Cameron: l’erba del vicino

I Tg di venerdì 8 maggio – La vittoria di Cameron fa esultare Tg4 per la sconfitta della sinistra (titolo), mentre Salvini (ripreso da TgLa7) riesce ad appropriarsi anche del successo dei nazionalisti scozzesi, ignorando forse che sono più a sinistra del Labour e assolutamente filo Eu. I risultati delle elezioni in Gran Bretagna sono in apertura per tutti e, siccome l’erba del vicino è sempre più verde, tutti magnificano la correttezza e la reattività dei leader sconfitti che si dimettono prima che scocchino le 24 ore dagli exit poll. Con poco meno del 37% i Conservatori conquistano la maggioranza assoluta dei seggi e nelle prossime ore il nuovo governo sarà in sella, sicuro di restarvi per i prossimi cinque anni. In tempi di aspro dibattito sull’Italicum , di dissidenze interne al Pd e di accuse di fascismo a Renzi, nessun telegiornale segnala quanto sia affilata la ghigliottina del maggioritario a turno unico. Lo fa, ovviamente, Renzi stesso che ne parla in uno dei suoi tanti interventi di campagna elettorale, e TgLa7 se ne accorge dandogli spazio e segnalando la sua fiera (e ritardata) reazione alle accuse di Brunetta che ha parlato di fascismo renziano e di manipoli dell’Italicum. Mentana ricorda anche, con un lungo e divertente servizio, che i sondaggisti vivono tempi durissimi: dopo le previsioni sbagliate per Israele e per la Francia, il testa a testa tra Cameron e Miliband era solo nella testa degli istituti di ricerca.
Sull’abolizione (parziale) dei vitalizi ai condannati diverse testate mostrano il pantheon dei colpiti e di quelli che se la caveranno. Mediaset propone i servizi quasi in chiave comica, anche perché la linea populista porterebbe a dichiararsi insoddisfatti, mentre la Casa madre è critica per ragioni opposte.
Sempre su Mediaset si conferma la linea sulla sentenza della Corte sui pensionati; 10, 12, 18 miliardi? La cifra deve essere pagata tutta, a tutti e subito. La posizione copia quelle delle opposizioni che quasi godono a vedere crescere il buco nei conti pubblici, rinverdendo il vecchio slogan, “tanto paga Pantalone”.
Tanto spazio ai drammi dell’immigrazione, con la riproposizione su tutti delle riprese sottomarine del barcone affondato con gli 800 profughi. Le immagini non dicono molto ma da una parte hanno un valore simbolico fortissimo, dall’altra permettono di riempire un paio di minuti di edizione a basso costo e a zero lavoro di redazione. Le foto del bambino di 8 anni nel trolley alla frontiera “europea” tra Marocco e Ceuta ( con servizi per tutti i Tg) dimostrano che fermare l’immigrazione (in questo caso un assurdo diniego ad una ricongiunzione familiare) solo perché “ci dà problemi” è una non pia illusione.
A proposito di immigrazione, Tg2 segnala la risposta di Alfano a Salvini, che lo aveva ieri accusato di voler cambiar mestiere (da scafista a schiavista); il ministro degli interni ricorda al capo della Lega che 3 anni fa era stato lui a proporre il lavoro gratuito civico per gli ospiti richiedenti asilo nei comuni.
Il “day after” dell’aeroporto di Fiumicino dopo l’incendio che ha distrutto un’intera ala delle partenze internazionali, è presente su tutti con i tanti problemi che incontrano la ripresa del traffico e le migliaia di viaggiatori che non sanno se e quando partiranno.
A Tg4 devono avere costituito una “redazione rom” che proponi i suoi servizi quotidiani. Questa sera la tredicenne fermata una trentina di volte per furto e rilasciata perché non imputabile varca anche i cancelli di Tg5.

Dati auditel dei Tg di giovedì 7 maggio 2015


Tg1 ore 13:30 3.543.000, 22,30%; ore 20:00 5.239.000, 24,21%.
Tg2 ore 13:00 2.379.000, 15,93%; ore 20:30 2.063.000, 8,38%.
Tg3 ore 14:30 1.622.000, 10,91%; ore 19:00 1.398.000, 9,82%.
Tg5 ore 13:00 2.979.000, 19,82%; ore 20:00 4.232.000, 19,11%.
Studio Aperto ore 12:25 1.843.000, 15,28%; ore 18:30 691.000, 6,39%.
Tg4 ore 11.30 404.000, 6,81%; ore 18:55 665.000, 4,93%.
Tg La7 ore 13:30 596.000, 3,75%; ore 20:00 1.018.000, 4,64%.
Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali