Informazione

Europa e diritto d’autore. Copy (and Paste) right. Con chi stiamo?

92

Per vedere, talvolta, occorre pazienza. Quando un meteorite cade sulla terra, solleva un gran polverone: guardiamo ma non vediamo nulla. Poi la polvere si posa. Allora e solo allora, qualcosa iniziamo a vedere (e, forse, a capire).

Il 12 settembre 2018 ‒ sono passate poche settimane ma sembrano già anni ‒ il Parlamento Europeo approva la direttiva “Il diritto d’autore nel mercato unico digitale”.
Il testo, frutto di due anni di lavoro, si propone di aggiornare un corpo normativo sostanzialmente fermo a un tempo, il 2001, in cui ancora la Rete non aveva esploso la propria potenza.
I presupposti della direttiva, richiamati all’inizio del Testo, chiariscono che il diritto d’autore non è una pietra marginale dell’edificio europeo: «contribuisce al buon funzionamento del mercato interno e stimola l’innovazione, la creatività, gli investimenti e la produzione di contenuti nuovi, anche in ambiente digitale». Non solo: «la protezione così garantita contribuisce inoltre all’obiettivo dell’Unione di rispettare e promuovere la diversità culturale, portando allo stesso tempo in primo piano il patrimonio culturale comune europeo».

Dei 24 articoli che compongono il Testo, quelli più rilevanti sembrano essere due: l’articolo 11 “Protezione delle pubblicazioni di carattere giornalistico in caso di utilizzo digitale” e il 13 “Utilizzo di contenuti protetti da parte di prestatori di servizi della società dell’informazione (…)”. In estrema sostanza, dal disposto di questi due articoli, in particolare, emerge una filosofia ispirata alla tutela dei contenuti sulla Rete. Si impongono forme di remunerazione (il cosiddetto equo compenso) fra produttori di contenuti – es. Corriere della Sera ‒ e soggetti distributivi – es. Google ‒ facendo cadere su questi ultimi un maggiore carico di responsabilità rispetto alla condizione attuale.

L’approvazione della Direttiva Ue sul copyright è piombata sul Vecchio Continente come un meteorite (annunciato): un gran polverone e tutti lì a correre e strillare. Finalmente un po’ di polvere, ora, si è posata e possiamo forse azzardare un’occhiata al meteorite, per vedere di che si tratta per davvero.

Alla chiusura della votazione, come sempre più spesso accade di questi tempi, le posizioni si sono polarizzate su due estremi contrapposti. Da una parte i Ghibellini, tifosi dell’Impero comunitario europeo e favorevoli alla Direttiva; dall’altra i Guelfi, adoratori del Verbo Internettiano e ferocemente contrari al provvedimento. I Ghibellini esultano, salutando l’affermarsi delle ragioni del diritto e la difesa dei fondamentali dell’economia capitalista. I Guelfi si stracciano le vesti, gridando alla dittatura 4.0 e alla soppressione della libertà di espressione individuale, finalmente concessa dalla Rete.
Posizioni polarizzate diventano sempre, inevitabilmente, lo scenario di una trama da film western: gli uni danno del cattivo agli altri.
La domanda nasce perciò spontanea: chi sono i buoni?

Scena 1: i buoni sono i Ghibellini. I Ghibellini hanno le loro buone ragioni per essere favorevoli alla Direttiva: le imprese produttrici di contenuti sono entrate in una crisi, probabilmente irreversibile. Ciò si deve, in parte, a loro proprie responsabilità manageriali, in parte alla disintermediazione fondata sulla gratuità ‒ introdotta e sostenuta dai cosiddetti “Giganti della Rete”. Le loro colpe gestionali si chiamano mancanza di visione e innovazione: i produttori di contenuti si sono comportati sostanzialmente come i produttori di candele che, all’arrivo delle lampadine elettriche, pensarono di battere la novità allungando stoppini e corpo dei loro prodotti. Un po’ di miopia e sordità, ovvero continuare a pensare che la pubblicità otto-novecentesca possa ancora sostenere strutture d’impresa rigide e integrate, hanno completato l’opera. Di contro, è un fatto che il paradigma della gratuità introdotto dal web 2.0 e cavalcato dalle grandi corporation digitali, ha progressivamente eroso le fonti e i flussi di valore su cui le loro imprese si reggevano. Fare prodotti è oneroso ‒ costa il lavoro, costa l’ingegno, costano le strutture, le persone, eccetera ‒ se il prezzo si azzera nulla consentirà mai il recupero di quei costi. È una ingiustizia, insomma: la Rete, e i suoi leader, sono i cattivi che spadroneggiano nel villaggio peone. Il nostro eroe Direttiva Ue, “dal lungo passo e dal pugno di acciaio”, rimetterà a posto le cose.

Scena 2: i buoni sono i Guelfi. I Guelfi hanno le loro buone ragioni per essere contrari alla Direttiva: la Rete consente una libertà di espressione, pensiero e relazione che loro considerano un inalienabile diritto dell’Uomo. La crisi delle imprese produttrici di contenuti è da imputarsi alla loro incapacità di rinnovarsi e all’avidità, alla collusione con il potere costituito e alla chiusura corporativistica al nuovo che avanza. Non è giusto, dicono i Guelfi, che per difendere l’interesse di alcuni proprietari d’impresa si tarpino le ali alle persone; che per difendere i profitti si impediscano gli scambi; che l’interesse di pochi vada sopra quello di molti. Oltretutto, i Guelfi sostengono che la libera circolazione dei contenuti in Rete, in fin dei conti, sia benefica per i produttori: pensano, infatti, che proprio grazie a questa qualità gli autori divengano popolari e amati, le testate visitate e considerate. Tutto ciò genera traffico e frequenza e, quindi, ricavi da pubblicità, per esempio.

Forse ci sentiamo di dare (un po’ di) ragione a entrambi.
La sensazione, allora, è che la polarizzazione sia una cattiva consigliera: buoni-cattivi, Ghibellini-Guelfi, sono semplificazioni che non aiutano a capire.
Quale che sia la scena del film western verso cui si propende, la questione importante a noi sembra essere, invece, la sostanza del meteorite, fatta di bazzecole, quali: i princìpi e i diritti giuridici sui quali si fonda il vivere civile occidentale, i fondamenti economico-finanziari del capitalismo, l’eterna lotta fra rivoluzione e conservazione che, da che mondo è mondo, muove l’umanità.
Dato che la valutazione finale sul provvedimento potrà darsi solo quando il processo di approvazione della Direttiva sarà stato perfezionato a livello europeo e nazionale, forse, allora, più che di giudizi, oggi è tempo di auspici.
E allora eccoli qua. Un tempo, lavorando sulle public policy in campo economico, si raccomandava che i provvedimenti curassero contemporaneamente i legittimi interessi dei consumatori, delle imprese, della collettività. Un compito arduo ma l’unico possibile e, in nome del quale, ciascuno deve essere disposto a lasciare qualcosa sul piatto. Al solito: in medio stat virtus.

Ultime notizie
Politica

Manovra economica, al Sud tagliati 800 mln. La ripresa non ci sarà

Manovra economica: manca una visione d’insieme per il Sud. Più investimenti ma diminuisce la spesa pubblica. Nessun piano di infrastrutturazione. Il sostegno al reddito? Un’incognita.
di Alfonso Lo Sardo
Società

La Notte Bianca del Classico. In difesa del principe dei Licei

Venerdì 11 gennaio si è svolta, in tutta Italia, la Notte Bianca del Liceo Classico. È una bella idea, nata in quel...
di Alberto Mattiacci
Politica

Giulio Andreotti nasceva (solo) 100 anni fa, ma sembra preistoria

Il 14 gennaio 2019 sono stati cento anni dalla nascita di Giulio Andreotti. Cosa che pochi mai avrebbero previsto, sono molti quelli che ora lo rimpiangono. Il ricordo nel libro di Roberto Cotroneo.
di Patrizio J. Macci
Criminalità e contrasto

Corruzione in Italia, ecco come si altera la reputazione di un Paese

Dipingere un paese come corrotto o anche più corrotto di quanto realmente non sia può avere effetti diretti e indiretti sull’economia. L’econometria della corruzione è alla base della ricerca realizzata da Eurispes
di redazione
Criminalità e contrasto

Mafie straniere in Italia. “Mancano interpreti e collaboratori di giustizia”

Dalla mafia nigeriana a quella cinese, rumena e albanese: le associazioni criminali straniere che hanno “preso casa” in Italia convivono con le mafie autoctone, si spartiscono traffici e attività illegali. Cesare Sirignano, Sostituto Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, ha fotografato il fenomeno.
di Raffaella Saso
Innovazione

Dalla smart city alla smart land, la città è ovunque

Essere smart è un modo di essere, una condizione ontologica. La rivoluzione è già avvenuta e la “città del futuro” più vicina di quanto possiamo immaginare. Anzi, la città è già ovunque, la città è sprawl.
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Spreco di cibo nel mondo: nel secchio un terzo di quello prodotto

I dati choc dello spreco alimentare. Un terzo del cibo prodotto sul pianeta, viene sprecato senza neanche arrivare a tavola. Con il cibo che finisce tra i rifiuti, si potrebbero sfamare 200 milioni di persone.
di Alfonso Lo Sardo
agricoltura

Marco Omizzolo Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito l'onorificenza al Merito della Repubblica Italiana a Marco Omizzolo, giornalista, studioso, ricercatore Eurispes e Responsabile scientifico dell'Associazione In Migrazione.
di redazione
Economia

Misure fiscali: tutte le novità per il 2019. La guida per orientarsi

Una web tax al 3% sui servizi digitali delle grandi imprese, con lo scopo principale di tassare le vendite online delle multinazionali. Ma sono molte le misure fiscali introdotte con la legge di Bilancio 2019. Ecco la guida per orientarsi.
di Giovambattista Palumbo
Attualità

Amos Oz: “Per la pace in Medio Oriente i leader non sono pronti”

A pochi giorni dalla scomparsa, riproponiamo un'intervista realizzata tempo fa con lo scrittore Amos Oz. «Verrà un giorno in cui bisognerà accettare il compromesso, e vi sarà un’ambasciata palestinese in Israele e un’ambasciata Israeliana in Palestina».
di Massimiliano Cannata