Eurogruppo: l’Italia chiederà di alleggerire il debito

eurogruppo

Il premier greco Tsipras mette a punto la strategia con cui affronterà i colleghi e le istituzioni della zona euro a Bruxelles. Per prima cosa ha sostituito il troppo contestato Varoufakis con Euclid Tsakalotos, a cui aveva affidato i negoziati dopo che l’Eurogruppo sfiduciò l’ex titolare delle Finanze. Secondo: avverte la Merkel che oggi porterà all’Eurosummit le sue proposte, compresa la richiesta di alleggerire il debito che non avrà cammino facile, perché per Berlino “non è un tema”. Merkel e Hollande decidono di tenere la porta del negoziato aperta, ricordando però a Tsipras che l’Eurozona è fatta da altre 18 democrazie, il cui parere conta quanto il suo. La sfida di Atene è anche contro il tempo: senza nuovi aiuti il 20 luglio farà default verso la Bce, e anche le sue banche rischiano il collasso per mancanza di liquidità, tanto che il Governo ne ha prolungato la chiusura almeno fino a domani, nonostante la Bce abbia confermato – ma non aumentato – la liquidità d’emergenza (Ela). Matteo Renzi, dopo alcune prese di posizione in sintonia con Berlino, torna a chiedere che l’Europa abbandoni l’austerità per tornare a puntare sulla crescita. Per il premier la parola d’ordine deve essere “politica”. Il tempo di “parametri e numeri è finito”.

Nel pomeriggio i disegni di legge costituzionali sulla riforma dello statuto speciale della Regione Friuli-Venezia Giulia saranno al centro dei lavori del Senato, chiamato a votarli in prima lettura. Nel corso della serata riprenderà inoltre il confronto sulle proposte in tema di agricoltura sociale. La commissione Affari costituzionali vaglierà i presupposti costituzionali dei decreti-legge sul recepimento della sentenza della Corte costituzionale in materia di rivalutazione delle pensioni e sulla sicurezza e il controllo del territorio. Riprenderà inoltre l’istruttoria delle riforme costituzionali, tema molto sentito dalla maggioranza e dal governo, con la lettura della relazione della presidente Anna Finocchiaro. Una partita in cui conterà l’approdo ad un punto di caduta con le istanze della minoranza dem, verso la quale, si sottolinea in ambienti renziani, c’è la volontà di un’apertura ma senza toccare l’articolo 2, che prevede l’elettività indiretta dei senatori. Ed è proprio su questo punto che ruoterà il dibattito. Secondo il documento di venticinque senatori della minoranza, una modifica dell’art. 2 è necessaria in seguito ad una correzione, apportata nel testo approvato alla Camera, che disciplina come “la durata del mandato dei senatori coincida con quella degli organi delle istituzioni territoriali dai – e non più ‘nei’ – quali sono stati eletti”. In commissione Finanze proseguirà l’esame degli emendamenti presentati al disegno di legge sulla riorganizzazione delle attività di consulenza finanziaria. Dalle 14 le proposte sulla riforma del sistema radiotelevisivo pubblico continueranno ad essere al centro dei lavori della commissione Lavori pubblici. Il disegno di legge sulle aree industriali dismesse proseguirà il suo iter in seno alla commissione Industria. La commissione Sanità si confronterà sui provvedimenti in materia di screening neonatale e assistenza ai senza fissa dimora.

L’assemblea della Camera porterà avanti la discussione sulle mozioni concernenti iniziative volte a sospendere le procedure di espropriazione relative ad immobili adibiti ad abitazione principale e iniziative di competenza in relazione alla vicenda della cooperativa “Il Forteto”. Successivamente saranno esaminate e votate le questioni pregiudiziali riferite al disegno di legge di conversione del dl recante misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell’amministrazione giudiziaria. Sarà inoltre discusso il testo unificato sull’autismo. In serata prenderà il via il dibattito sul ddl “La buona scuola”, provvedimento che sarà al centro dei lavori parlamentari per tutta la settimana e sul quale si scaricheranno le tensioni tra maggioranza e opposizioni. La commissione Affari costituzionali proseguirà l’esame degli articoli e degli emendamenti del ddl “Madia” sulla riforma della Pubblica amministrazione. Le commissioni Finanze e Attività produttive, esaurito il ciclo di audizioni informali, riprenderà l’esame del disegno di legge in materia di concorrenza e mercato. La delega al governo per l’attuazione delle direttive Ue sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali sarà al centro dell’ordine del giorno della commissione Ambiente.

Ultime notizie
Gioco

Gioco pubblico: il riordino deve riguardare contemporaneamente quello fisco e l’online

Gioco pubblico, un riordino necessario Nella imminente discussione sull’attuazione dell’art. 15 della legge delega sul riordino del gioco pubblico l'auspicio è che il...
di redazione
tempo libero
Sondaggi & Ricerche

Tempo libero, un lusso eroso da lavoro, Social e inflazione

Il tempo libero sta diventando un lusso nelle società contemporanee, tra produttività esasperata e tempo passato sui Social. E non solo: in Italia il 39,2% dei lavoratori lamenta la mancanza di tempo da dedicare a sé stessi, e il 57,2% degli italiani ha ridotto le spese per il tempo libero per risparmiare.
di redazione
tempo libero
pakistan
Mondo

Pakistan tra fughe per la vita di migliaia di persone e repressione militare: una crisi esplosiva

Il Pakistan affronta una grave crisi economica, pur essendo il quinto paese al mondo per popolazione e unica potenza nucleare di un paese governato da musulmani. Il contesto sociale è una polveriera, mentre è al governo un regime caratterizzato da estremismo islamico e intolleranza religiosa.
di Marco Omizzolo*
pakistan
futuro demografico
Futuro

Raccontare la denatalità: cambiare narrazione e aprirsi al cambiamento delle nostre società

La denatalità in Italia getta ombre preoccupanti sul futuro, ma per dare risposte concrete al problema è necessario abbandonare le narrazioni odierne e accettare le soluzioni proposte dalle politiche di accoglienza. Una riflessione del Presidente Gian Maria Fara sul presente e sul futuro demografico italiano.
di Gian Maria Fara*
futuro demografico
Economia

L’eolico in Sardegna: minaccia o premessa di nuovo sviluppo?

Negli ultimi mesi sono state presentate alla Regione Sardegna da parte di soggetti diversi centinaia di domande per l’installazione di nuove torri eoliche. Se venissero tutte accolte, l’isola si trasformerebbe in una piattaforma di totem metallici che ne puntellerebbero l’intero territorio. E non sarebbe risparmiato neanche il mare.
di Giuseppe Pulina
pnc
Italia

Piano Nazionale Complementare, uno strumento di sinergia col Pnrr

Il Pnc, ovvero il Piano Nazionale Complementare, è uno strumento di sinergia col Pnrr, varato nel 2021 per il valore di 31 miliardi di euro. Anche in questo caso si segnalano ritardi nella realizzazione dei progetti e la necessità di maggiore trasparenza sulla destinazione delle risorse impiegate.
di Claudia Bugno*
pnc
denatalità
Società

E se fare figli rendesse più ricchi?

I dati italiani sulla natalità parlano di 393.000 nuovi nati nel 2022, con tendenza al ribasso e un futuro da inverno demografico. Ma un primo passo per contrastare la denatalità in Italia può essere quello di smettere di rappresentare i figli solo come un impoverimento, e rifiutarne una narrazione prettamente economica.
di Alberto Mattiacci*
denatalità
Mar Nero
Mondo

Per una nuova sinergia tra Mar Mediterraneo e Mar Nero

Mar Mediterraneo e Mar Nero, due mari connessi e interdipendenti dal punti di vista ambientale, per i quali è necessaria una sinergia: è quanto emerso dalle indicazioni del 13° Simposio del Centro Studi sul Mar Nero ICBSS. La blue economy rappresenta un obiettivo comune di cooperazione tra le due aree.
di Marco Ricceri*
Mar Nero
longevity society
Società

Da aging society a longevity society: un approccio multigenerazionale

Il concetto di longevity society verte sull’allungamento dell’età anagrafica dei cittadini rispetto a epoche precedenti, con conseguenti impatti sociali, economici, sanitari e culturali. Ma l’approccio giusto per affrontare l’invecchiamento demografico è multigenerazionale e attento alle esigenze di tutte le generazioni.
di Claudia Bugno*
longevity society
Roma ricorda Kennedy
Storia

Roma ricorda Kennedy, un evento ripercorre i giorni di JFK nella Capitale

Roma ricorda Kennedy, l’evento che ripercorre le giornate trascorse nella Capitale dal Presidente statunitense nel luglio del 1963. L’incontro avrà luogo nella Capitale mercoledì 29 novembre dalle ore 10:00 alle 13:30. Il programma prevede la proiezione di immagini della visita a Roma di J.F. Kennedy, avvenuta l’1 e 2 luglio del 1963.
di redazione
Roma ricorda Kennedy