L'opinione

I risvolti della glocalizzazione nello sfruttamento lavorativo agricolo

64

La ricerca accademica e la stampa nazionale e internazionale, insieme agli attori più direttamente impegnati sul tema del contrasto allo sfruttamento lavorativo (istituti di ricerca, sindacati, associazioni), si confrontano costantemente sugli strumenti più adeguati da utilizzare per sconfiggere questa che pare quasi essere presupposto costante dello sviluppo umano.

Lo sfruttamento lavorativo, infatti, sia pure variamente declinato, pare attraversare l’intero mercato del lavoro nazionale e internazionale con una particolare incidenza in quei settori dove è più richiesto l’impiego di manodopera, in particolare straniera, a scarsa specializzazione e a basso costo. Si tratta di uno dei temi più urgenti e nel contempo sintomatico della ridefinizione dei rapporti di forza tra capitale e lavoro legato alle dinamiche proprie della globalizzazione economica e alle regole, prassi, interessi e politiche conseguenti. Esso non è il presupposto di un solo settore economico ma caratteristica riscontrata in realtà in vari settori (sesso, accattonaggio, prostituzione, lavoro subordinato, commercio e servizi) tendente ad allargarsi all’intero mercato del lavoro globale1.

Le forme e le modalità del reclutamento e dello sfruttamento lavorativo in agricoltura, ad esempio, assumono delle caratteristiche originali in Italia e ancor di più in alcune sue aree specifiche (piana del Sele, provincia di Latina, astigiano, grossetano o ragusano solo per indicarne alcune); nel contempo ha elementi comuni con alcune aree in altri paesi occidentali (Romania, Grecia, Spagna, Francia e Stati Uniti). Questa dimensione sovranazionale è espressione della globalizzazione delle campagne (e più in generale dei territori complessivamente intesi) e dei processi di liberalizzazione del lavoro e dell’agricoltura al quale partecipano i flussi migratori2. Proprio questo scivolamento dell’impiego lavorativo nello sfruttamento sistemico legittima la fattispecie reale della riduzione o mantenimento in servitù di una persona (lavoratore o lavoratrice), prevista dal comma 1 (secondo periodo) e dal comma 2 dell’art. 600 del codice penale italiano.

Ciò significa in primis che esiste una norma nel nostro ordinamento che già disciplina la riduzione in servitù e che, se adeguatamente compresa e sostenuta da un apparato investigativo e giurisdizionale adeguato, potrebbe aiutare la repressione del fenomeno. Essa è stata introdotta con lo scopo di tutelare maggiormente il lavoratore e la sua inalienabile condizione di soggetto libero.

In Italia sono stati denunciati casi particolarmente gravi di riduzione in schiavitù o servitù legati soprattutto al lavoro turistico, edile e agricolo.

Il 26 maggio del 2015, ad esempio, a San Clemente (RN), un datore di lavoro italiano teneva una giovane lettone segregata in casa, riconoscendole appena 50 euro a settimana per lavorare senza regolare contratto di lavoro come collaboratrice domestica e barista, a cui si sommava la pretesa per la ragazza di firmare un contratto retrodatato a vantaggio integrale del suo datore di lavoro, oltre al sequestro dei suoi beni personali e dei documenti. Secondo inoltre quanto riporta il dossier Sfruttati a tempo indeterminato di In Migrazione (2014) andrebbe nella direzione della fattispecie normativa individuata la condanna impartita ad un imprenditore proprietario di un camping nel Comune di Terracina (LT) per riduzione in schiavitù di un lavoratore indiano originario del Punjab. Il ragazzo, entrato in Italia clandestinamente nel 2011, fu assunto come guardiano notturno e impiegato per svolgere varie mansioni, ritrovandosi a lavorare anche 24 ore continuative per circa 600 euro al mese. Una retribuzione particolarmente bassa e riconosciuta fino ad ottobre del 2012 quando, in seguito alla sanatoria concessa dal governo italiano, veniva riconosciuta la possibilità ai datori di lavoro di regolarizzare i propri dipendenti stranieri. Il giovane indiano venne così obbligato dal suo datore di lavoro a pagarsi i relativi contributi, rimanendo di fatto senza alcun reddito, fino a precipitare in una condizione sociale, economica e psicologica particolarmente grave e di conseguenza ad ammalarsi. Il lavoratore indiano riuscì a salvarsi solo grazie all’intervento di alcuni turisti che, sentendo i lamenti del giovane provenire dalla sua roulotte, lo soccorsero trovandolo in uno stato di abbandono e con gravi segni di malnutrizione.

1 Lo stesso concetto di settore lavorativo deve essere scollegato dalla sua tradizionale dimensione nazionale e elevato su un piano globale.

2 Cfr. Colloca C., Corrado A., La globalizzazione delle campagne, FrancoAngeli, Milano, 2013.

Altre opinioni dell'Autore
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Recensioni

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
La sfida dei Sindaci

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone