Giornata mondiale senza tabacco. Eurispes: “Rafforzare strategie per la riduzione del danno”

88

Indetta nel 1988 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la Giornata Mondiale di lotta al tabagismo è divenuta nei decenni un’importante occasione per valutare a l’efficacia delle politiche finalizzate a limitare i danni derivanti dal consumo di tabacco, che ogni anno produce nel mondo almeno 70 milioni di morti.
Le politiche di dissuasione, attuate in Italia dalla legge Sirchia del 2003, hanno comportato una contrazione di consumi la cui parabola, però, negli ultimi anni è andata declinando. Oggi (dati 2019) i fumatori nel nostro Paese sono ancora più di 11,6 milioni, una quota pari al 22% della popolazione: un dato corrispondente a quello riscontrato nell’ultimo decennio; mentre fuma l’11,1% dei giovani tra i 14 e i 17 anni. Negli ultimi anni è diminuita la quota dei fumatori, ma è cresciuta quella delle fumatrici. Le morti legate al fumo sono in Italia più di 70mila ogni anno.
Di fronte a questi dati drammatici, è sempre più doveroso interrogarsi sulla validità delle politiche di dissuasione e sulla efficacia delle campagne di comunicazione indirizzate in primo luogo ai giovani.
Per ridurre i consumi di tabacco lo Stato è intervenuto principalmente attraverso la leva delle accise, alzando il costo del pacchetto di sigarette, o degli altri prodotti dl tabacco, ma una quota assai rilevante e stabile di fumatori non si dimostra aggredibile da questo punto di vista. Su di un altro versante, l’offerta di assistenza a chi vuole smettere di fiumare gestita dai Dipartimenti delle Dipendenze della Asl e dai Centri anti-fumo, riesce a intercettare una media di soli 17mila pazienti l’anno, con un tasso di efficacia, ad un anno dal primo intervento, inferiore al 50%.
In una ricerca del 2018, l’Eurispes ha segnalato che solo il 9% dei fumatori italiani dichiara di voler smettere “entro 6 mesi”, e un 17,6% “non in tempi brevi”. Ma il dato più eclatante è quello relativo ai fumatori che dichiarano di non voler “assolutamente” smettere (18,3%), mentre il 26,6% afferma che “dovrebbe”, ma non “vuole” farlo. Il 28,5% afferma infine che “dovrebbe”, ma che ritiene di “non riuscire a smettere”. La somma di queste percentuali genera una quota del 73,4%; quasi tre quarti dei fumatori è dunque fuori da qualsiasi percorso, anche solo ipotetico, di abbandono del consumo di tabacco.
Di fronte a questi dati e a questi atteggiamenti, facilmente riscontrabili da chiunque abbia consuetudine di rapporti con fumatori, c’è da chiedersi se il “golden standard” della cessazione dall’abitudine al fumo e le doverose politiche di dissuasione verso i più giovani, siano gli unici percorsi su cui impegnare il sistema socio-sanitario e quello della comunicazione o se, in aggiunta, non debba essere preso in seria considerazione l’obiettivo della “riduzione del danno”.
Da questo punto di vista alcuni paesi sono senz’altro più avanti dell’Italia nella valorizzazione dei nuovi strumenti presenti sul mercato, ovvero i vaporizzatori (sigaretta elettronica) e i device per il tabacco riscaldato. Per fare gli esempi più interessanti, il Giappone negli ultimi anni ha visto salire la quota di mercato del tabacco riscaldato fino al 25% del preesistente consumo di tabacco combusto, mentre in Gran Bretagna la sigaretta elettronica ha conquistato milioni di consumatori ed è promossa dalle autorità sanitarie nazionali come valido strumento per l’abbandono del tabacco combusto; gli Stati Uniti hanno adottato un rigoroso processo di valutazione dei prodotti innovativi, basato su evidenze scientifiche.
A livello internazionale, non mancano studi pubblici e indipendenti che attestano la minor tossicità dei liquidi delle e-cigarette e degli stick del tabacco riscaldato, anche se è doveroso che si continui a ricercare e a validare, a livello scientifico e di analisi epidemiologica, questi nuovi strumenti.
È legittimo che non si abbandoni il “principio di precauzione” rispetto a prodotti che hanno pochi anni di vita e di presenza sul mercato; ma ciò non significa che l’evidente “riduzione del danno” derivante dal passaggio dal tabacco combusto all’e-cigarette o al tabacco riscaldato, debba essere sminuita e non valorizzata per ridurre i danni alla salute dei fumatori tradizionali.
Nella citata ricerca del 2018, l’Eurispes segnalava come ben l’82,2 % dei fumatori italiani si è dichiarato desideroso di essere informato sull’esistenza di prodotti alternativi al fumo tradizionale, e meno dannosi per la salute. Il 61,7%, inoltre, si è detto disponibile a passare a questi nuovi prodotti, una volta verificata la loro minore nocività. Lo Stato ha, in qualche misura, riconosciuto questa minore nocività, e nella Legge di Stabilità del dicembre scorso ha fortemente abbattuto le accise sui nuovi prodotti. Questa attenzione – che senz’altro va confermata – dovrebbe condurre ad una apertura anche nell’area della comunicazione, rispettando il diritto del consumatore ad essere informato e guidato verso scelte più adeguate a preservare la salute. Sarebbe utile che anche le autorità sanitarie del Paese, Ministero e Istituto Superiore di Sanità, mostrassero una maggiore apertura, evitando di fare del “principio di precauzione” un alibi per chiusure pregiudiziali o non accordate con i bisogni e le condizioni reali dei cittadini-fumatori.

Per approfondimento, è possibile consultare:

la ricerca dell’Eurispes “Fumo: nuovi prodotti e riduzione del danno. L’impatto di sigarette elettroniche e tabacco riscaldato”

https://eurispes.eu/ricerca-rapporto/fumo-nuovi-prodotti-e-riduzione-del-danno-2018/

la ricerca dell’Eurispes “Verso la riduzione del danno. Il mondo del vaping alla luce della nuova regolamentazione fiscale”

https://eurispes.eu/ricerca-rapporto/2019-2/verso-la-riduzione-del-danno-il-mondo-del-vaping-alla-luce-della-nuova-regolamentazione-fiscale-2019/

Ultime notizie
Gioco

Lotta al gioco illegale: Agenzia delle Dogane e Monopoli e Forze dell’ordine firmano il nuovo regolamento

Il Direttore Generale dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli, Marcello Minenna, insieme al Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Giovanni Nistri, al Comandante Generale della Guardia di Finanza, Giuseppe Zafarana, e al Capo della Polizia, Franco Gabrielli, hanno firmato il Regolamento Operativo del “Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, la sicurezza del gioco e la tutela dei minori”.
di redazione
Gioco

E-Sport, il gaming è in salute dopo il Covid. Olimpiadi più vicine

Che cosa è accaduto nel mondo del gaming nel periodo della pandemia del Covid-19? Secondo le ultime previsioni, l’emergenza sta rappresentando una incredibile opportunità di crescita per il settore degli E-Sports.
di Valentina Renzopaoli
Cultura

Fellini-Sordi a 100 anni dalla nascita. La mostra dell’Archivio Riccardi a Spazio 5

Il 20 gennaio e il 15 giugno di quest'anno Federico Fellini e Alberto Sordi avrebbero compiuto 100 anni. Per celebrarne il genio e il peso avuto nel panorama cinematografico italiano e non solo, è stata organizzata la mostra: "Fellini-Sordi, 100 anni per i protagonisti del cinema italiano".
di redazione
scuola

Il ritorno dell’educazione civica nelle Scuole: italiani favorevoli

L’importanza di reintrodurre l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole ha trovato il favore della maggior parte degli italiani (67,8%) nell’ultima indagine condotta sul...
di redazione
Osservatori

Iva e scuola: nei Tg l’anticipo di campagna elettorale. Azzolina al centro delle polemiche. Sileri e il dilemma del Mes

L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 22 al 26 giugno – Il dibattito tra le forze politiche su molti fronti...
di Eurispes e Coris Sapienza
Europa

Superare la “democrazia del ricatto”. Un Piano per la prossima generazione Ue

Il Piano anticrisi dell’Unione rappresenta un passo piccolissimo, ma comunque importante perché rompe un tabù ed indica una nuova direzione di marcia per l’Europa, con un profondo significato politico. Restano però molti nodi aperti in Europa, dove ancora ci sono paesi che usano il diritto di veto come un’arma per impedire che gli altri avanzino.
di Carmelo Cedrone*
Criminalità e contrasto

Abbassare la soglia di spendibilità del contante davvero favorisce la lotta al riciclaggio?

Il contante rappresenta, da sempre, il principale canale di riciclaggio dei proventi di attività illecita e contingentarne l’uso ha dato nel tempo risultati strategici, apprezzabili anche in termini di prevenzione e contrasto al finanziamento del terrorismo internazionale. Quanto maggiore è stata l’attenzione investigativa verso il contante, tanto più le organizzazioni criminali hanno saputo diversificare la forma di manifestazione di quei proventi in un complesso processo di dematerializzazione delle attività criminali.
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Luciano Canfora all’Eurispes: “I fascismi hanno immense praterie a loro disposizione. Gli aiuti europei? Vengano utilizzati contro le disuguaglianze sociali”

Luciano Canfora nell'intervista rilasciata all'Eurispes auspica, senza ottimismo, che “questa rabbia sociale riesca a imporre all’attenzione un malessere profondo che attraversa il Paese, vissuto dalle fasce più deboli della popolazione, sostanzialmente abbandonate a se stesse”.
di Alfonso Lo Sardo
Cultura

Riscopriamo l’etica pubblica per uscire dalla crisi

Il quarto shock è il titolo di un interessante scritto del filosofo della politica, Sebastiano Maffettone, sulla “filosofia del presente”. «Il virus ha cambiato il nostro modo di vedere e abitare il mondo, stiamo acquisendo la consapevolezza che bisogna fare qualcosa perché il modo in cui abbiamo proceduto nell’ultimo periodo storico non ha funzionato».
di Massimiliano Cannata
Innovazione

Lo sviluppo della telemedicina: una opportunità da non perdere

L’utilizzo della tecnologia elettronica in àmbito sanitario costituisce una delle componenti fondamentali del futuro modello di governance alla cui implementazione si dovrà provvedere sollecitamente per garantire al meglio, e in modo uniforme, la tutela della salute delle persone.
di Francesco Giulio Cuttaia