La Francia nel pallone

I Tg di martedì 14 maggio – La “Francia nel caos” (titolo La7) è in apertura sulle testate Rai e, appunto, su TgLa7, per l’abbinata tra i gravi disordini con feriti e arresti durante le proteste contro la nuova legge sul lavoro, e l’assassinio di due poliziotti a Parigi per mano di un ulteriore adepto dell’Isis, un individuo già in precedenza condannato e incarcerato per reati legati al terrorismo. C’è da chiedersi a quale filosofia rispondano le forze di sicurezza francesi, considerando che anche gli europei di calcio stanno mostrando seri problemi di ordine pubblico. Nei Tg di serata ancora forti i riflessi della strage di ieri in Florida, mentre le motivazioni dell’assassino (che frequentava abitualmente gli stessi ambienti gay che ha scelto come obbiettivi), appaiono sempre più legate solo marginalmente alla radicalizzazione islamista.

Le 3 testate Mediaset aprono sulle condizioni (buone) di Berlusconi, uscito nel primo pomeriggio da un’operazione di 4 ore a cuore aperto. Servizi anche per gli altri, con al centro le dichiarazioni non del “cerchio magico”, ma della famiglia e degli amici storici. A 72 ore dal termine della campagna per i ballottaggi, tiriamo un sospiro di sollievo segnalando la totale assenza di riferimenti nei titoli.

Più spazio alla brexit e ai sondaggi (TgLa7) che fanno innalzare la tensione e inabissare gli indici di borsa: quinto giorno di crollo.

La politica propone lo scontro tutto interno al governo tra Alfano e Calenda su Vegas e Consob (in evidenza solo su La7), e soprattutto i contorni finalmente meno labili sulle imminenti proposte del governo sulla flessibilità in uscita per le pensioni: titoli per Rai e La7. Lo stesso avverbio, “finalmente”, vale per la “buona notizia” del passaggio in Aula della legge del “dopo di noi”, sull’assistenza a chi ha problemi e non più la famiglia che se ne occupa.

Tg5 si occupa ancora di immigrazione con servizio sui numeri della “tratta degli schiavi”, molti dei quali minorenni. Tg2 dedica il quotidiano approfondimento alle ecomafie che lucrano sui rifiuti, svelando che la piaga non è solo al sud.

Ovviamente spazio di relax , occupato dal risorto spirito nazionale per la bella vittoria degli Azzurri di Conte di ieri sera contro il Belgio e che, al momento, mette d’accordo tutti. Chissà quanto durerà.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento