Elezioni europee, sei italiani su dieci affezionati all’Europa

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione, passando dal 48,8% del 2017 al 60,9% di oggi. Tanto che la “carta” dell’Italexit è quasi scomparsa dall’agenda politica e neppure i partiti più “sovranisti” l’hanno giocata durante la campagna elettorale che si conclude con il voto di domenica 26 maggio.

Sono i dati che emergono dal Rapporto Italia 2019. Negli ultimi due anni, sono cresciute le posizioni più “equilibrate” a scapito di quelle “estreme”.

Un italiano su cinque (19,2%) pensa che far parte dell’Europa rappresenti per l’Italia un vantaggio (-5,5% rispetto all’ultima rilevazione del 2017), contro il 13,4% di chi ritiene sia uno svantaggio (-4,4%). Per la metà dei cittadini italiani (49,5%), invece, far parte dell’Unione europea comporta sia vantaggi che svantaggi (+7,1%).
I più ottimisti sono i giovani: il 23% dei 18-24enni e il 23,4% dei 25-34enni considerano stare in Europa un vantaggio per l’Italia, contro il 17,9% dei 45-64enni e il 15,2% degli over 65.

Ad appoggiare la posizione dell’Italia all’interno dell’Unione europea sono soprattutto coloro i quali si riconoscono nel centro-sinistra (40,6%) e nella sinistra (23%), seguiti dal 22,2% di chi non si sente politicamente rappresentato e dal 17,7% dell’elettorato del Movimento 5 Stelle. A pensare, invece, che per l’Italia far parte dell’Unione europea rappresenti uno svantaggio è maggiormente l’elettorato di destra (18,4% di chi è schierato a destra, 17,6% di chi si riconosce nel centro-destra), seguito da chi appoggia il Movimento 5 Stelle (15,4%). A condividere, infine, l’idea che l’appartenenza all’Europa comporti per l’Italia aspetti favorevoli e sfavorevoli è soprattutto la parte di popolazione che si schiera politicamente al centro (64,3%), seguono il 55,7% di coloro che si schierano a sinistra, il 54,7% che condivide gli ideali politici della destra, il 53,9% di coloro che si riconoscono nel centro-destra, il 49,6% dei pentastellati, il 45,6% di chi non ha appartenenza politica e il 39,6% degli elettori del centro-sinistra.

Cosa fare se una regola europea va contro gli interessi dell’Italia? Secondo la rilevazione dell’Eurispes, il 39,2% dei cittadini afferma che dovremmo accettare e rispettare la regola ma, al contempo, dovremmo impegnarci affinché possa essere modificata, in modo tale da consentire anche al nostro Paese, come ad altri, di giovarne. Il 20,5% suggerisce di non rispettare regole che ledono i nostri interessi e il 12,4% afferma che, anche se non condivisa, una regola va comunque rispettata. Il 27,9% non ha voluto o saputo rispondere alla domanda.

Sul futuro dell’Europa, tuttavia, gli ottimisti sono solo 4 su 10: secondo il 39,3% degli italiani l’Unione europea resisterà nonostante le difficoltà, il 19,3% è convinto che dopo la Brexit si verificherà nuovamente l’uscita di un paese membro dall’Unione e il 16,3% crede che l’Unione europea non sia destinata a durare e che, pertanto, finirà con lo sgretolarsi. Uno su quattro (25,1%) non si esprime in merito. Anche in questo caso, la visione maggiormente positiva appartiene alle giovani generazioni: a credere che l’Ue resisterà sono il 43% dei 18/23enni, il 46,7% dei 25/34enni: percentuale che decresce con l’innalzamento dell’età fino ad arrivare al 34,8% degli over 65.

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità