Eccidio Fosse Ardeatine, ecco il prototipo che ricostruisce le stragi

Un archivio virtuale che include documenti inediti, oggetti e reperti, attinenti all’eccidio delle Fosse Ardeatine.
Si chiama ViBiA (Virtual Biographical Archive), la piattaforma allestita nell’ambito di un progetto del Dipartimento di Storia, Patrimonio culturale, Formazione e Società dell’Università Tor Vergata di Roma che, attraverso un approccio multidisciplinare, ha permesso di ricostruire nel dettaglio le 48 ore precedenti la strage e i successivi processi di riconoscimento riguardanti ognuna delle 335 vittime del 24 marzo 1944.
Se la recente storiografia italiana si è più volte occupata delle stragi commesse dall’esercito tedesco e dalle SS subito dopo l’8 settembre del 1943, trattando con ancora più attenzione i fatti avvenuti nella primavera-estate del ’44, ViBiA – muovendosi in questo solco – offre un ulteriore contributo alla ricerca storica grazie al matching di tutte le informazioni digitalizzate e catalogate. Schede matricolari, elenchi dei detenuti (compresa la lista dei “meritevoli di morte” prigionieri nel carcere di Regina Coeli e poi uccisi alle Fosse Ardeatine), registri degli ingressi, delle uscite o degli interrogatori avvenuti nel carcere nazista in Via Tasso, ma anche oggetti rintracciati nelle vesti o nelle adiacenze dei corpi, come orologi o pettini, insieme a tutti i verbali di medicina legale e ai questionari compilati dai familiari dopo la strage. Tra i pregi della piattaforma vi è proprio quello di accogliere in un unico ambiente la schedatura e la digitalizzazione di queste informazioni, provenienti da luoghi di conservazione diversi – il Museo Storico della Liberazione di Via Tasso, l’Ufficio storico della Polizia di Stato e l’Associazione nazionale famiglie italiane martiri (ANFIM) – o custoditi fino ad oggi dalle famiglie delle vittime.

Il lavoro, di quasi tre anni, è stato portato avanti dal team di ricerca composto da Alessia A. Glielmi (direttrice del progetto), Marielisa Rossi (responsabile scientifico), Giuseppe Novelli (Rettore dell’Università), Gianna Del Bono, Doriana Serafini e Sara Vannozzi, in collaborazione con la Space Spa, la Soprintendenza archivistica e bibliografica del Lazio e l’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione del Mibact. Dopo aver processato tutte le informazioni, uno dei risultati a cui ViBia è giunto è stato quello di individuare i nominativi di sei vittime (mentre in precedenza soltanto 326 erano state identificate), insieme a data e luogo di nascita e luogo e cella di detenzione. Nonostante tali progressi, resta ancora impossibile attribuire l’esatta corrispondenza di questi nomi con il numero specifico di salma o di sacello. Inoltre, di tre vittime, ancora oggi non si conoscono le estremità biografiche.
Un’altra caratteristica peculiare di ViBiA è la presenza di numerosi filtri di ricerca, utilissimi per le finalità di studio. Oltre alle fonti bibliografiche e archivistiche, è possibile estrarre informazioni sulle religioni professate dalle vittime o sulla formazione politica di appartenenza, sul periodo e sul luogo di detenzione; possiamo altresì conoscere i nomi dei delatori ed eventuali dati sui procedimenti giudiziari a carico della vittima e quelli identificativi dopo l’esecuzione. Ogni dossier è estremamente ricco di informazioni metatestuali ed è stato composto e organizzato con estremo rigore scientifico, a garanzia di una consultazione oggettiva del contesto storico, e in grado di smarcarsi da speculazioni fuorvianti. Tutto ciò fa di ViBiA un vero e proprio prototipo standardizzato per lo studio delle stragi. Il progetto è stato estremamente apprezzato anche dai familiari delle vittime, che hanno potuto esaminare materiale inedito e leggere la firma posta sui singoli documenti di condanna a morte.
Le oltre 13 mila unità catalogate in ViBiA sono consultabili presso la biblioteca della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Tor Vergata, la biblioteca “Guido Stendardo” del Museo Storico della Liberazione e presso l’Ufficio Storico della Polizia di Stato.

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu