Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

148

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Banca Centrale Europea che la Federal Reserve degli Stati Uniti hanno fornito, secondo il consueto stile dei vertici di queste Istituzioni, elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
A riaprire uno scenario più dinamico in politica monetaria è stato, il 10 luglio scorso, Jerome Powell, governatore della Banca Centrale Usa. Nel corso della sua testimonianza semestrale al Congresso americano, Powell ha ufficialmente dichiarato che molti membri della Fed sono “disponibili” a considerare una «politica monetaria più accomodante» lasciando così intendere la volontà di procedere ad un taglio dei tassi di interesse Usa nel corso del vertice del 30 e 31 luglio.
Sul fronte europeo, l’allora Presidente della Bce, Mario Draghi, alle prese con uno scenario continentale a tinte fosche, ha espresso chiaramente, nel corso della conferenza stampa del 25 luglio, motivi di preoccupazione per un ulteriore rallentamento della congiuntura macroeconomica dell’eurozona. Draghi ha sottolineato che i rischi per le previsioni di crescita e inflazione sono al ribasso e che la possibilità di una “hard Brexit” è un altro fattore da tenere in considerazione. «Non accettiamo – ha detto ancora – un tasso di inflazione permanentemente così basso, e il punto chiave è che abbiamo la stessa determinazione sia che essa sia più alta (del 2%, ndr) sia che sia più bassa».
Nell’ultimo giorno di luglio, la Federal Reserve ha ufficialmente tagliato i tassi d’interesse statunitensi. Non succedeva dal lontano 2008. La riduzione del costo del denaro di un quarto di punto, in una forchetta fra il 2 e il 2,25%, ha lo scopo, secondo il governatore Powell, di «cautelarsi contro i rischi al ribasso derivanti dalla crescita globale debole e le incertezze commerciali al fine di compensare l’effetto che questi fattori stanno avendo sull’economia e promuovere un ritorno più rapido all’obiettivo del 2% fissato per l’inflazione». La decisione non è stata presa all’unanimità. Sono stati otto i voti a favore, su un totale di dieci membri del board del Fomc, il Federal Open Market Committee, della Federal Reserve. Tra i favorevoli lo stesso Powell, più volte tacciato di eccessiva prudenza dal Presidente Trump, al confronto delle politiche più accomodanti delle altre grandi banche centrali, in particolare la Bce, guidata fino a novembre da Mario Draghi; Bce che proprio a luglio ha annunciato come possibile un ripristino di un programma di Quantitative Easing a fronte del persistere di una debole congiuntura macroeconomica dell’eurozona. La Bce – si legge in una nota – «è determinata ad agire se le prospettive d’inflazione nel medio termine continuano ad essere inferiori al suo obiettivo» e il consiglio direttivo «ha dato mandato ai relativi comitati dell’Eurosistema di esaminare le opzioni, fra cui le dimensioni e la composizione di nuovi acquisti di titoli».

Con il taglio di fine luglio la Fed si iscrive nella lista delle banche centrali in versione accomodante o che hanno dato segnali di allentamento nel 2019. Sembra probabile ci saranno altre iniziative simili con il verificarsi di un ulteriore rallentamento dell’economia o con cali dell’inflazione. Un gruppo maggioritario nel Fomc, che include Powell, pare orientato a considerare l’applicazione di due tagli a scopo assicurativo come l’approccio migliore. Per poter apportare più di un ulteriore taglio nel 2019 le previsioni di crescita della Fed potrebbero essere riviste al ribasso, unitamente ad un’escalation della guerra commerciale o a un nuovo slittamento nell’inflazione e nelle sue previsioni, magari riconducibile a un sensibile apprezzamento del dollaro. Gran parte degli analisti, prevede ancora 1-2 tagli entro la fine dell’anno e quasi tre tagli entro la fine del 2020.
La Bce – ha annunciato Draghi a fine luglio – lascerà i tassi invariati ai livelli attuali (il tasso principale è 0%, quello sui prestiti marginali allo 0,25% e quello sui depositi a -0,40%) o inferiori fino «almeno alla prima metà del 2020 e comunque per tutto il periodo di tempo necessario» per far risalire l’inflazione. Ma la politica monetaria odierna si basa sulla articolazione di tre strumenti, diversi ma intrecciati: oltre ai tassi di interesse, la Bce utilizza la politica degli annunzi vincolanti e quella delle operazioni sui mercati finanziari. E Draghi ha indirizzato la strategia sui tre fronti nel suo mandato e con gli annunzi, vincolanti e non, sa bene che muove una leva potente perché cerca di influenzare quello che è oggi ritenuto l’anello fondamentale dell’intera catena di trasmissione della politica monetaria: le aspettative.
Cosa farà, Christine Lagarde, designata alla successione di Draghi? In base al consueto aplomb dei central bankers, Lagarde non ha rilasciato dichiarazioni a margine della conferenza stampa ma secondo i rumours che rimbalzano tra Francoforte e Washington, sede del Fondo Monetario guidato per anni proprio dalla banchiera francese, nel 2020 dovrebbe essere confermata la strategia di politica monetaria del terzo governatore della Bce dalla sua fondazione.

Ultime notizie
Intervista

Camilleri come Verga e Pirandello. “Il vigatese è italiano come la lingua dei Malavoglia”

Andrea Camilleri non è solo un caso letterario. È una figura poliedrica di intellettuale, capace di esprimere la corda universale della sicilianità, come hanno fatto i grandi della letteratura isolana: da Verga a Pirandello. Ne parliamo con Franco Lo Piparo, professore filosofia del linguaggio all’Università di Palermo.
di Massimiliano Cannata
Il punto

Regioni: tutte a statuto speciale

Occorre che lo Stato ritorni ad essere protagonista e guida del futuro degli italiani. Occorrerebbe riscoprire il senso di comunità e di...
di Gian Maria Fara
agricoltura

Mafia nei mercati ortofrutticoli. Sud Pontino epicentro della filiera criminale

Mafia nei mercati ortofrutticoli: quando la criminalità riesce a mettere le mani sui grandi mercati ortofrutticoli o sul sistema della logistica, condiziona l'intera filiera agricola italiana e internazionale. Si tratta di un avanzamento importante e pericoloso della strategia delle agromafie italiane.
di Marco Omizzolo
Intervista

Salvini e il bluff della crisi di “ferragosto”. Il Papeete è un format politico

Crisi di governo: Matteo Salvini protagonista del “mistero buffo” di Ferragosto. L'analisi di Aldo Cazzullo, cronista di razza, editorialista e firma di punta del Corsera. «Più passano i giorni, più l'azzardo di Salvini si rivela sempre più tale. La mia impressione è che abbia sbagliato i tempi».
di Massimiliano Cannata
Informazione

Comunità sostituite da “communities”. L’identità corre sui social

Ha un senso oggi parlare, nel nostro Paese, di comunità? Quand'é che un insieme di persone diventa una comunità e in quale circostanza perde questa sua connotazione?
di Alfonso Lo Sardo
Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Bce che la Fed hanno fornito elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
di Antonio De Chiara
Istruzione

L’educazione civica torna sui banchi di scuola. L’Eurispes applaude

Con l’approvazione da parte del Senato del Ddl sull’introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, la materia sarà reintrodotta nella scuola primaria e in quella secondaria. Al tema il magazine L’Eurispes.it ha dedicato una “campagna” di informazione e aperto un vero e proprio dibattito, consultando insegnanti, esperti di diritto e politici.
di redazione
International

Religione in Russia. Gli ortodossi praticanti sono solo il 3%. “Servono più sacerdoti”

Quanti sono i cittadini russi di religione ortodossa? Quanti i credenti-praticanti? Quale ruolo svolgono la Chiesa Ortodossa e l’associazionismo cristiano nella società russa? A queste domande ha messo un punto fermo una recente ricerca sociologica.
di Evpati Selov
International

Sudafrica, il Pil torna a volare. Ma la disuguaglianza alimenta l’immigrazione

I BRICS ospitano, in totale, circa il 42% della popolazione mondiale, ricoprono circa il 25% dell’estensione terrestre e il loro Pil ammonta...
di Bartolomeo Gatteschi
Cultura

Scuola e formazione. Italia, Paese delle riforme mancate

In Italia, i dati sulla dispersione scolastica, indice sensibile della qualità del sistema scolastico di una nazione, mostrano un generale miglioramento della...
di Roberto Bevacqua