Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

329

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Banca Centrale Europea che la Federal Reserve degli Stati Uniti hanno fornito, secondo il consueto stile dei vertici di queste Istituzioni, elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
A riaprire uno scenario più dinamico in politica monetaria è stato, il 10 luglio scorso, Jerome Powell, governatore della Banca Centrale Usa. Nel corso della sua testimonianza semestrale al Congresso americano, Powell ha ufficialmente dichiarato che molti membri della Fed sono “disponibili” a considerare una «politica monetaria più accomodante» lasciando così intendere la volontà di procedere ad un taglio dei tassi di interesse Usa nel corso del vertice del 30 e 31 luglio.
Sul fronte europeo, l’allora Presidente della Bce, Mario Draghi, alle prese con uno scenario continentale a tinte fosche, ha espresso chiaramente, nel corso della conferenza stampa del 25 luglio, motivi di preoccupazione per un ulteriore rallentamento della congiuntura macroeconomica dell’eurozona. Draghi ha sottolineato che i rischi per le previsioni di crescita e inflazione sono al ribasso e che la possibilità di una “hard Brexit” è un altro fattore da tenere in considerazione. «Non accettiamo – ha detto ancora – un tasso di inflazione permanentemente così basso, e il punto chiave è che abbiamo la stessa determinazione sia che essa sia più alta (del 2%, ndr) sia che sia più bassa».
Nell’ultimo giorno di luglio, la Federal Reserve ha ufficialmente tagliato i tassi d’interesse statunitensi. Non succedeva dal lontano 2008. La riduzione del costo del denaro di un quarto di punto, in una forchetta fra il 2 e il 2,25%, ha lo scopo, secondo il governatore Powell, di «cautelarsi contro i rischi al ribasso derivanti dalla crescita globale debole e le incertezze commerciali al fine di compensare l’effetto che questi fattori stanno avendo sull’economia e promuovere un ritorno più rapido all’obiettivo del 2% fissato per l’inflazione». La decisione non è stata presa all’unanimità. Sono stati otto i voti a favore, su un totale di dieci membri del board del Fomc, il Federal Open Market Committee, della Federal Reserve. Tra i favorevoli lo stesso Powell, più volte tacciato di eccessiva prudenza dal Presidente Trump, al confronto delle politiche più accomodanti delle altre grandi banche centrali, in particolare la Bce, guidata fino a novembre da Mario Draghi; Bce che proprio a luglio ha annunciato come possibile un ripristino di un programma di Quantitative Easing a fronte del persistere di una debole congiuntura macroeconomica dell’eurozona. La Bce – si legge in una nota – «è determinata ad agire se le prospettive d’inflazione nel medio termine continuano ad essere inferiori al suo obiettivo» e il consiglio direttivo «ha dato mandato ai relativi comitati dell’Eurosistema di esaminare le opzioni, fra cui le dimensioni e la composizione di nuovi acquisti di titoli».

Con il taglio di fine luglio la Fed si iscrive nella lista delle banche centrali in versione accomodante o che hanno dato segnali di allentamento nel 2019. Sembra probabile ci saranno altre iniziative simili con il verificarsi di un ulteriore rallentamento dell’economia o con cali dell’inflazione. Un gruppo maggioritario nel Fomc, che include Powell, pare orientato a considerare l’applicazione di due tagli a scopo assicurativo come l’approccio migliore. Per poter apportare più di un ulteriore taglio nel 2019 le previsioni di crescita della Fed potrebbero essere riviste al ribasso, unitamente ad un’escalation della guerra commerciale o a un nuovo slittamento nell’inflazione e nelle sue previsioni, magari riconducibile a un sensibile apprezzamento del dollaro. Gran parte degli analisti, prevede ancora 1-2 tagli entro la fine dell’anno e quasi tre tagli entro la fine del 2020.
La Bce – ha annunciato Draghi a fine luglio – lascerà i tassi invariati ai livelli attuali (il tasso principale è 0%, quello sui prestiti marginali allo 0,25% e quello sui depositi a -0,40%) o inferiori fino «almeno alla prima metà del 2020 e comunque per tutto il periodo di tempo necessario» per far risalire l’inflazione. Ma la politica monetaria odierna si basa sulla articolazione di tre strumenti, diversi ma intrecciati: oltre ai tassi di interesse, la Bce utilizza la politica degli annunzi vincolanti e quella delle operazioni sui mercati finanziari. E Draghi ha indirizzato la strategia sui tre fronti nel suo mandato e con gli annunzi, vincolanti e non, sa bene che muove una leva potente perché cerca di influenzare quello che è oggi ritenuto l’anello fondamentale dell’intera catena di trasmissione della politica monetaria: le aspettative.
Cosa farà, Christine Lagarde, designata alla successione di Draghi? In base al consueto aplomb dei central bankers, Lagarde non ha rilasciato dichiarazioni a margine della conferenza stampa ma secondo i rumours che rimbalzano tra Francoforte e Washington, sede del Fondo Monetario guidato per anni proprio dalla banchiera francese, nel 2020 dovrebbe essere confermata la strategia di politica monetaria del terzo governatore della Bce dalla sua fondazione.

Ultime notizie
Salute

Coronavirus, SMI: “Noi medici non abbiamo mascherine nè guanti. Le Regioni non sono in grado di adeguarsi”

"Noi medici non abbiamo mascherine, non abbiamo tute, non abbiamo guanti, non abbiamo niente. Anche quando cerchiamo di reperirli a nostre spese, c’è grande penuria e i prezzi sono esorbitanti". Intervista a Pina Onotri, Segretario nazionale del Sindacato Medici Italiani.
di Alberto Baldazzi
International

Ecco la faccia nascosta della Luna. Svelato il suo “lato oscuro”

Uno studio del Cnr-Irea e dell’Università Roma Tre, pubblicato oggi su Science Advances, ha rivelato per la prima volta la stratigrafia del sottosuolo del Polo Sud-Aitken, situato sulla faccia nascosta della Luna
di redazione
Giustizia

Riforma giustizia tributaria: lo stato del contenzioso tributario

In un recente articolo Giovambattista Palumbo fa prognosi di «un giusto, equo, veloce ed efficiente processo tributario affidato a Giudici professionisti e...
di Saverio Belviso
Editoriale

Il coronavirus come la corruzione: più li controlli, più li rendi percepibili

Nutriamo un profondo rispetto nei confronti di chi sta vivendo questa difficile (e un po’ surreale) esperienza del Coronavirus, sia questi un...
di Gian Maria Fara
Attualità

Coronavirus, Italia sotto attacco. La nuova apocalisse il destino dell’uomo

Il mondo sottosopra, l’assalto di un microrganismo ha gettato nel panico il Nord Italia, che “chiude per virus” come molti giornali hanno titolato. Anche il calcio si è fermato.
di Massimiliano Cannata
International

I valori dei giovani europei, politica e religione sempre più lontane

Salute e lavoro sono in cima ai valori dei ragazzi tra i 18 e i 30 di Italia, Germania, Polonia e Russia; la politica è in forte declino, così come il desiderio dei figli. È quanto emerge da un’indagine realizzata nei quattro paesi europei sui giovani e la loro idea di futuro.
di redazione
Cultura & Turismo

Boom degli affitti brevi e del sommerso. Roma secondo mercato europeo

L’Ente Bilaterale Turismo del Lazio presenta la prima indagine sul mercato degli affitti brevi a Roma: i valori relativi al non ufficiale superano ormai quelli relativi all’extra alberghiero. Ciò si traduce in circa 50 milioni di tassazione evasa.
di Raffaella Saso
Criminalità e contrasto

Nicola Graziano vince il Premio Falcone e Borsellino per il “manuale contro la mafia”

Con il loro "manuale per sconfiggere le mafie" Nicola Graziano e Livia De Gennaro hanno vinto il Premio “G.Falcone e P.Borsellino 2019” per la Sezione Dottrina dedicata alle opere in materia di diritto penale, processuale penale e criminologia.
di Susanna Fara
Intervista

Sicurezza sul lavoro e caporalato, Maurizio Martina: “La legge contro lo sfruttamento sta funzionando”

Dal lavoro nero alla sicurezza sui luoghi di lavoro, dal fenomeno del caporalato agli effetti della legge 199/2016, fino alle conseguenze dei Decreti Sicurezza di Salvini. L'ex Ministro Martina risponde alle domande di Marco Omizzolo.
di Marco Omizzolo
Informazione

La dittatura del terzo like. Il dibattito politico è sostituito dai post

Siamo dominati dalla dittatura del like, nella quale l’importante è il consenso della massa informe che agisce sui social; nella quale la politica dimentica il senso stesso del suo essere, rimanendo comodamente immobile innanzi ai post, ai like, all’ignoranza.
di Ilaria Tirelli