L'opinione

Allons enfants…

101

I Tg di mercoledì 15 giugno – Tutte le testate, con l’eccezione di Tg1 e Tg2, aprono, come ieri sera, ancora una volta sulla Francia nella giornata in cui il premier Valls profetizza “altro sangue per un’intera generazione”. I cugini transalpini stanno passando un momento molto difficile e, quindi, non si può eccedere nelle semplificazioni. Certo, l’annaspare delle forze di sicurezza e le difficoltà di gestione dell’ordine pubblico legate agli europei segnalano un deficit di organizzazione e divisione che rimanda alla più generale crisi di un establishment francese che “paga prezzi” su tutti i fronti. Se poi si aggiunge che il conflitto sociale ha toccato punte inusitate nella tranquilla società francese, e che anche su una minuzia come gli arresti degli hoolingans russi per Parigi si apre il fronte della protesta da parte di Putin, non resta da parte nostra che fare gli auguri di “pronto ristabilimento”. Anche nei Tg di serata prevale un sentimento di preoccupazione e, per fortuna, non di sterile attacco sciovinista.

Come dicevamo, Tg1 e Tg2 aprono su altro: la stretta del governo contro i “furbetti del cartellino”, gridata a pieni polmoni da un Matteo Renzi in cerca di quel consenso che, negli ultimi mesi, sembra mancargli. “Cattivi ma giusti”, così il premier definisce i licenziamenti che si profilano all’orizzonte per i dipendenti della P.A che timbrano e vanno a fare la spesa, in palestra e quant’altro. L’enfasi è in questo caso forse eccessiva, ma probabilmente pagante, e non a caso i Tg Mediaset – solitamente “prodighi” di servizi sul pubblico assenteismo – tengono un basso profilo. Tutt’altro che eccessiva ci è parsa, invece, la rivendicazione del governo in merito al varo della legge sul “Dopo di Noi”, una grande scelta di civiltà che ha trovato spazio e commenti soprattutto sul Tg1. Sempre riguardo a Mediaset, in scontata evidenza (titoli per tutti) le condizioni di Berlusconi, per altro “alte” anche su Tg1.

Ieri avevano segnalato, positivamente, l’assenza dei consueti toni “politico polemici”. Questa sera il triangolo D’Alema-Repubblica-Renzi sulla possibile sponsorizzazione della M5S Raggi per affossare il premier, ottiene forse troppa attenzione, con Tg La7 che titola sull’ennesimo psicodramma all’interno del Pd, cui – aggiungiamo noi – la querelle di giornata non toglie né aggiunge nulla.

Prosegue l’altalena in borsa a 8 giorni dal voto sul referendum in Gran Bretagna (titoli per tutti). Avremmo gradito che qualche telegiornale ci raccontasse che, comunque, il ruolo della speculazione anche in questo caso è decisivo: per chi perde c’è sempre qualcuno che guadagna sfruttando il “senso comune” che giorno per giorno si manifesta nel mercato finanziario.

La giornalista di Agorà minacciata di morte questa mattina in diretta da Tor Bella Monacarientra nel quadro delle difficoltà della professione. In questo caso la diretta ha rappresentato una “scorta mediatica” difficilmente aggirabile, e scommettiamo che nelle prossime ore chi ha minacciato sarà chiamato a risponderne. Non capita lo stesso quanto tanti giornalisti “di periferia” vengono minacciati o devono girare con la scorta, quella vera. Servizi solo per i Tg Rai.

Chiudiamo con l’appello dei genitori di Giulio Regeni che davanti alla Commissione Diritti Umani del Parlamento Europeo chiede che vengano prese misure doverose quanto drastiche nei confronti dell’Egitto. Nei titoli per Tg1, servizi per tutti tranne Studio Aperto.

Altre opinioni dell'Autore
Informazione

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

La rivoluzione digitale ha generato un salto “epistemologico”, ha modificando le categorie stesse della conoscenza, spazio e tempo non sono più le forme a priori kantiane delle nostre sensazioni siamo, insomma, un passo oltre.
di Massimiliano Cannata
Fisco

Autonomia differenziata. “Rischia di alimentare la fake news del Sud che “campa” alle spalle del Nord”

Per la prima volta nella storia della Repubblica è stata chiesta in maniera ufficiale un’indagine conoscitiva per appurare in modo oggettivo quale...
di Marco Ascione
International

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

Europa e Cina con lo sguardo verso l’Asia Centrale, area di scontri geopolitici ma anche, e sempre di più, mercato economico in scesa verso il quale si stanno direzionando cospicui investimenti internazionali. L'approfondimento
di Giuliano Bifolchi
Ambiente

Corpo Forestale assorbito nell’Arma, per la Corte Costituzionale è legittimo. Del Sette: “Sentenza netta”

La Corte Costituzionale, con la sentenza pubblicata lo scorso 10 luglio, ha confermato la legittimità della riforma legislativa concernente l’assorbimento nell’Arma dei Carabinieri del disciolto Corpo Forestale dello Stato. Tullio Del Sette: "Sentenza netta, che ha spazzato via definitivamente, senza possibilità di appello, le riserve di alcuni sulla legittimità costituzionale".
di Tullio Del Sette
Criminalità e contrasto

Sicurezza e scandalo in magistratura, Sorgi: “Rischio per l’indipendenza dei magistrati”

Dal fenomeno del caporalato a quello del lavoro nero, passando per le infiltrazioni mafiose e della 'ndrina, in particolare, nella regione Emilia Romagna; fino alle misure previste dai decreti “sicurezza”, e ai recenti scandali che hanno coinvolto la magistratura. Intervista al magistrato Carlo Sorgi.
di Marco Omizzolo
Europa

Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato.
di Carmelo Cedrone
Ambiente

Ricerca: insetti per produrre energia e fertilizzanti agricoli. Il progetto del Centro Enea

Utilizzare gli insetti che si nutrono di materia organica in decomposizione per la produzione di biocarburanti avanzati, materiali innovativi biodegradabili o fertilizzanti...
di redazione
Gioco

Giochi: la stretta normativa può accrescere l’illegalità. La Corte dei Conti conferma le tesi dell’Eurispes

La riduzione del numero degli apparecchi da intrattenimento unita all’inasprimento delle limitazioni delle distanze da luoghi cosiddetti sensibili e degli orari di gioco da parte di norme regionali e locali, hanno determinato una contrazione del mercato legale e un probabile incremento dei fenomeni illegali. Lo dice la Corte dei Conti.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Economia

La criptovaluta diventa “moneta di Stato”. Il caso del “petro”

Il “petro” in Venezuela, lo “yuan digitale” in Cina, il “payMon” nella Repubblica islamica: l'avvento della “criptovauta di Stato” rappresenta il tentativo di “imbrigliare” una tecnologia nata in base ad un principio di “anarchia finanziaria” in un sistema regolato e, quindi, nuovamente controllato.
di Giovambattista Palumbo
Finanza

Banche, la donna che “traghetta” l’Italia verso le nuove sfide dell’open banking

Trasformazione e digitalizzazione del sistema finanziario: negli ultimi anni, il sistema dei pagamenti e l'organizzazione delle imprese e delle banche è profondamente cambiato. Tra gli artefici e i protagonisti di questa transizione, il Consorzio CBI, da poche settimane diventato una società consortile per azioni. Ne parliamo con Liliana Fratini Passi, Direttore Generale di CBI S.c.p.a.
di Valentina Renzopaoli