Società

Alcol e giovani: le prime bevute già a 11 anni

Di fronte alla confusione e al disagio che l’adolescenza fisiologicamente porta con sé, un ragazzo o una ragazza ricorrono spesso all’alcol come ad un “anestetizzante”, per far fronte alle sensazioni tipiche dell’età che li inondano e li atterriscono.

Talvolta invece potrebbe trattarsi di uno strumento di socializzazione tout court; non si consuma alcol per “giovarsi” dei suoi effetti, tantomeno perché piaccia il suo gusto ma solo relativamente al fatto che il bere insieme sia un comportamento socialmente più accettato dal gruppo.

Altre volte i giovani ricorrono all’alcol come strumento usato proprio al fine di modificare il proprio comportamento: e questo per due ulteriori ragioni.

Per motivi di socializzazione (l’alcol disinibisce e “accomuna”, spersonalizzando e dunque omologando); per motivi legati al profondo malessere che un adolescente provi in conseguenza di eventi che lo abbiano traumatizzato.

Tra i giovani italiani si va diffondendo sempre di più la moda del bere in maniera compulsiva, con l’apposito intento di ubriacarsi (binge drinking): l’effetto ricercato è quello dello stordimento, soprattutto in contesti di socialità e ricreativi. I ragazzi arrivano a consumare quantità di alcool nettamente superiori alle loro capacità fisiologiche di assorbimento (almeno 5 o 6 bicchieri di bevande alcoliche ingeriti in modo consecutivo e rapidamente). Questo fenomeno è favorito in particolar modo, dai cosiddetti happy hours, che – abbattendo i prezzi delle bevande alcoliche − vanno incontro alle contenute disponibilità economiche dei giovani.

Molti ragazzi hanno, inoltre, la tendenza a bere nel corso della serata diversi tipi di alcolici, spaziando dalla birra, ai breezer, ai superalcoolici e ai cocktail allargando così le fila della categoria dei cosiddetti bevitori policonsumatori.

Trovano ampia diffusione negli ultimi anni, soprattutto tra i giovanissimi, anche i cosiddetti alcolpops, bevande dal gusto dolce, apparentemente analcoliche, confezionate in bottiglie dal design e dai colori accattivanti, che hanno – in realtà – una gradazione compresa tra i 4 e i 7 gradi (all’incirca la stessa gradazione della birra), nella cui assunzione, proprio in virtù del loro aspetto e del loro sapore “innocui”, è facile eccedere. Altra moda di importazione che si sta diffondendo in Italia è quella del botellòn, ossia il vino in damigiana sfuso e a basso costo, addizionato con superalcoolici, che viene consumato da giovani riuniti in gruppo nelle piazze o in altri luoghi pubblici e che garantisce effetti di “sballo alcolico”.

Ancora, una nuova moda è quella delle “dosi” di alcol, drink in bustina in monoporzioni che contengono vodka, gin, rum, tequila. Le bustine sono comode perché possono essere bevute ovunque e costano solo un euro e mezzo. In questo modo l’effetto è quello di una “botta” immediata, non si diluisce più il quantitativo di alcol nel corso della serata: in un rituale simile (nella ricerca dell’effetto) a quello di una “sniffata di coca” o dell’assunzione di una pasticca, si possono mescolare altre bevande che si “nascondono” bene. Questi prodotti permettono anche di aggirare il divieto di vendere bottiglie di alcolici dopo le 21 e di servire cocktail, nelle discoteche, dopo le 2 di notte.

Il consumo di alcol, quando da occasionale diventa abituale, ha l’altissima probabilità di sviluppare il demone insaziabile della dipendenza.

È stato scientificamente dimostrato che quanto prima un individuo inizia a bere, tanto più rischia di sviluppare patologie connesse al danno da uso di alcol negli anni successivi; i giovani che iniziano a bere prima dei 15 anni corrono un rischio quattro volte maggiore di diventare alcolizzati rispetto a quelli che iniziano a 21 anni.

Negli adolescenti, infatti, non sono ancora presenti gli enzimi utili a digerire l’alcol. Nelle ragazze questa condizione è peggiorata dal fatto che la dotazione enzimatica nel loro caso è la metà di quella a disposizione dei coetanei maschi e che la loro massa corporea e di liquidi rende più difficile diluire l’alcol.

Nel nostro Paese il 64% dei giovani tra i 12 e i 18 anni dichiara di bere alcolici. Per il 10,6% è un’abitudine, il 50,9% beve “qualche volta”. Sono in pochi a dichiarare di bere “spesso”.

La maggior parte si è approcciato la prima volta all’alcol tra gli 11 e i 14 anni.
Più della metà dei 12-15enni beve alcolici durante le feste (59,7%), il 18,8% quando è in compagnia degli amici. Con l’aumentare dell’età si riduce il consumo in occasioni particolari come le feste (43,4%) ed è invece in crescita l’uso di alcolici in compagni degli amici (28,6%).

Questi dati non stupiscono, né, di fatto, possono essere considerati particolarmente critici. L’alcol fa parte delle culture come il fumo e qualsiasi altro tipo di sostanza che, se abusata – e che sia legale o meno − produce effetti devastanti.

Una demonizzazione dell’uso dell’alcol tout court o una politica proibizionista poco mirata non farebbero altro che esasperare il fenomeno creando ulteriori ulcere al sistema. Senza risolvere.

Fondamentale la fondazione educativa della famiglia (inutile dirlo), e fondamentale la buona organizzazione di strutture dedicate al fenomeno quando nel giovane sia diventato patologia (con un aiuto sia medico sia psicologico).

Accanto a queste soluzioni fondamentali potrebbe accompagnarsi una politica che, senza troppi proclami ufficiali ma con un intervento capillare e discreto, potrebbe fare passare un messaggio in realtà molto caro ai giovani: il discorso sul libero arbitrio e sulla libertà.

 

 

 

 

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica