualche disciplina o forse si diventerà abbastanza saggi, imitando le scuole di altri paesi, da ridefinire l’unità oraria delle lezioni, la cui durata può essere inferiore ai canonici 60 minuti, e arricchire così, con l’introduzione di nuove materie, anche facoltative, il curriculum dello studente. Più materie, più scelta, organici ulteriormente potenziati, offerte didattiche sempre più varie, stesso monte ore settimanale: una prospettiva che nel mondo della scuola sembra ancora oggi una pura velleità.

Fare o studiare filosofia?

Eppure l’introduzione della filosofia nei Tecnici non è poi così osteggiata dai diretti interessati, vale a dire studenti, insegnanti e dirigenti scolastici. Ci sono istituti tecnici in Italia che, già da qualche anno, hanno aperto le porte alla filosofia. Si tratta di progetti sperimentali di cui potrebbe essere opportuno, se non illuminante, valutare i risultati. Chi li ha ideati ha una visione poco tradizionale della filosofia così come viene insegnata in Italia, perché più simile a quella che si studia in altri paesi. Sappiamo, infatti, che dobbiamo alla riforma Gentile del 1923 l’attribuzione dell’insegnamento della filosofia allo stesso docente che fa storia. Per Gentile, come per Hegel, filosofo a cui ispirerà il suo pensiero, oltre che le sue idee di scuola e Stato, la filosofia è storia del pensiero e, quindi, per conoscerla, occorre storicizzarne l’evoluzione e i processi. Così la filosofia viene insegnata come si fa con le letterature, prendendo in esame autori, correnti e contesti temporali. Un metodo che ha dato i suoi frutti in tutte le discipline, ma che potrebbe non essere l’unico capace di assicurare buoni risultati. Una cosa è studiare Socrate prima di Platone e dopo avere fatto la conoscenza dei Sofisti, altra cosa è servirsi del metodo di Socrate e delle sue idee (sulla morte o sulla giustizia, ad esempio) per fare filosofia. Insomma, non è detto che studiare filosofia equivalga a fare filosofia, sempre ammesso che l’intento di chi la insegna sia proprio questo.

Filosofia, una svolta post-gentiliana

Chi vorrebbe che la filosofia venisse insegnata negli istituti tecnici può fare leva su un’altra motivazione e chiedersi se la vera svolta post-gentiliana della scuola italiana possa partire proprio da questa disciplina. Sarebbe un paradosso o uno di quei contrappassi della storia che è sempre difficile spiegare. E questo perché, secondo le intenzioni di Gentile, la filosofia sarebbe la disciplina che caratterizza i licei e questi avrebbero dovuto rappresentare il vertice di tutto il sistema scolastico. Una vecchia e obsoleta visione della scuola, si dirà, ma siamo davvero certi che non sia più così? Non potrebbe essere proprio la filosofia, intesa e praticata come disciplina insegnabile in tutte le scuole superiori, il detonatore capace di sgretolare quel che ancora tenacemente resiste della riforma del ‘29 nel corpo della scuola nazionale? Sempre che – è lecito supporre – generazioni di mancati riformatori, desiderando a parole tutto ciò, non abbiano invece voluto conseguire altri obiettivi.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze