I primi cento anni di Gianni Rodari, genio “riverente” della letteratura per l’infanzia

I cento anni di un genio: Rodari

È stato uno di quegli anniversari di cui pochi si sono dimenticati. Una di quelle feste in cui l’effetto sorpresa è impossibile, perché tutti conoscono l’identità della persona da festeggiare e tutti vorrebbero partecipare al party in suo onore. E questo anche se l’ospite d’onore dovesse venire festeggiato in contumacia perché, per così dire, irraggiungibile. Che cosa avrebbe pensato però Gianni Rodari delle tante attenzioni che ha ricevuto in occasione della recente ricorrenza del centenario della nascita? Avrebbe gradito così tanti riguardi? Li avrebbe considerati tutti autentici e realmente sentiti? Uomo schivo e poco incline ai convenevoli, come non se ne sarebbe dato vanto, così, sicuramente, non avrebbe attribuito tanto peso alla questione, immaginando magari una di quelle storie in cui tutti festeggiano tutti nel nome di qualcuno che nessuno conosce e che quello stesso “qualcuno” non sa di essere. Insomma, una di quelle storie alla Rodari, propiziate dai casi della vita, dagli infortuni bislacchi del quotidiano, dagli incidenti di percorso che, come le lettere di un’insegna visibile solo per metà, obbligano a prendere direzioni non previste che potrebbero, alla fine, rivelarsi utili e giuste.

Storie fuori dall’ordinario

Questo è l’universo di Gianni Rodari, un mondo in cui la prevedibilità viene bandita nel nome di un ordine che, smontato di continuo, si presta a mille ricomposizioni. Così dimostrano di intenderlo i bambini che di Rodari e delle sue storie sono i principali (ma non gli unici, si badi) destinatari e consumatori. I loro disegni non sono meno eloquenti delle parole del più profondo e sensibile dei critici. Che le storie che inventava potessero diventare anche materiale per illustrazioni e disegni era uno degli obiettivi ai quali, in fin dei conti, l’autore della Grammatica della fantasia puntava. È in questo testo, superbo esempio di come dovrebbe essere un manuale di scrittura creativa, che, a proposito del bambino che inizia a leggere fumetti, Rodari scrive che «gioca con la propria mente, non con la storia». È quel che con altra parola si potrebbe definire l’atto del “fantasticare”, un’operazione che Angelo, dall’alto dei suoi sette anni, ha fatto sua, concentrando in un disegno che abbonda di cielo gli elementi narrativi che colorano una delle tante storie “sbagliate” di Rodari, non a caso intitolata proprio “A sbagliare le storie”, come se l’autore volesse mettere in guardia il lettore distratto e, nello stesso tempo, accendere ancor più la sua curiosità. È una delle Favole al telefono, la cui lettura è affidata a un nonno che racconta a suo modo “Cappuccetto rosso”. Sbaglia di continuo e il nipotino che lo ascolta deve intervenire ripetutamente per restituire ai fatti raccontati il loro “giusto” ordine. Cappuccetto rosso diventa un personaggio multicolore e un po’ camaleontico. Il nonno non ricorda, infatti, se sia davvero rosso e non, invece, verde o nero. Succede anche che il lupo famelico si trasformi in una giraffa e che i sentieri della narrazione si aggroviglino ancora una volta. Per Angelo il culmine della narrazione coincide proprio con l’irruzione della giraffa nel bel mezzo della favola che rende il bosco simile a una savana fatata. La visione di una giraffa, ospite inatteso ma non indesiderato, che gironzola nell’immaginario di Perrault è una di quelle esperienze della mente che si possono raccomandare a chi ama sparigliare i nessi di causalità, come sapeva fare Lewis Carroll nel suo mondo rovesciato e come sovente ha fatto anche Rodari.

I bambini disegnano i racconti  Gianni Rodari

Che Rodari sapesse parlare e intendere la lingua dei bambini (lingua fatta di peculiarità celate, bisogni comunicativi e grande forza espressiva) è risaputo e innegabile. Sottratte alla lente d’ingrandimento di interpretazioni troppo intellettualistiche, le storie rodariane si adattano, nei disegni dei bambini, a facili coreografie di colori e forme. Le loro produzioni sono facili, perché sanno di godere della piena licenza di disporne liberamente. Le storie che leggono li interpellano perché si facciano carico di completare la trama là dove l’autore, inguaribile smemorato, ha finto di omettere particolari essenziali. Spesso sono storie senza una fine, e tutti sappiamo quanto ai bambini non vadano a genio i racconti che non hanno un finale. Ma la “dimenticanza” dell’autore non li indispettisce, perché forse già sanno che la memoria dei più grandi diventa con gli anni simile a un hard disk che si satura e usura. È nei loro disegni che trova una parziale conferma, e quindi anche una parziale smentita, la dura profezia di Paola Mastrocola, che, polemizzando con gli epigoni del rodarismo oggi in Italia, ha scritto che «il mondo si sta avviando verso un’era afasica dove il linguaggio non sarà più verbale». I disegni di Nicolò, Christopher, Daniele, Massimiliano, Angelo, Anna e Giulio (fratelli di 6 e 8 anni che si cimentano su La strada che non portava da nessuna parte) fanno capire che sino a quando ci sarà materiale per una Fantastica (così Rodari chiamava il tentativo di costruire una disciplina della creatività), sino a quando le rappresentazioni del mondo conserveranno un margine di imprevedibilità, le parole potranno gorgogliare e farsi immagine e quell’animale simbolico che è, in fin dei conti, l’uomo, potrà non solo rompere, ma anche riempire e colorare il silenzio.

*Grazie a Angelo Bosu, Massimiliano Pruneddu, Anna Brozzu, Christopher Cocco, Daniele Onorato, Giulio Brozzu, Nicolò Casula per i disegni e per averci spiegato Rodani.

 

 

 

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare