Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Allons enfants…

I Tg di mercoledì 15 giugno – Tutte le testate, con l’eccezione di Tg1 e Tg2, aprono, come ieri sera, ancora una volta sulla Francia nella giornata in cui il premier Valls profetizza “altro sangue per un’intera generazione”. I cugini transalpini stanno passando un momento molto difficile e, quindi, non si può eccedere nelle semplificazioni. Certo, l’annaspare delle forze di sicurezza e le difficoltà di gestione dell’ordine pubblico legate agli europei segnalano un deficit di organizzazione e divisione che rimanda alla più generale crisi di un establishment francese che “paga prezzi” su tutti i fronti. Se poi si aggiunge che il conflitto sociale ha toccato punte inusitate nella tranquilla società francese, e che anche su una minuzia come gli arresti degli hoolingans russi per Parigi si apre il fronte della protesta da parte di Putin, non resta da parte nostra che fare gli auguri di “pronto ristabilimento”. Anche nei Tg di serata prevale un sentimento di preoccupazione e, per fortuna, non di sterile attacco sciovinista.

Come dicevamo, Tg1 e Tg2 aprono su altro: la stretta del governo contro i “furbetti del cartellino”, gridata a pieni polmoni da un Matteo Renzi in cerca di quel consenso che, negli ultimi mesi, sembra mancargli. “Cattivi ma giusti”, così il premier definisce i licenziamenti che si profilano all’orizzonte per i dipendenti della P.A che timbrano e vanno a fare la spesa, in palestra e quant’altro. L’enfasi è in questo caso forse eccessiva, ma probabilmente pagante, e non a caso i Tg Mediaset – solitamente “prodighi” di servizi sul pubblico assenteismo – tengono un basso profilo. Tutt’altro che eccessiva ci è parsa, invece, la rivendicazione del governo in merito al varo della legge sul “Dopo di Noi”, una grande scelta di civiltà che ha trovato spazio e commenti soprattutto sul Tg1. Sempre riguardo a Mediaset, in scontata evidenza (titoli per tutti) le condizioni di Berlusconi, per altro “alte” anche su Tg1.

Ieri avevano segnalato, positivamente, l’assenza dei consueti toni “politico polemici”. Questa sera il triangolo D’Alema-Repubblica-Renzi sulla possibile sponsorizzazione della M5S Raggi per affossare il premier, ottiene forse troppa attenzione, con Tg La7 che titola sull’ennesimo psicodramma all’interno del Pd, cui – aggiungiamo noi – la querelle di giornata non toglie né aggiunge nulla.

Prosegue l’altalena in borsa a 8 giorni dal voto sul referendum in Gran Bretagna (titoli per tutti). Avremmo gradito che qualche telegiornale ci raccontasse che, comunque, il ruolo della speculazione anche in questo caso è decisivo: per chi perde c’è sempre qualcuno che guadagna sfruttando il “senso comune” che giorno per giorno si manifesta nel mercato finanziario.

La giornalista di Agorà minacciata di morte questa mattina in diretta da Tor Bella Monacarientra nel quadro delle difficoltà della professione. In questo caso la diretta ha rappresentato una “scorta mediatica” difficilmente aggirabile, e scommettiamo che nelle prossime ore chi ha minacciato sarà chiamato a risponderne. Non capita lo stesso quanto tanti giornalisti “di periferia” vengono minacciati o devono girare con la scorta, quella vera. Servizi solo per i Tg Rai.

Chiudiamo con l’appello dei genitori di Giulio Regeni che davanti alla Commissione Diritti Umani del Parlamento Europeo chiede che vengano prese misure doverose quanto drastiche nei confronti dell’Egitto. Nei titoli per Tg1, servizi per tutti tranne Studio Aperto.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare