I Tg raccontano il trionfo di Salvini ed il tonfo di Di Maio. L’analisi

I nuovi rapporti di forza nella maggioranza, decretati dai risultati delle europee, conquistano le aperture di inizio settimana. Il “trionfo” di Salvini, il dimezzamento dei consensi dei 5 Stelle, e il destino del Governo vengono indagati dalle reti ammiraglie di Rai e di Mediaset, che lunedì propongono i giudizi di alcuni editorialisti della carta stampata: Marco Travaglio (Fatto Quotidiano) e Luciano Fontana (Corriere della Sera) per Tg1, Alessandro Sallusti (Il Giornale) e Claudio Cerasa (Il Foglio) per il Tg5. La settimana dal 27 al 31 maggio, secondo l’analisi condottta dall’Osservatorio Tg Eurispes, è stata perlopiù dedicata ai risultati delle elezioni europee, ma sempre in chiave nazionale.

Le tensioni all’interno del Movimento 5 Stelle, dopo questi devastanti risultati sono state seguite da tutte le testate, con i Tg delle 20 di giovedì che danno in tempo reale il risultato scontato del voto chiesto da Di Maio sulla sua leadership. Analoghi spazi hanno trovato le dichiarazioni di Salvini, che da una posizione chiaramente di forza, sprona l’alleato di Governo a “smetterla con i no” e a procedere con le riforme, con la Tav e le autonomie. Su questo ultimo tema, Tg2 intervista venerdì la Presidente del Senato, Casellati.

Assai minori coperture vanno al mutato panorama europeo, con le forze sovraniste che crescono ma non “sfondano”, mentre al calo delle due storiche formazioni (democristiani e socialdemocratici), segue la crescita dei Verdi, che assurgono a quarto gruppo del Parlamento Europeo, subito dopo i liberali di Alde. Presenti nei servizi (coperture per tutti, ma attenzione speciale del Tg2) i successi di Le Pen, Farage ed Orban. Tg3, Tg5 e Tg La7 titolano martedì sulla corsa per le cariche europee, con l’Italia che, in procinto di perdere alcune importanti figure (Tajani e Draghi), difficilmente potrà acquistarne di equivalenti.

Discreto spazio anche alle opposizioni. Il modesto successo del Partito Democratico viene segnalato dai Tg Rai, mentre Mediaset elogia la “tenuta” di Forza Italia grazie al traino del suo storico leader. Proprio Berlusconi, ormai proiettato in una dimensione “europea”, ha collezionato durante la passata campagna elettorale il maggior numero di interventi di stampo “europeista” nei servizi dei Tg del primetime, con ben 44 presenze. I dissidi interni al partito sconfitto dell’ex Premier, che si avvia (forse) al suo primo (vero) Congresso, sono appena sfiorati dai Tg amici, mentre hanno spazio nei servizi dei Tg Rai e La7, che segnalano anche gli scambi tutt’altro che amichevoli con il partito della Meloni.

Demopolis su Tg3: in 5 anni 7 italiani su 10 hanno cambiato il loro voto. Tg2 illumina la Riace di Salvini, che “boccia” l’accoglienza
Tg2 e Tg3 concentrano la propria attenzione sui cambiamenti nell’elettorato, anche in relazione ai risultati delle elezioni comunali. La “conquista” di Riace, Lampedusa e Capalbio da parte della Lega, lunedì, viene inquadrata in un servizio alquanto goliardico dal Tg2, che giovedì dedica titolo ed un approfondimento alla situazione di Riace, dove i cittadini hanno “bocciato il modello dell’accoglienza” del Sindaco, Mimmo Lucano. Tg3 propone martedì un’analisi di Demopolis che sottolinea l’orientamento volatile dell’elettorato: negli ultimi 5 anni ben 7 elettori su 10 avrebbero cambiato il partito per il quale votavano tradizionalmente, o nella precedente occasione.

Il “mistero” sulla lettera all’Europa. L’Istat certifica la “non crescita”
Grande spazio ha trovato, fin dai titoli, l’atteso arrivo mercoledì della lettera di richiamo della Commissione Ue (apertura per Tg3, Tg1 e Tg5, e complessivamente 16 presenze nei titoli nella settimana). Venerdì va in onda il “giallo” (apertura per tutti) della diffusione delle anticipazioni della lettera di risposta ‒ poi smentite ‒ che avevano prodotto l’alzata di scudi da parte dei 5 Stelle per gli ipotizzati tagli a “quota 100” e, soprattutto, al reddito di cittadinanza.

Sempre venerdì le testate registrano i nuovo dati negativi diffusi dall’’Istat, per il quale nel primo trimestre, la crescita è stata di appena lo 0,1%. Attenzione diffusa per tutti anche allo spread, che torna a sfiorare quota 300. Ripreso, anche se sottotono, l’intervento del Presidente di Bankitalia, Visco. L’ipotesi di fusione tra Fiat Chrysler e Renault raccoglie lunedì ben 4 titoli, mentre Tg5 giovedì segnala con allarme il passaggio ad un’azienda francese dell’azienda casearia Nuova Castelli.

“Caso Rixi”: “mina disinnescata” per il Governo. “Caso Palamara”, Caselli su Tg3: “Siluro sulla credibilità della Magistratura”
Le dimissioni del Viceministro leghista Rixi (apertura per tutti giovedì), arrivate subito dopo la condanna per corruzione e peculato e subito accettate da Salvini, fanno parlare i Tg di serata con un’unica voce: “mina disinnescata” per il Governo gialloverde, per il quale sembrava prefigurarsi “l’ennesima resa dei conti” (Tg5).

Assai presente fin dai titoli, l’inchiesta che investe l’ex presidente della Anm Luca Palamara. Tg3 interpella venerdì l’ex Procuratore di Torino e Palermo, Gian Carlo Caselli, che segnala la forte perdita di credibilità che questa vicenda causa all’intera Magistratura.

Gli sbarchi, lontani dai riflettori della politica. Silenzio anche sulla Libia
Le operazioni di soccorso della Marina italiana ad un barcone di migranti nel canale di Sicilia sono riprese giovedì nei titoli da Tg3 e Tg La7, ed oggetto di brevi servizi. Lontane dall’attenzione della politica, i nuovi (pochi) sbarchi e la situazione dell’accoglienza nei comuni, resa in alcuni casi ingestibile dal decreto sicurezza, è trattata solo dal Tg3, mentre Tg2 riporta venerdì dell’arresto di un’altra organizzazione impegnata nella contraffazione di permessi di soggiorno. Se ciascuna testata “suona la sua campana”, da oltremare regna un grande silenzio rispetto alla situazione libica, dove si continua a combattere anche se nessuna testata ne parla.

Ergastolo per l’omicidio di Pamela
Più contenuta rispetto alle scorse settimane la cronaca, per la quale spicca (5 titoli) il processo sulla morte di Pamela Mastropietro, con Tg2 che mercoledì intervista la madre della 18enne assassinata e giovedì dedica l’apertura alla sentenza di condanna di Innocent Osegale. Titoli anche per Tg3 e Tg La7, mentre i Tg Mediaset rilanciano collegamenti in diretta dall’esterno del tribunale.

Ultime notizie
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*
Società

Disuguaglianza di genere e violenza sulle donne. Un’emergenza nell’emergenza

La violenza di genere è un fenomeno che affonda le sue radici nella disuguaglianza di genere e persiste nell’affermarsi come una fra le più importanti violazioni dei diritti umani in tutte le società. Non a caso, è stata definita dall’ONU come un “flagello mondiale”.
di Lavinia Ferrari e Giulia Putzolu
Criminalità e contrasto

L’evasione fiscale brucia ogni secondo lo stipendio annuale di un infermiere

Il primo studio sullo Stato della giustizia fiscale realizzato da Tax Justice Network indica che ogni anno vanno in fumo 427 miliardi di dollari a causa dell’evasione fiscale. La fetta maggiore di evasione è praticata dalle multinazionali, che anziché pagare le tasse dovute al paese in cui originano e operano, trasferiscono la sede legale nei paradisi fiscali.
di Roberta Rega
Cultura

I primi cento anni di Gianni Rodari, genio “riverente” della letteratura per l’infanzia

Che cosa avrebbe pensato Gianni Rodari delle tante attenzioni che ha ricevuto in occasione della recente ricorrenza del centenario della nascita? Abbiamo pensato di rendergli omaggio con l’aiuto dei suoi critici più attenti: i bambini.
di Giuseppe Pulina
Lavoro

Gig economy e nuove frontiere del lavoro. Quali diritti per i riders?

La Gig economy è l’emblema di un sistema di produzione avanzato e non retrogrado, normato e fondato sul rapporto fra coloro che utilizzano il lavoro umano e coloro che invece lo forniscono, comprendendo una gamma assai ampia di lavoro autonomo fasullo. Anche l’Italia è investita da questo fenomeno, in particolar modo per quanto riguarda i riders.
di Marco Omizzolo
Intervista

11 milioni di italiani con meno cure. Sanità non è solo fermare il Covid

La prima ondata della pandemia ha causato importanti disagi e ripercussioni a carico degli undici milioni di cittadini affetti dalle patologie diverse dal Covid, cioè i pazienti oncologici, ematologici e cardiologici. Intervista al Prof. Francesco Cognetti Presidente Federazione Foce.
di Emilio Albertario
Cultura

Gli Hate speech online, quando la comunicazione dell’odio è organizzata

Nella Rete l’hate speech inizia ad essere sempre meno legato allo spontaneismo digitale e sempre più legato al fenomeno dei cosiddetti appaltatori dell’odio. L’intervento dell’Avv. Prof. Roberto De Vita, Presidente dell’Osservatorio Cybersecurity dell’Eurispes alla conferenza online promossa da Unar.
di Roberto De Vita
Criminalità e contrasto

L’emergenza della Calabria è un’emergenza nazionale. Intervista al Presidente della Commissione Parlamentare antimafia, Nicola Morra

La complessità della situazione in Calabria dove la Sanità resta senza una guida nel pieno della seconda ondata della pandemia, il ruolo dei boss in carcere e le infiltrazioni negli organi dello Stato. Questi i temi toccati nell’intervista a Nicola Morra, Presidente della Commissione Parlamentare antimafia.
di Emilio Albertario
Video

Come se non ci fosse più un Natale

  Una famosa frase attribuita a Mao, ma che in realtà era di Confucio, dice pressappoco cosi: «Grande è la confusione sotto il...
di Emilio Albertario