Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

esame di stato

L’esame di Stato una volta veniva chiamato esame di maturità, e ancora oggi molti continuano a dargli questo nome, perché di maturità e riti di passaggio legati alla crescita in fin dei conti si tratta. Dal 2000, e cioè da quando la riforma Berlinguer ridisegnò gli assetti della scuola italiana, ha invece preso il nome di esame di Stato. Diventando non più di “maturità”, ma di Stato, l’esame che segna la fine del percorso di studi nella scuola secondaria superiore è cambiato però non solo nel nome, ma anche nella sua struttura. I vari tentativi di renderlo più efficace, affidabile e “moderno” hanno messo ripetutamente alla prova i ministri dell’Istruzione di tutti i governi che si sono succeduti negli ultimi venti anni. Anche il ministro Bianchi, attuale titolare del dicastero di viale Trastevere, è spesso parso seriamente tentato dal proposito di imprimergli l’ennesima correzione. L’emergenza sanitaria ha rallentato il piano, spingendo il successore di Lucia Azzolina a escogitare soluzioni di fortuna, forse non così “moderne” e innovative, ma, certo, rispondenti alle pressanti esigenze di un momento storico senza precedenti.

Formula “vincente” non si cambia

Sono tante (troppe e tutte convergenti perché non abbiano una loro fondatezza) le voci che circolano sulla formula del prossimo esame di Stato. Se dovessero venire confermate (ma nessuna smentita nel frattempo è stata data), a giugno gli studenti italiani si cimenteranno con lo stesso esame che ha impegnato l’ultima generazione di diplomati: commissione di soli docenti interni, nessuna prova scritta, un elaborato da realizzare a casa e su un tema concordato con gli insegnanti della classe e un colloquio che comprenda l’accertamento della conoscenza dei programmi svolti e delle competenze acquisite, senza tralasciare l’esperienza Pcto (la vecchia alternanza scuola/lavoro) e l’educazione civica. Verrebbe ancora una volta premiata la storia scolastica individuale dello studente che, raggiungendo il massimo del credito scolastico, avrebbe già 60 dei 100 punti massimi ottenibili al termine dell’esame. Come dimostra proprio l’esperienza dell’ultimo esame, per tanti candidati si è trattato quasi di una formalità da adempiere solo per migliorare il punteggio di partenza. E il dato finale è che mai come per l’esame dello scorso giugno si è vista una percentuale di 100e di lodi così alta.

Leggi anche

Numeri da primi in classifica

I numeri dell’ultimo esame incassati e registrati dal Miur fotografano una scuola da prima in classifica. Solo lo 0,2% degli studenti che hanno sostenuto l’esame non si è diplomato. È pur vero però che un primo filtro è stata l’ammissione all’esame decisa dai Consigli di classe. Il dato nazionale degli ammessi rimane, tuttavia, molto alto, perché pari al 96,2%. È, inoltre, cresciuto di un ulteriore 0,5% (dal 2,6 del 2019-20 al 3,1% dell’ultimo esame) il numero dei diplomati che hanno preso il massimo con la lode. Poco più della metà dei diplomati (52,9%) ha, infine, ottenuto una valutazione superiore a 80. Numeri superlativi che indurrebbero a credere che le privazioni e le ristrettezze imposte dal Covid, di cui la scuola ha sofferto in modo particolare, non abbiano inciso negativamente sulle performance degli studenti italiani. Se i numeri continuano ad avere un valore (e chi mai potrà metterli in dubbio?), verrebbe addirittura da pensare paradossalmente il contrario, e cioè che, malgrado le difficoltà, la generazione dei neodiplomati si è fata valere, dando prova delle proprie qualità. Lungi dal dubitare della consistenza di queste, si rimane, comunque, perplessi di fronte ai numeri che, pur non mentendo, potrebbero non dire tutto. Potrebbero, ad esempio, non dare conto del peso delle rinunce, più o meno costose, più o meno inevitabili, a cui l’ultima generazione di diplomati viene costretta.

Giù le mani dallo scritto d’italiano

Tra le rinunce possibili è quasi certa la reiterata assenza dello scritto di italiano. Se così fosse, per l’Accademia della Crusca, tra le prime istituzioni culturali a lanciare l’allarme, si aprirebbero scenari poco invitanti. Si teme, e non infondatamente, che le deboli competenze in italiano e matematica degli studenti delle superiori avranno inevitabili ripercussioni sulla carriera universitaria. È quanto fa presente, fra i tanti, l’accademico della Crusca Paolo D’Achille, che mette in guardia sui rischi di un esame di Stato privato ancora una volta delle sue prove principali e ridotto a una sorta di maxi orale di 40-50 minuti. Ciò malgrado, lasciare inalterato l’impianto dell’ultimo esame pare non dispiacere a molti, e, tra questi, diversi dirigenti scolastici, non pochi insegnanti e, soprattutto, tanti studenti. Dai nuovi diplomandi è stata lanciata nella rete una petizione che ha raccolto in poco tempo 40mila firme. Con questa viene richiesta la riproposizione dell’ultima formula dell’esame anche per l’anno scolastico in corso.

Un esame a maglie larghe

Poche e solo indiziarie anticipazioni su quello che sarà il prossimo esame di Stato inducono a pensare che si opterà probabilmente per la formula utilizzata negli ultimi due anni scolastici. Quella che ha fatto dire a una donna esperta di scuola come Paola Mastrocola che l’esame sta diventando una farsa e che sarà un’impresa difficile per gli studenti che lo sosterranno rimanere imbrigliati nelle sue reti a maglie larghe e non superarlo. Intento della scrittrice torinese, che con il suo intervento ha attirato consensi e anche critiche, non è il ritorno difficilmente realizzabile a una scuola più selettiva, una scuola del passato che non di rado ha fatto del voto un impiego poco illuminato. I tempi, fortunatamente, non lo consentirebbero. Quello che lei e tanti altri professionisti della didattica (pedagogisti, insegnanti, formatori, uomini di scuola) chiedono è di dare agli studenti un esame capace di stimolarne meglio l’impegno. Un esame che dia una forma ancor più legittimante al loro progetto di crescita e di affermazione e che nessuno possa, un giorno, svalutare.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili